Di fronte al saccheggio della Rai il Pd tolga la fiducia al governo

10 giugno 2012 in Informazione, Politica

Nel mondo c’è Occupy Wall Street, in Italia, invece, con Monti a Palazzo Chigi succede l’esatto contrario: la società civile non riesce a ribellarsi a banche e finanza perché banche e finanza sono imposte alla società civile da questo governo transgenico. Avevamo già banchieri ed esponenti del mondo finanziario ovunque, a cominciare dal governo, ora il Professore li ha messi anche ai vertici della Rai, la più grande azienda culturale del Paese. Con le nomine di venerdì è iniziato il saccheggio del servizio pubblico!

Per recuperare l’appoggio dei poteri forti da cui, poverino, Monti si sente abbandonato, il presidente del Consiglio a quei poteri forti ha fatto un altro bel regalo spalancandogli le porte della Rai. Alla presidenza ha mandato il vicedirettore generale della Banca d’Italia, Anna Maria Tarantola, che come responsabile della vigilanza non si accorse però delle discutibili operazioni condotte da Fiorani ai tempi d’oro dei furbetti del quartierino. Come dg ha invece imposto l’ex ad di Wind, Luigi Gubitosi, già responsabile della divisione italiana della Bank of America-Merryll Linch e con un lungo passato in Fiat. Uno, tra l’altro, ritenuto buon amico di quel Luigi Bisignani coinvolto nello scandalo P4.

Insomma, gira e rigira il cerchio magico di Monti è sempre quello: banca, finanza, poteri forti. E’ solo lì che il Professore cerca, è lì che prende le nuove leve di comando. Anche se non c’entrano molto con quello che sono chiamati a fare, anche se, come per la Rai, con la televisione, con l’informazione, non hanno nulla in comune. E allora il legittimo sospetto è che in realtà i finti tecnici al servizio permanente delle lobby vogliono solo smantellare il servizio pubblico come gli pare, magari per privatizzare la tv di Stato e darla ai loro amici, Berlusconi compreso.

La partita è delicatissima, in gioco c’è il futuro della più grande azienda culturale del Paese. Non si può consegnare la Rai a chi vuole asservirla, non si deve permettere che con la scusa del risanamento si proceda alla privatizzazione e alla svendita. Almeno su questo il Pd non può fare Ponzio Pilato, non può lavarsene le mani: proprio sulla Rai deve fare cadere il Governo. Altrimenti, dopo aver partecipato all’indegna spartizione su Agcom e Garante per la Privacy, sarà complice di un altro misfatto. E allora ci vorrà davvero del coraggio a parlare poi di diffamazione.

Di fronte al saccheggio della Rai il Pd tolga la fiducia al governo

2 Commenti

    1. Pietro scrive:

      Salve On Bellisario
      di fronte ad un’emergenza sociale come :( disoccupazione e mobbing) Voi pensate alla Rai? ma i problemi sociali tanto sbandierati? Dimostrate un briciolo di UMANITA’.
      non deludeteci anche Voi.

      Pietro Meloni da Cagliari.

    2. Federico Pirro scrive:

      Fa bene l’IdV a denunciare ogni mascalzonata del governo Monti. Non ci si può limitare solo a quelle che attengono l’occupazione. L’occupazione della Rai con i lanzichenecchi del prof. Monti è un fatto gravissimo. Mettendo dei tecnici si dimostra che l’operazione è di volgare potere come del resto in tutta la sua vita il prof della Bocconi. La Rai è un’azienda culkturale e come tale va gestita, ma a Monti e alla sua banda interessa solo impossessarsene. Spiace che partiti storici della sinistra lascino fare, illudendosi di ricavarne un tornaconto. Povero Bersani, è da anni che fa i corteggiamenti sbagliati!

Lascia un commento

Di fronte al saccheggio della Rai il Pd tolga la fiducia al governo

0 Trackback

  • Pietro
    del 10 giugno 2012
  • Federico Pirro
    del 10 giugno 2012