LUKASHENKO CHI? L’IMBARAZZANTE POLITICA ESTERA DELL’ITALIA SPA

4 maggio 2011 in Esteri, Politica

Che il Governo fosse morbosamente attratto dai regimi meno democratici del pianeta lo sapevamo già. Che Berlusconi stringesse relazioni politiche con i personaggi più biechi al potere nel mondo era cosa nota. Che la nostra presenza nel contesto internazionale è la stessa di un pagliaccio ad una cena di gala, vedi le corna al ministro spagnolo Piquet o il “cucù” alla cancelliera tedesca Merkel, purtroppo lo avevamo ormai capito. Per questo l’ignoranza sfoggiata da Ignazio La Russa, che ieri sera durante la puntata di Ballarò chiedeva informazioni sulla politica estera italiana ad un malcapitato collaboratore, non stupisce più di tanto: però indigna che un Ministro della Difesa non conosca il presidente della Bielorussia, che per di più è “l’ultimo dittatore e tiranno d’Europa” secondo la definizione degli Stati Uniti. Eppure hanno un amico in comune.

Poteva Berlusconi lasciarsi sfuggire l’occasione di inserire il nome di Lukashenko nella rubrica del suo diario “I miei migliori amici”? Ovviamente no, anzi lo ha inserito tra Gheddafi e Putin, aumentando la lista di ‘paladini della democrazia’ con i quali solo lui ha il coraggio di siglare accordi a pacchi, per poi correre a bombardarli quando lo ordina Sarkozy piuttosto che Obama. L’ignoranza del Ministro La Russa non va però biasimata, è normale che non conosca la nostra politica estera perché non ce l’abbiamo: Berlusconi stringe rapporti personali con altri Capi di Governo, meglio se un po’ dittatorelli, per sviluppare affari d’oro come le centrali di stoccaggio del gas in accordo con i russi o le partecipazioni societarie in comune con il regime libico, mica per sviluppare la nostra strategia geopolitica. L’Italia S.p.A., amministratore delegato il dottor Caimano, è un’azienda nella quale ai collaboratori poco importa come si fanno gli affari: purché mantengano la poltrona, non si sprecano a sforzarsi di conoscere chi sono i soci.

Questa è la maggioranza che sta guidando il nostro Paese: sentire il premier Berlusconi che omaggia un despota, con l’aria di chi ne invidia i metodi illiberali di conquista del consenso, e guardare il Ministro La Russa mentre mendica informazioni su Lukashenko che, purtroppo, è uno dei nostri partner internazionali, dovrebbe dare una percezione che va al di là degli schieramenti e si inserisce in un più ampio contesto di dignità della politica italiana. Bisogna coinvolgere sempre più persone su questi ragionamenti perché, di fronte ad un tale spettacolo tragicomico, anche i più sordi capiranno che questo Governo sta facendo del male al nostro Paese.

Per il Ministro solo una domanda: non si vergogna?

Visualizza il Video su Youtube
LUKASHENKO CHI? L’IMBARAZZANTE POLITICA ESTERA DELL’ITALIA SPA

3 Commenti

    1. Nicola scrive:

      Una lezione di vita.
      Ormai non c’è più niente che possa meravigliarci, siamo alla frutta secca.

    2. mario marino scrive:

      guardateli come ridono………………..le loro cose vanno molto ma molto bene ELETTORE NON DIMENTICARE CHE TU SEI UN SEMPICE COMUNE MORTALE LORO SONO GLI “ELETTI” a loro è concesso tutto.

    3. LeonardoZen scrive:

      non solo il ministro si deve vergognare ma anche tutti i cittadini italiani che hanno permesso a questo misto di ignoranza e illegalità di salire al potere, di rappresentarci tutti e di farci screditare dal mondo intero.

Lascia un commento

LUKASHENKO CHI? L’IMBARAZZANTE POLITICA ESTERA DELL’ITALIA SPA

0 Trackback

  • Nicola
    del 4 maggio 2011
  • mario marino
    del 5 maggio 2011
  • LeonardoZen
    del 5 maggio 2011