Tv e Radio rispettino il richiamo Agcom. In ballo un diritto costituzionale

gennaio 10, 2013 in Informazione, Politica, rai

Ancora una volta avevamo ragione. Mi riferisco al richiamo dell’Agcom che oggi ha invitato i mezzi di comunicazione a riequilibrare gli spazi di informazione e approfondimento politico a ridosso della campagna elettorale. Non solo lo avevamo detto, ma addirittura avevamo presentato un esposto all’Agcom per denunciare il silenzio assordante che negli ultimi due mesi è stato creato attorno all’Italia dei Valori. Continua a leggere →

La grande stampa ci disprezza, noi andiamo avanti senza filtri

dicembre 30, 2012 in Elezioni, Informazione, rai

Come era ampiamente prevedibile, la grande stampa, quella dei salotti buoni e che spesso è telecomandata dai grandi gruppi di potere, ha accolto la candidatura di Antonio Ingroia e la nascita del progetto di Rivoluzione Civile con sdegno, quasi con disprezzo. Continua a leggere →

Perchè nessuno si è lamentato per le nomine dell’Agcom?

dicembre 28, 2012 in Comunicati Stampa, Informazione

“Il metodo usato per le nomine dell’Agcom ha ignorato i più elementari criteri di trasparenza e indipendenza, seguendo una logica di lottizzazione partitocratica. E l’Agcom, così formata, dovrebbe garantire la correttezza dell’informazione?” A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei  Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “per questo le associazioni di Open media coalition hanno impugnato la nomina davanti al Tar del Lazio ed io sono stato l’unico parlamentare a firmare il ricorso. Di cosa ci meravigliamo, allora, se le Tv oggi sono invase, senza nessun freno, da chi evidentemente appartiene ai poteri forti? Una continua passerella di Berlusconi, Monti (nella duplice veste di premier e di candidato premier), poi i grandi partiti. E dell’IdV nessuna traccia. Paghiamo chiaramente il prezzo di non aver mai voluto partecipare a nessuna spartizione perché – conclude – crediamo che, soprattutto nella gestione della cosa pubblica, debba prevalere la meritocrazia e l’indipendenza. A lamentarsi, però, sento anche altri esponenti che si indignano a scoppio ritardato: non mi risulta abbiano, infatti, impugnato il provvedimento di nomina dell’Agcom”.

Berlusconi in Tv, terribile revival

dicembre 22, 2012 in Comunicati Stampa, Informazione, Politica

“Mi sembra un terribile revival. Berlusconi torna in campo e, di conseguenza, torna imperante ad occupare tutti gli spazi di informazione, televisivi e radiofonici, senza che nessuno muova un dito. Ci tocca la sua predica anche la notte di Natale al posto delle cerimonie religiose!” Ad affermarlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “se siamo tornati a questo punto è colpa di una certa politica che non ha permesso di riformare la legge Gasparri, norma che ha consegnato le chiavi del  Servizio pubblico al più grande proprietario delle reti private, al titolare del massimo conflitto di interessi. Come IdV sosteniamo l’appello dell’Usigrai affinché intervengano al più presto tutte le autorità competenti per fermare questo assalto. Dopodiché, però, non ci giriamo intorno. Il prossimo governo – conclude – faccia subito una nuova legge e restituisca all’informazione la dignità e la libertà che  merita e di cui i cittadini hanno diritto. Altrimenti staremo sempre lì ad indignarci. Basta chiacchiere, l’Italia dei Valori ha insistito ed insisterà oggi più che mai per una Rai libera dai partiti, da tutti i partiti”.

No a legge diffamazione sotto spinta emotiva

novembre 7, 2012 in Comunicati Stampa, Informazione, Politica

“La diffamazione a mezzo stampa è una cosa seria, non si può fare una legge di questa portata sotto la spinta emotiva, mettendo insieme norme spazzatura che poi non serviranno a nessuno”.  Lo ha detto il presidente dei senatori dell’IdV, Felice Belisario, uscendo dalla capigruppo di Palazzo Madama che ha deciso il ritorno del testo Sallusti  in Commissione.

“Il ritorno in commissione del testo era una strada obbligata per trovare delle misure condivisibili, almeno per quanto riguarda la depenalizzazione. Tutti quanti vogliamo che i giornalisti non vadano in galera, ma – ha concluso Belisario – non si possono approvare norme rabberciate”.

Agenda digitale: forse (a fatica) si parte

ottobre 5, 2012 in Economia, Informazione, Sociale

Il provvedimento del governo sulla digitalizzazione della pubblica amministrazione, almeno a leggere le prime dichiarazioni e benché tardivo, sembrerebbe andare nella giusta direzione ma bisogna prima leggere le carte e poi essere molto attenti alla discussione parlamentare. L’esecutivo ha il vizietto di mettere la fiducia con una certa frequenza impedendo ogni discussione e ogni aggiustamento. Continua a leggere →

Puntare sulla partecipazione dei cittadini nella Pubblica amministrazione tramite internet

ottobre 4, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Informazione

“Se la nostra economia è paralizzata è colpa dell’assenza di politiche per la crescita ma anche di politiche per l’innovazione tecnologica nella Pubblica amministrazione che troppo spesso vengono sottovalutate, mentre negli altri Paese europei sono ormai la stella polare per un’economia più efficiente e competitiva”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che domani parteciperà a Riva del Garda al summit internazionale ‘Internet as Innovation Eco-System’. “E’ necessario snellire la Pubblica amministrazione con procedure di open-data e di e-government, che oltre ad accelerare lo sviluppo, favoriscono una maggiore partecipazione dei cittadini alla vita politica e anche un miglioramento dei servizi resi agli utenti. L’Italia dei Valori è da tempo impegnata, ed io lo sono in prima fila, per modernizzare la nostra burocrazia elefantiaca tramite metodologie al passo con i tempi -conclude – che danno anche una risposta di trasparenza ai cittadini in un momento di grande opacità da parte di una certa politica e di una certa gestione della cosa pubblica”.

Che strano concetto di privacy ha la destra

settembre 16, 2012 in Informazione, Politica

Da destra sono arrivati nel corso di questi anni attacchi, anche violenti, per chiedere di smantellare, in nome della privacy, la norma sulle intercettazioni. Io spero che ora più nessuno si permetta di fare alcun riferimento alla tutela della vita privata come scusa per abbattere leggi fondamentali per le indagini, visto che ne è nato anche un incidente diplomatico. Continua a leggere →