Eliminare le scorie fa bene all’organismo

8 novembre 2012 in Italia dei Valori, Politica

Massimo Donadi ha ufficializzato questa mattina l’addio all’Italia dei Valori, formalizzando quel passo che stava chiaramente preparando da mesi. Non posso né mi interessa entrare nel merito delle sue scelte, ma in tutta questa vicenda quello che davvero dà fastidio è il modo con cui Massimo ha deciso di mettere la parola fine a una storia lunga più di 12 anni. Dispiace, infatti, che quello che fino a qualche ora fa era il presidente dei deputati IdV abbia iniziato e prosegua in una stucchevole e inutile opera di demolizione del partito che ha egli stesso ha contribuito a costruire. A questo punto meglio che se ne sia andato: eliminare le scorie fa bene all’organismo.

 

Quando si chiude una stagione, quando si interrompe un percorso comune, si spera che accada in maniera civile. Invece stiamo assistendo a una campagna sistematica di denigrazione, a un ricorso continuo a opportunismi e giochetti puntualmente smascherati. Ancora questa mattina si parlava dell’abitazione di via Merulana, sguazzando nel pettegolezzo invece di affrontare i temi della politica. Ebbene in quella abitazione, quando ancora non eravamo l’Italia dei Valori, noi tutti, Donadi compreso, ci vedevamo per tenere incontri di partito, per preparare le liste, per parlare in maniera riservata, per fare attività politica.

 

Basta perciò buttare fango e veleni sull’IdV, di cui Massimo era uno dei più ascoltati dirigenti. Gli ho già augurato e auguro ancora buona fortuna, ma non sono più disposto a sopportare che ci sia chi si diverte a dire sciocchezze e falsità sull’Italia dei Valori solo perché ha deciso di intraprendere un’altra strada. Non è ammissibile rifugiarsi negli insulti e nelle menzogne solo per giustificare una giravolta trasformistica.

 

Chi ha deciso di andare in un’altra direzione, lo faccia pure, ma senza infangare la casa in cui è cresciuto, senza insultare tutti quei militanti che quella casa hanno costruito con il loro impegno e la loro passione. Qualche giorno ho letto di un altro parlamentare che ha beneficiato dell’Italia dei Valori, mi pare si chiami Pino Pisicchio. Diceva che Di Pietro ha sbagliato qualche scelta. È vero, egli ha ragione: sicuramente ha sbagliato a candidare lui, che poi subito è salito sul primo autobus per altri lidi. Scelte legittime, ma si abbia almeno la dignità di non sputare nel piatto in cui si è mangiato e di non pontificare.

Eliminare le scorie fa bene all’organismo

10 Commenti

    1. Arch. Sergio Pietraforte scrive:

      Egregio Senatore, ho ascoltato sui Tg nazionali il suo lapidario commento sulla vicenda Donadi. E’ semplicemente stupefacente ascoltare parole simili da un Senatore della Repubblica! I dissensi si affrontano e si commentano in maniera completamente diversa, soprattutto in questo delicatissimo momento. A quel linguaggio e a quelle reazioni eravamo stati abituati da uno schieramento che l’IDV ha avversato in tutte le maniere, ma evidentemente Lei ne ha assorbito lo stile. Mi dispiace sinceramente per questa Sua bella interpretazione che contribuirà notevolmente a sottrarre consensi all’IDV; il mio di certo, in qualità di iscritto, oltre alla mia famiglia.

    2. Giuseppe Carbone scrive:

      Concordo con te, Sergio. Accusa gli altri (il nostro senatore) “di rifugiarsi negli insulti e nelle menzogne solo per giustificare una giravolta trasformistica” e poi pagagona chi la pensa in modo diverso dal capo e dai capi A SCORIE DA ELIMINARE PER IL BENE DEL PARTITO.
      La gestione padronale, familistica e verticistica del partito ormai ha portato l’IDV all’isolamento e lo condannerà alla sua scomparsa dal Parlamento.Non ascoltano più nessuno e vanno ciecamente verso il precipizio.Buona serata.

