Trasmettere esecutivo in diretta streaming

marzo 6, 2013 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Politica

L’Italia dei Valori sta vivendo, senza usare giri di parole, una particolare crisi di consenso e di credibilità. Tutti, dirigenti, militanti e simpatizzanti, sanno che è il momento di scelte fondamentali per indicare il percorso futuro”. Lo ha detto Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a Palazzo Madama, in una lettera inviata all’Ufficio di Presidenza del suo partito.Partiti e movimenti stanno provando ad entrare in sintonia con i cittadini per colmare al meglio la frattura tra mondo della politica e pubblica opinione. Per questa ragione, e per essere coerenti fino in fondo con quanto abbiamo sempre predicato, ritengo necessario che il prossimo Esecutivo Nazionale del 10 marzo 2013 sia trasmesso in diretta streaming sul sito del partito, consentendo così una partecipazione reale. Allargare la platea e coinvolgere con le nuove tecnologie chi non potrà essere presente per prescrizione statutaria, mi pare di fondamentale importanza. Penso che questa prova di trasparenza – conclude Belisario – possa contribuire a riannodare i rapporti fiduciari tra base e vertici dell’IdV per evitare che il nostro partito venga considerato un sepolcro imbiancato.

 

Berlusconi getta la maschera e resta la faccia di bronzo

febbraio 14, 2013 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Gettata la maschera quello che resta di Berlusconi è la solita faccia di bronzo che se ne frega della legge e della democrazia. Secondo l’aspirante ministro dell’economia, Finmeccanica non sarà più sul mercato per colpa di toghe ‘giacobine’. Che faccia di bronzo!”. Lo ha dichiarato  Felice Belisario, presidente del gruppo Italia dei Valori a Palazzo Madama, che ha aggiunto: “Infatti, in base al Berlusconi-pensiero  ”l’azienda agisce come i competitor e la tangente è un fenomeno che esiste”, perché “se si ha da trattare con qualche regime o paese del terzo mondo, certi comportamenti sono necessari e non sta a noi giudicare”.  Berlusconi attacca la magistratura perché è la cosa che gli riesce meglio, ma sa bene che la responsabilità della situazione attuale è principalmente sua, perché ha mantenuto il management, nonostante le gravi indagini in corso. Adesso, la decisione di Monti di revocare ad Orsi le deleghe e sostituire i vertici di Finmeccanica è tanto giusta quanto tardiva. Tuttavia – conclude Belisario -quando si pensa di aver sentito tutto il peggio da Berlusconi, poi si scopre che non è così: ogni giorno ha la sua perla”.

Monti fa il finto addormentato anche nella vicenda Finmeccanica

febbraio 12, 2013 in Comunicati Stampa, Economia, Lavoro, Politica

“E’ inutile chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati. Che adesso Monti dica che affronterà il problema di governance di Finmeccanica è anacronistico, non può fare il finto addormentato. Il suo governo aveva il sacrosanto dovere di intervenire subito, ai primi sospetti, azzerando immediatamente i vertici dell’azienda per tutelarne la competitività. Invece, l’esecutivo è rimasto con le mani in mano, senza riuscire a portare a casa neanche una degna legge anticorruzione”. Così il presidente dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, commenta l’arresto del presidente e ad di Finmeccanica Giuseppe Orsi.

“L’Italia dei Valori ha presentato varie interrogazioni al Ministro dello Sviluppo sul possibile coinvolgimento del presidente e ad di Finmeccanica in vicende di corruzione internazionale e di riciclaggio. Da Passera abbiamo ricevuto solo un silenzio assordante.  La situazione di difficoltà dell’azienda era stata  ammessa dallo stesso Orsi, il quale però aveva poi indicato come possibile soluzione non le sue dimissioni, ma l’uscita della società dal comparto dei trasporti e da quello dell’energia”.

“Adesso, con questo scandalo, l’azienda rischia di essere smantellata, con grave danno anche all’immagine del Paese. Mi auguro che il nuovo governo non si affretti a svendere pezzi del gruppo, ma – conclude Belisario – affidi la gestione di Finmeccanica a persone oneste e competenti, al fine di salvare un patrimonio italiano di inestimabile tecnologia, oltreché tantissimi posti di lavoro”.

Sanita’. Belisario: nomina presidente ISS inaccettabile colpo di mano di Balduzzi

gennaio 30, 2013 in Comunicati Stampa, Sanita’

“La nomina del presidente dell’Istituto Superiore di sanità è un autentico inaccettabile colpo di mano elettorale del ministro Balduzzi e del governo Monti”. Così il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori e sostenitore della lista Rivoluzione Civile, Felice Belisario. “A Camere sciolte – aggiunge Belisario, che è capogruppo IdV in Commissione Sanità – un governo non eletto e già dimissionario nomina il 18 gennaio il nuovo presidente del più importante istituto pubblico di ricerca nel campo della sanità con una procedura assolutamente inopportuna. Dal parte del ministro tecnico, candidato con la lista Monti, un blitz per occupare una poltrona ‘pesante’ giusto prima di andare al voto. L’ultimo pessimo ‘regalo’ del governo dei finti tecnici”, conclude Belisario.

