CHI E’ CRIMINALE, CHI VUOLE SALVARE IL PAESE O CHI LO HA AFFOSSATO?

2 settembre 2011 in Economia, Politica

Ci eravamo piacevolmente abituati alla ritirata strategica di Silvio Berlusconi, a non vederlo più saltellare ogni giorno in tv da un canale all’altro per mascherare, dietro bugie e false promesse, il totale fallimento del suo governo. La figuraccia a puntate sulla manovra gli aveva opportunamente  suggerito di non farsi vedere troppo, almeno per un po’. Ieri, però, il Cavaliere è tornato a dare il peggio di sé, accusando l’opposizione di essere anti-italiana e criminale. Perché? Perché stiamo opportunamente e responsabilmente provando a stoppare una manovra iniqua, debole, recessiva, che una maggioranza in totale stato confusionale ha scritto, stracciato e riscritto innumerevoli volte e che ancora adesso è assolutamente poco credibile.

Una manovra che infatti non piace a nessuno: non all’Europa, non ai sindacati, non alla Confindustria, non alla Corte dei Conti, non alla Banca d’Italia, non a parte della stessa maggioranza. Gli insulti di Berlusconi rimbalzano contro l’allarme e la preoccupazione unanime di imprenditori ed economisti riuniti a Cernobbio, rimbalzano e tornano al mittente inchiodando il grande colpevole di questo disastro alle sue enormi responsabilità.

Il vero anti-italiano e criminale è perciò il presidente del Consiglio, lui e i suoi amici che hanno ridotto l’Italia in mutande e che non hanno nemmeno la dignità di dimettersi. Lui, capo del governo, che ha definito l’Italia un “paese di merda”. Si vergogni di stare ancora lì, disperatamente attaccato alla poltrona, ad insultare chi si oppone alla sua banda di indagati, imputati, prescritti e incapaci che ha fatto sprofondare il Paese in una crisi spaventosa.

L’opposizione sta solo lottando con ogni mezzo per evitare che sugli italiani si abbatta un altro mostro sociale, per correggere un provvedimento ingiusto, pericoloso e inutile. Questo è il compito di un’opposizione responsabile, questo stiamo facendo. Quanto a Berlusconi, se cerca un criminale, prima di insultare gli altri non ha che da guardarsi allo specchio.

CHI E’ CRIMINALE, CHI VUOLE SALVARE IL PAESE O CHI LO HA AFFOSSATO?

9 Commenti

    1. Paola scrive:

      …commento?…è stato già commentato tutto…
      c’è poco ancora da dire…C’E’ ANCORA TUTTO DA FARE!!

      l’unica cosa: SE DAVVERO VOLETE SPODESTARE IL PAGLIACCIO
      FATECI VEDERE I FATTI!!!

      S I A M O A R C I S T U F I

      D I L U I E A N C H E

      D I V O I!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    2. Sono d’accordissimo. Il vero criminale è lui ricattabile e ricattatore, corruttore… (e chi ne ha più ne metta) che ha trasformato l’Italia in un paese di m… che arriva fino al suo collo e a quello della sua corte.

    3. Giada scrive:

      In qualsiasi altra Nazione se il premier si fosse permesso di chiamare ” Paese di Merda” la propria nazione, lo si avrebbe fatto dimettere senza tante preamboli, ed invece il nostro è sempre in sella… è proprio vero ” Italiani Brava Gente “

    4. Renato Pani scrive:

      Credo che il nostro Paese stia attraversando una delle situazioni più critiche che possano capitare ad un Paese in tempoo di pace e, quali che ne siano le cause, è chiamato ad affrontare un’emergenza. L’emergenza dell’aggressione finanziaria sui mercati internazionali che devono finanziarci. Come di fronte ad un’aggressione è necessaria, prontezza ed efficacia di reazione e determinazione. Il solo fatto che il decreto (la reazione) sia stato emesso pieno di riserve e modificato più volte (e non sembra finita) gli toglie i requisiti di prontezza e determinazione. Viene da domandarsi il perché di questa titubanza in un governo che ha sempre contato con arroganza sulla forza dei numeri in parte regalati da uno sproporzionato premio di maggioranza, in parte comprati. Evidentemente il perché sta nel fatto che quella maggioranza non è più garantita. Ma cosa si dovrebbe fare quando un Governo non ha più il sostegno della maggioranza, specie quando ciò impedisce al govern o stesso di agire di fronte ad un’emergenza? Evidentemente aprire le consultazioni per trovare la possibilità di una diversa maggioranza, e se questa non vi fosse, sciogliere le Camere. Perché questo non viene fatto?
      Non certo per il timore di dannegguiare il Paese con una vacanza di poter: quella, palesemente,c’è già.
      Renato Pani

    5. Miky scrive:

      E’ il caso di dire: “il bue dice all’asino che è cornuto”, che tutto questo è un suo programma ben definito, per impoverire il popolo a favore suo e dei suoi compari mafiosi, è scontato, che è così imbecille da credere che tutti gli italiani siano dei coglioni, non lo avevo messo in conto.Comunque, piano piano comincia ad accorgersi che pericolo stà correndo, non lo vedo più curarsi il trucco, appare nella sua vera maschera ormai sbiadita, senza colore, forse comincia a pensare che, quello che ha tolto al popolo, un giorno ritornerà al popolo.

