Programmi e alleanze chiari e trasparenti

24 dicembre 2012 in Italia dei Valori, Politica, Senza categoria

Nel momento peggiore della nostra economia la politica sta dando il peggio di sé. Proprio ora che dovrebbe fare uno scatto di reni e offrire ai cittadini la strada della speranza per un futuro migliore, mostra solo un volto confuso ed egoista. Penso a Monti che aspira a fare il futuro premier, ma solo dopo che i partiti che sostengono la sua Agenda prenderanno i voti necessari e gli offriranno il “trono del re”, seppur fondato su una maggioranza sempre strampalata, messa insieme a caso, ondeggiando da destra a sinistra, pur di acchiappare più voti possibili. Penso a Berlusconi, che sta mostrando il più basso spettacolo politico e televisivo. Un giorno vuole Monti, il giorno dopo non lo vuole più e lo addita come il diavolo fatto persona, dimenticando che il suo partito ha votato tutte le fiducie e dimenticando che lui stesso gli aveva proposto di guidare la “Federazione dei Moderati”.

E nel frattempo nei partiti e nelle coalizioni in fieri succede di tutto: chi va chi viene, chi è oggi fan di un leader e del suo programma (se mai ne avesse uno chiaro) e il giorno dopo di un altro, chi oggi apre a Monti, ieri a Vendola, chi fa entrambe le cose.
Sento puzza di inciuci, sento aria di caccia di poltrone. E’ comprensibile. Anche l’Italia dei Valori vuole vincere, entrare in Parlamento e governare ma non a qualsiasi prezzo. Gli italiani di politica da politicanti non ne possono più. Vogliono vederci chiaro: vogliono sapere chi vuole fare che cosa e con chi la vuole fare. Tradotto vogliono conoscere prima e non dopo il voto programma, coalizioni e leadership. Lo abbiamo ripetuto ogni giorno, questa è la base del sano bipolarismo che può assicurare governabilità al Paese. Quello che vediamo oggi è solo l’ennesimo giochetto tra politici navigati che rischiano di fare affondare il Paese.

L’IdV continua a seguire, in modo coerente con quanto fatto nel Parlamento in questi tredici mesi, una via di netta discontinuità con l’Agenda Monti, un programma che punta su equità, solidarietà, crescita, sviluppo e legalità. Una piattaforma di valori aperta alle forze sane e pulite della politica e della società civile che la sottoscrivono. Mi sembra il modo più semplice e onesto di offrirsi ai cittadini e chiedere l’onore di rappresentarli. Mi auguro che gli altri partiti, cominciando dal Pd e Sel, facciano presto lo stesso.

Lascia un commento