Grilli sembra un ministro per caso!

gennaio 29, 2013 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Grilli è apparso un ministro per caso, si è limitato a dare numeri conditi con chiacchiere per non dire l’unica verità sul Monte dei Paschi di Siena  e cioè che Tesoro,Vigilanza e partiti sono tutti dentro ad uno scandalo senza precedenti”.  Lo ha detto Felice Belisario capogruppo dell’Italia dei Valori e sostenitore di Rivoluzione Civile, commentando la relazione del ministro dell’economia sul caso Mps alle commissioni Finanze di Camera e Senato. ”Mentre gli italiani sono in bolletta – ha proseguito – vessati da tagli e tasse, Monti, Grilli, Pd, Pdl ed Udc hanno regalato ben quattro miliardi di euro ad una banca saccheggiata dalla politica e, se le indagini lo confermeranno, fonte di enormi mazzette. Forse avevano solo intuito i disastri o li prevedevano?
La loro responsabilità è talmente evidente da non poter essere nascosta come polvere sotto il tappeto.  E’ ora – ha concluso Belisario – di dire agli italiani la verità, evitando il solito gioco dello scaricabarile”.

Da parte della Rai c’è un killeraggio nei nostri confronti

gennaio 11, 2013 in Comunicati Stampa

“Il sistematico oscuramento dell’IdV e della lista Rivoluzione Civile dimostra che la Rai ha messo in atto un killeraggio nei nostri confronti”. Lo dichiara Felice Belisario, Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori. “Oggi, dei tre telegiornali del servizio pubblico, solo il Tg1 – prosegue – ha passato pochi secondi di sonoro di Antonio Ingroia, a fronte di servizi lunghi diversi minuti, su tutte e tre le reti, dedicati a Berlusconi, Bersani, Monti e Grillo. È stata garantita visibilità anche ad altri, ma non al nostro Movimento. Insomma, mamma Rai confeziona servizi gioiello solo per i figli prediletti. L’IdV e la lista Rivoluzione Civile sono ormai volontariamente tagliati fuori, un vero e proprio furto con scasso ai danni della pubblica opinione. Alla faccia della par condicio! L’Agcom, in seguito al nostro esposto, ha riconosciuto diffusi squilibri nella presenza delle forze politiche, richiamando tutti ad una più corretta rappresentazione. Non si tratta solo di riequilibrare subito gli spazi, ma ci deve essere concesso il tempo che ci è stato rubato. Ci aspettiamo – conclude Belisario – che tutte le emittenti radiotelevisive si occupino, già dalle prossime edizioni dei tg, di garantire ai cittadini il diritto di essere informati in modo completo e imparziale”.

Rispettare le regole in Tv. Basta super-presenza dei big

gennaio 9, 2013 in Comunicati Stampa, rai

“L’Italia dei Valori è stata assente da tutti i mezzi di informazione per due mesi, quindi ne ha di tempo e di spazio da recuperare!” Ad affermarlo il capogruppo dell’IdV in Senato e sostenitore della Lista Ingroia, Felice Belisario, che aggiunge: “lo dico a chi per ora diffonde dati che potrebbero fuorviare sulla presenza dei leader politici in televisione. Prima le primarie del PD, poi la discesa in campo di Berlusconi, infine la salita in politica del finto tecnico Monti, hanno inondato le televisioni facendo sparire le forze più piccole e più scomode. Un fatto talmente grave da spingerci a presentare un esposto all’Agcom per chiedere una giusta ripartizione degli spazi informativi. E’ un dovere della comunicazione, soprattutto di quella pubblica, informare in modo obiettivo e imparziale  i cittadini a poco più di un mese dal voto su tutte le proposte e le alternative politiche, a maggior ragione se c’è qualcuno che parte da una posizione mediatica svantaggiata. Penso all’Italia dei Valori, che ha sempre rifiutato di partecipare alla spartizione delle poltrone (sia in Rai che in organi che dovrebbero essere super partes come, guarda caso, l’Agcom) e per questo è stata spesso tagliata fuori, o come Rivoluzione Civile, una lista nuova che ha poco tempo per farsi conoscere”.

E adesso, sull’Imu daremo retta all’Europa?

gennaio 8, 2013 in Comunicati Stampa, Economia, Politica, Sociale

“L’Italia dei Valori ha sempre sostenuto che l’Imu, inventata da Berlusconi e così come l’ha voluta Monti, è un balzello iniquo che colpisce soprattutto le fasce sociale più deboli. Adesso anche l’Europa dice che si tratta di un’imposta che aumenta la povertà”. Ad affermarlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, e la senatrice IdV Patrizia Bugnano, secondo cui: “il professore ha sempre agito dietro l’alibi del ‘ce lo chiede l’Europa’, ma a noi piuttosto sembra che lo abbia fatto solo quando gli serviva una scusa per coprire gli interessi suoi e dei suoi amici lobbisti. Ora la Ue chiede un’imposta progressiva, secondo quanto previsto dall’articolo 53 della Costituzione. Mi chiedo: cosa farebbe Monti se tornasse al governo? Vestirebbe i panni del tecnico ‘lacrime e sangue’ che colpisce con la mannaia le famiglie per salvare banche, assicurazioni e corporazioni varie o sarebbe il Monti della campagna elettorale che addirittura parla della possibilità di abolire l’Imu? Non è credibile, così come non lo è stato mai Berlusconi. Politicanti che parlano  in un modo in campagna elettorale e agiscono in un altro al governo. L’Italia dei Valori – concludono – è sempre stata coerente dentro e fuori il Palazzo, ha difeso con le unghie e con i denti i cittadini proponendo una politica economica nel nome della solidarietà e dell’equità. La stessa che trova la sua piena rappresentanza nelle proposte di Rivoluzione Civile”.