    6. Michele scrive:

      Criminale è chi:
      - attenta ai principi fondanti dello stato di diritto e della costituzione facendo leggi a proprio uso e consumo;
      - rappresenta la più significativa ed evidente espressione di un modello culturale degradato e degradante che ha condannato il paese ad un inaccettabile declino culturale: questo modello sub-culturale diseducativo ci mostra che fare i furbi conviene, che conta più l’apparenza che l’essere, che il merito conta sempre di meno, che è inutile essere onesti e trasparenti tanto prima o poi arrivano scudo fiscale e condoni vari;
      - entra in politica unicamente per tutelare gli interessi aziendali di famiglia, risolvere i propri guai giudiziari;
      - fa quasi esclusivamente leggi a favore dei più potenti, ricchi e corrotti, leggi ad personas, leggi ad aziendam, senza preoccuparsi dei lavoratori precari, dei disoccupati, delle famiglie più povere;
      - attua politiche razziste e xenofobe avendo approvato norme definite razziali da Famiglia Cristiana, politiche pericolose per l’ambiente come il ritorno al nucleare, politiche da macelleria sociale come: la privatizzazione dell’acqua, i tagli agli enti locali, alla sanità, cultura, ricerca, pubblica istruzione, tagli ai fondi per la famiglia, per le politiche sociali, per il sostegno all’economia reale, per lo spettacolo ecc.;
      - attua una sorta di repressione fascista per mettere a tacere qualsiasi voce critica verso l’operato di questo Governo che, incurante del grave disagio sociale riportato da tali voci, alimenta le tensioni e il conflitto sociale;
      - ha cambiato la legge sul falso in bilancio e ridotto i termini di prescrizione per non essere condannato;
      - corrompe giudici, testimoni, finanzieri;
      - si è fatto leggi incostituzionali (lodo Schifani, lodo Alfano, legittimo impedimento) per non essere processato;
      - ha definito ‘eroe’ il mafioso Mangano, condannato all’ergastolo per duplice omicidio, oltre a condanne definitive per traffico di stupefacenti, associazione mafiosa, frode fiscale e false fatture;
      - fa ‘campagna acquisti’ in Parlamento;
      - si è condonato con appena 1800 euro un’evasione di 301 miliardi di lire;
      - colpisce la concorrenza digitale con leggi ad hoc sugli spazi pubblicitari televisivi e con lo spostamento di pubblicità da parte di aziende ed istituzioni controllate dal governo a danno del servizio pubblico.

    7. mauro mazzarella scrive:

      Condivido quanto enunciato da Michele che ricorda tutte le malefatte di questo “individuo” che dovrebbe avere qualsiasi epiteto, meno che quello di Onorevole o, peggio ancora Presidente del Consiglio. Costui, in tutta la fase dei suoi governi, ha “sporcato” l’immagine dell’Italia e degli italiani, nel Mondo.
      Di costui si dovrà, quando cadrà da tutte le cariche, fare come anticamente facevano gli antichi romani: “dannatio memoriae”, cioè di lui non deve rimare traccia nella memoria di questo Paese, come per Caligola e Nerone!!!!!!
      Con lui anche tutti coloro che hanno, e ancora oggi, gli tengono il sacco per rubare la democrazia e l’onestà dell’Italia e dei suoi cittadini.

    8. cogitoergosum scrive:

      Caro senatore, da molto tenpo sento le vostre GRIDA di ALLARME. Non si capisce se anche voi fate parte del CAST teatrale, se anche voi siete uno di quei SETTE PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE. Si è capito che le MANIFESTAZIONI PACIFICHE, i cosidetti METODI DEMOCRATICI non producono nessun effetto contro l’ASSOCIAZIONE MAFIOSA-POLITICA che ci governa, quindi, FACCIAMOLA FINITA con una SALVIFICA RIVOLUZIONE, anche armata, come quella che i NOSTRI VICINI ARABI hanno avuto il CORAGGIO e la DIGNITA di fare, anche a costo della propria incolumità’. In questo MARE di MERDA in cui ci ha ANNEGATO berlusconi e la sua CRICCA, ci saranno 50 o centomila cittadini DECISI A TUTTO. Ci state chiedendo di FIRMARE per i DIRITTI per i QUALI GRILLO ha già raccolto trecentocinquantamila firme che sono state buttate al CESSO…….mi sa tanto che ci volete prendere per il culo.

    9. cogitoergosum scrive:

      Possibile che una OPPOSIZIONE degna di questo nome, non riesce ad INCRIMINARE il capo del governo per VILIPENDIO al PAESE che GOVERNA e VILIPENDIO al POPOLO ITALIANO comprese le più ALTE ISTITUZIONI DELLO stato, vedi il PRESIDENTE della REPUBBLICA, la MAGISTRATURA ecc. ecc.; perchè di questo CRIMINE si è macchiato BERLUSCONI denunciando al MONDO INTERO che l’ITALIA é un PAESE di MERDA. Possibile che NESSUNO dei suddetti MEMBRI ISTITUZIONALI non sia capace di RICORDARGLI che il MARE di MERDA che ha sommerso il NOSTRO PAESE lo ha portato EGLI STESSO nel momento in cui ha DECISO di mettere le SUE SPORCHE MANI sulla POLITICA per non andare in GALERA. Ditemi come posso fare per dirglielo DIRETTAMENTE IO che, CITTADINO ITALIANO, sono PROFONDAMENTO OFFESO da un MAFIOSO travestito da PRESIDENTE del CONSIGLIO.

Lascia un commento

CHI E’ CRIMINALE, CHI VUOLE SALVARE IL PAESE O CHI LO HA AFFOSSATO?

0 Trackback

  • Paola
    del 2 settembre 2011
  • Giuseppe Carbone
    del 2 settembre 2011
  • Giada
    del 2 settembre 2011
  • Renato Pani
    del 2 settembre 2011
  • Miky
    del 3 settembre 2011
  • Michele
    del 3 settembre 2011
  • mauro mazzarella
    del 5 settembre 2011
  • cogitoergosum
    del 6 settembre 2011
  • cogitoergosum
    del 6 settembre 2011