Monti parla come Marchionne, ricordi che è il presidente del Consiglio e non l’ad di Fiat

17 marzo 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Monti dovrebbe ricordare che è il presidente del Consiglio, non il presidente o l’amministratore delegato della Fiat. Certe sue affermazioni sono sconcertanti, sembra di ascoltare Marchionne e non il capo del governo”. Così il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “Invece di chiedere conto a Fiat del rapporto tra i generosi finanziamenti pubblici ricevuti a vario titolo e gli investimenti fatti negli stabilimenti italiani, invece di domandare che fine ha fatto il piano fabbrica Italia e pretendere il mantenimento degli impegni presi, Monti legittima la più grande azienda industriale italiana a scappare via dal Paese. Ottimo modo per autorizzare Marchionne a chiudere altri stabilimenti in Italia, dopo quello di Termini Imerese e la Irisbus di Avellino: è questo che vuole il governo? Su una sola cosa Monti ha ragione, serve più rispetto: non è però il Paese che deve rispettare Fiat – conclude Belisario – ma Fiat che deve cominciare a rispettare il Paese e i lavoratori”

Lascia un commento