La sentinella IdV è già all’opera: ieri abbiamo sventato un attacco al referendum sul nucleare

novembre 18, 2011 in Ambiente, Politica, Referendum

Abbiamo svolto con successo il nostro ruolo di sentinelle della legalità e della democrazia ancor prima che ieri il governo Monti avesse la fiducia del Senato. 
Antefatto. Quando ho letto la lista dei ministri scelti dal neopresidente del Consiglio ho storto la bocca su un nome in particolare, quello di Corrado Clini a cui è stato affidato il dicastero dell’Ambiente. E’ un nuclearista di vecchio corso e immaginavo che, prima o poi, ci avrebbe provato. Continua a leggere →

Se vero taglio rinnovabili, governo tradisce volontà cittadini

agosto 12, 2011 in Comunicati Stampa

“Se quanto si apprende dalle agenzie fosse vero, vuol dire che questo governo proprio non ha speranze. Tagliare del 30% gli incentivi alle fonti rinnovabili, infatti, significa tradire la volontà degli elettori che si sono espressi contro il nucleare lo scorso 11 giugno”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, secondo cui “di fronte ad un netto no di 27 milioni di cittadini all’atomo ed essendo il petrolio, oltre che altamente inquinante, anche in via di estinzione, l’unica strada da intraprendere è quella dello sviluppo delle energie alternative. Settore che può garantire rilancio economico, rispetto dell’ambiente, oltre che posti di lavoro. Per non parlare di tutti coloro che hanno già investito nelle energie verdi, sapendo di poter contare sugli incentivi del governo come avviene in tutta Europa. Anziché portare questo Paese sulla strada dello sviluppo e della crescita – conclude Belisario – questo governo ci vuole fare inabissare per salvare qualche lobby”.

IL GOVERNO NON SI FIDA DELLA DEMOCRAZIA E TENTA DI SCIPPARE I REFERENDUM

maggio 24, 2011 in Ambiente, Italia dei Valori, Politica, Referendum

Il ricorso al voto di fiducia da parte del Governo sale a quota 43: in media più di uno al mese da quando è iniziata questa devastante legislatura. La più larga maggioranza della storia repubblicana ormai sopravvive a forza di voti blindati e comprati. Della democrazia restano poche tracce e il Governo cerca di far sparire quelle poche che ancora si scorgono attraverso furti con scasso delle istituzioni.

Oggi, incapace di affrontare una discussione alla luce del sole, si è mascherato da Banda Bassotti e ha posto il voto di fiducia sul decreto Omnibus che contiene, tra le altre cose, la “moratoria” sulla costruzione delle centrali nucleari. 313 deputati hanno approvato il tentativo di scippare il referendum ai cittadini: è evidente che, per opporsi a questo colpo di mano, il il 12 e 13 giugno si deve votare a tutti i costi.

Continua a leggere →

DOPO IL NUCLEARE TOCCA ALL’ACQUA: FERMIAMOLI E SALVIAMO LA DEMOCRAZIA

aprile 22, 2011 in Ambiente, Giustizia, Italia dei Valori, Politica, Referendum

Inutile fingere che siano discorsi complicati perché invece sono fin troppo semplici: o si è favorevoli al nucleare e alla privatizzazione dell’acqua, oppure si è contrari. Tertium non datur. Il Governo invece fa esattamente il gioco delle tre carte e si permette il bluff della riflessione circa il destino del Paese.

È evidente che l’unico pensiero della maggioranza è sottrarre ai cittadini il diritto di esprimersi: dopo il decreto che rimanda di poco il ricorso alle centrali atomiche, il Governo annuncia un intervento analogo anche sulla privatizzazione dell’acqua.

Un attacco di Berlusconi ai referendum, cuore della democrazia, l’anticamera di un colpo di Stato per lasciare in piedi la legge che gli serve per salire al Colle: il legittimo impedimento.

Continua a leggere →

NUCLEARE: GOVERNO CONTINUA A INGANNARE CITTADINI.NUOVE CENTRALI GRAVERANNO SU TASCHE CONTRIBUENTI

marzo 8, 2010 in Senza categoria

 

Il governo continua a ingannare gli italiani con le solite chiacchiere propagandistiche da campagna elettorale.Non bastava il decreto interpretativo, lesivo delle regole democratiche. Oggi annuncia, per l’ennesima volta, il via al nucleare, evitando con cura di dire ai cittadini dove saranno costruite le centrali. Non si puo’ andare avanti cosi’.
L’atomo e’ un’energia pericolosa per l’ambiente e la salute dei cittadini e le nuove centrali graveranno sulle tasche dei contribuenti, ma il governo  se ne infischia e prosegue per la sua strada.

GOVERNO INDICHI SITI PRIMA DI EUROPEE. SCEGLIENDO L'ATOMO FA ASSEUMERE A PAESE SCELTA SUPERATA

maggio 14, 2009 in Ambiente

Gli italiani hanno il sacrosanto diritto di sapere dal Governo, prima delle elezioni del 6 e 7 giugno, se vicino la loro casa sara’ costruita o meno una centrale nucleare.Per questo chiediamo all’Esecutivo di abbandonare la politica degli annunci e venire a riferire immediatamente in Aula sulla localizzazione degli impianti di produzione elettrica nucleare e dei sistemi di stoccaggio dei rifiuti radioattivi.
Il Governo, scegliendo il nucleare di terza generazione anziche’ le energie pulite, come il solare e l’eolico, ha fatto assumere al nostro paese una posizione ormai superata dalla scienza e insensibile alle indicazioni che arrivano dall’Europa.
Per questo gli elettori presenteranno presto il conto.