Basta conventicole, sulla legge elettorale i partiti escano allo scoperto

settembre 14, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

 

“L’Italia dei Valori ha sempre sostenuto la necessità di cambiare la legge elettorale. Ben venga, quindi, se il presidente della Camera, così come quello del Senato, spingono per un confronto immediato in Aula. Vorrei ricordare loro, però, che se fino ad oggi non si è arrivati ad un risultato è perché i partiti della maggioranza che sostengono Monti hanno pensato solo ai loro interessi elettorali. E comunque, tanto Schifani quanto Fini, hanno approvato il Porcellum”. Lo dichiara il presidente dei senatori IdV, Felice Belisario, che continua: “l’Italia dei Valori, insieme al comitato referendario, ha raccolto più di un milione di firme per abrogare il Porcellum e tornare al Mattarellum, legge di pronta applicazione. Abbiamo riproposto il quesito referendario in Parlamento, tramite un disegno di legge che, però, è rimasto a dormire nei cassetti. Questo perché ABC si sono persi tra conventicole, messaggi incrociati e riunioni segrete per cucirsi addosso una legge che mettesse al sicuro la loro fetta di potere. Ma siamo ancora in pieno stallo. Adesso basta, la politica deve darsi una mossa, non c’è altro tempo da perdere. Se in commissione Affari Costituzionali non si raggiungerà alcun accordo è necessario andare direttamente in Aula, con un testo definito o anche con più relatori di maggioranza e minoranza. Abbiamo il dovere di fare una nuova legge elettorale – conclude Belisario – che restituisca ai cittadini il diritto di conoscere, prima e non dopo il voto: candidati, coalizioni, programma e leader”.

 

La foto di Palazzo Chigi e’ gia’ da strappare, si torni al voto

marzo 23, 2012 in Politica

Se c’è una foto che è già da strappare, sebbene ancora fresca di stampa, è la foto di Palazzo Chigi. Quella con Monti in piedi e Alfano, Bersani e Casini seduti: Governo e maggioranza prima del vertice troppo frettolosamente salutato come il vertice del grande accordo su lavoro e giustizia. Era appena una settimana fa, sembra invece sia passato un secolo, perché quella foto già non ha più alcun senso. Continua a leggere →

Le riforme si fanno in Parlamento, non con riunioni carbonare

marzo 12, 2012 in Comunicati Stampa

“Le riforme si fanno in Parlamento, non convocando improbabili e improprie cabine di regia, né con la mediazione, forse interessata, di importanti pezzi delle istituzioni. Non accetteremo che si ripeta quanto si è verificato, fatte salve persone e competenze, con la nomina del Garante della concorrenza o di qualche sottosegretario di Stato”. Lo dichiara il Presidente del Gruppo IdV al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “Quanto poi alle improvvide dichiarazioni del presidente del Senato sulla riforma della Rai, voglio ricordargli che da capogruppo di Forza Italia ha fatto approvare in men che non si dica il lodo che porta il suo nome per salvare il suo dante causa e, da seconda carica dello Stato, con una corsia preferenziale ha fatto passare in pochi giorni e sempre per la stessa poco nobile causa il lodo Alfano, anche questo travolto inesorabilmente dalla Consulta. Schifani pensi piuttosto a mettere in agenda la riforma della legge Gasparri per una nuova governance della Rai, senza farsi promotore di riunioni carbonare alla faccia del Parlamento per prove tecniche di inciucio e di favori a Berlusconi. Altro che riforme, questo governo – conclude Belisario – viene mantenuto in piedi con voti di fiducia per consentire ai partiti spartizioni e accordi sottobanco”.

Basta conventicole da sagrestia, sulle liberalizzazioni torni centrale la X Commissione

febbraio 23, 2012 in Comunicati Stampa

“Denuncio con forza le manovre sospette che stanno avvenendo in Commissione Attività produttive in merito al decreto delle cosiddette liberalizzazioni. Il continuo stop and go dei lavori e le conventicole da sagrestia, al di fuori della Commissione, in cui si consumano intese, accordi, inciuci e scambi non fanno parte, soprattutto per un provvedimento di tale rilievo, della dignità del Senato della Repubblica”. Lo ha dichiarato, intervenendo in Aula, il Presidente dei Senatori IdV, Felice Belisario. “E’ evidente – ha aggiunto – che si tratta di un provvedimento complesso al quale tutti vogliamo dare un contributo per migliorarlo, pur se in base alle differenti valutazioni. Tuttavia è inaccettabile quanto sta avvenendo, chiedo che venga restituita centralità alla Commissione affinché si arrivi, nella sede opportuna, alla definizione dell’articolato che approderà in Aula. È indispensabile un confronto aperto sulle diverse proposte, il Presidente Schifani si faccia garante del rispetto delle procedure formali e sostanziali. Qualcuno – ha concluso Belisario – pensa addirittura di contingentare i tempi di discussione in X Commissione: questo sarebbe davvero insopportabile”.

 

Un’altra tragedia del mare e il governo pensa solo ai Cie

agosto 4, 2011 in Comunicati Stampa

“Disumano. Non c’è altro termine per definire quello che è accaduto, accade, e, temo, accadrà ancora nelle acque a largo di Lampedusa”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “che altro deve succedere affinchè il governo italiano attui una politica di accoglienza che permetta la prevenzione delle tragedie? Non è possibile che un Paese democratico e cosiddetto sviluppato non sia in grado di evitare – con una strategia che vada dagli accordi internazionali, alle politiche di investimento nei Paesi più poveri e massacrati dalle guerre, dall’accoglienza all’integrazione sociale -  che uomini, donne e bambini perdano la vita in questo modo. Il governo – conclude Belisario – si ricorda dei principi cattolici della solidarietà e dell’accoglienza solo quando gli conviene. Altrimenti, nella partita a scacchi con la Lega, vince la strategia razzista e xenofoba del Carroccio che pensa solo ad estendere la permanenza nei Cie, vere e proprie carceri a cielo aperto, a quei poveracci che hanno la ‘fortuna’ di toccare terra italiana”.