    3. Giuseppe Carbone scrive:

      Si autogratificano con la presenza continua in TV da un canale all’altro e non si accorgono che si coprono di ridicolo e disprezzo. E trovano sempre il lecchino di turno che dice “bravo”.

    4. Giuseppe Carbone scrive:

      Se ci sono politici dell’IDV che “pontificano” sempre perchè si sentono infallibili come il pontefice del Vaticano questi sono proprio i l nostro Presidente Di Pietro e il nostro senatore Belisario. Quale rinnovamento del partito può uscire da persone di questo tipo. Ciao!

    5. Giuseppe Carbone scrive:

      Eliminare le tossine dell’intolleranza, dell’infallibilità, del liderismo… farebbe veramente bene al partito!!!

    6. LEONARDO ROMANELLA scrive:

      Signor Giuseppe, rifletta, i lecchini sono da tutt’altra parte, Chi ha condiviso gli ideali dell’U.D.V. non ha niente da guadagnare , ma tutto da perdere.
      Lei, con questi commenti si stà coprendo di ridicolo.
      Sono anni e anni che Belisario e Di Pietro lottano per un’Italia migliore e sicuramente la parola disprezzo non li sfiora.
      Sono rimasto deluso da Donati, lui sì che non si doveva permettere di ironizzare su Di Pietro e Grillo, paragonandoli ai due rivoluzionarti messicani, fuggiti di notte.
      Meno male che in Italia esistono ancora dei Messicani che tentano di distruggere quella m……ccia che ci è arrivata fino al collo. Dopo potranno anche fuggire, ma a questo punto non ce ne frega niente. Forse a qualcuno sfugge che in Italia è in atto la rivoluzione….si quella moderna , democratica… ma che finalmente cambierà le regole del gioco, durato troppo a lungo.Bisognava essere uniti e abbracciare il vento del cambiamento. Peccato.

    7. bruno scrive:

      a lecce ed in provincia i dirigenti idv non fanno nulla, basta con le vs chiacchere su facebook, via la sansonetti dalla societa regionale pugliese, via dagata, scendete tra la comunità
      di stanilsalo e sparito

    8. non ho ancora capito qual’è il vero obiettivo di tal Giuseppe Carbone cha giornalmente sghignazza, pontifica e critica senza alcun costrutto, ripeto non riesco ad immaginare quale sia il suo scopo e mi astengo dal dire quel che penso solo per evitare inutile e sterile polemica, non posso però astenermi dal suggerirgli di cercare altro luogo dove andare a scaricare il suo sfogo.

    9. Antonio C. scrive:

      Da Donadi non mi sarei mai aspettato certe affermazioni, in particolare quella in cui dice “non mi risulta che la casa… [non ricordo la via]… sia mai stata una sede IDV” alimentando, così, il sospetto che Di Pietro abbia usato i soldi pubblici del partito per acquistare una casa privata. Se l’on. Massimo Donadi sa qualcosa al riguardo (anche semplici sospetti) faccia una denuncia all’autorità giudiziaria, se ne ha il coraggio.

    10. antonio scrive:

      SENATORE IERI SERA A REPORT E’ STATO INSUPERABILE

Lascia un commento

Eliminare le scorie fa bene all’organismo

0 Trackback

  • Arch. Sergio Pietraforte
    del 9 novembre 2012
  • Giuseppe Carbone
    del 9 novembre 2012
  • Giuseppe Carbone
    del 9 novembre 2012
  • Giuseppe Carbone
    del 9 novembre 2012
  • Giuseppe Carbone
    del 9 novembre 2012
  • LEONARDO ROMANELLA
    del 9 novembre 2012
  • bruno
    del 10 novembre 2012
  • donato dell'aquila
    del 10 novembre 2012
  • Antonio C.
    del 11 novembre 2012
  • antonio
    del 19 novembre 2012