Vendola apre a Monti, Fini e Casini: peggio dell’Unione

gennaio 11, 2013 in Elezioni, Politica

“Se vorrà, Mario Monti potrà appoggiare un eventuale governo a guida Bersani qualora il centrosinistra non dovesse ottenere una piena maggioranza al Senato”. Sapete chi ha pronunciato queste parole? Nichi Vendola. Io voglio sperare che siano state riportate male perché significherebbe che nella stessa maggioranza il leader di Sel sarebbe alleato con il presidente del consiglio che ha così duramente criticato nel corso del suo mandato. Continua a leggere →

Fiat deve rispettare le leggi, assuma subito i 145 iscritti Fiom a Pomigliano

agosto 13, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“La legge e’ uguale per tutti, anche per Fiat. Marchionne smetta percio’ di violare i diritti fondamentali dei lavoratori e assuma subito i 145 iscritti Fiom vergognosamente discriminati a Pomigliano”. Lo afferma il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “Con la sua consueta arroganza, Fiat si sente al di sopra delle leggi e per questo non in dovere di ottemperare alle sentenze della magistratura. Succede a Melfi, dove l’azienda impedisce il rientro in fabbrica di Barozzino, Lamorte e Pignatelli, i tre operai reintegrati a febbraio dalla Corte d’Appello di Potenza ma ancora tenuti fuori dallo stabilimento, e si vuole evidentemente fare lo stesso a Pomigliano. E’ il modello Marchionne – conclude Belisario -, l’assurda pretesa di avere mano libera in disprezzo del diritto e della Costituzione”.

Ho fatto venire in Senato gli operai Fiat, ingiustamente licenziati a Melfi, a raccontare come funziona il metodo Marchionne

marzo 15, 2012 in Economia, Politica

Nello stesso giorno in cui il ministro Fornero è venuta a riferire in Aula sulla Fiat, io ho fatto venire in Senato gli operai di Melfi ingiustamente licenziati, reintegrati dalla Corte d’Appello di Potenza ma a cui la Fiat impedisce di tornare in fabbrica. Prima le parole deboli del ministro, un’informativa insufficiente, reticente e goffamente rassicurante nei confronti del Parlamento, poi la conferenza stampa degli operai, una testimonianza forte di come non si vive sotto la dittatura di Marchionne. Continua a leggere →

Oggi in Aula e venerdì in piazza contro la dittatura di Marchionne

marzo 6, 2012 in Economia, Politica

Nel mondo Fiat i doveri sono di serie ma il diritto è un optional. Decide Marchionne cosa è giusto e cosa no, il resto non conta, nemmeno se si tratta del governo. Vige una strana proprietà commutativa, per cui cambiando l’ordine dei ministri il risultato non cambia: Fiat fa quello che gli pare, gli operai o fanno buon viso a cattivo gioco oppure stanno a casa, soprattutto se hanno simpatie per la Fiom, e il governo di turno resta a guardare o, al più, si limita a balbettare qualcosa di incosistente. Basta soffermarsi a quello che è successo nelle ultime settimane, io l’ho ricordato prendendo la parola in Aula. Continua a leggere →

A Melfi con i tre operai della Fiat reintegrati da una sentenza. Ora in Parlamento per chiedere al Governo giustizia sociale

marzo 3, 2012 in Lavoro, Politica

Questo pomeriggio sono stato allo stabilimento Fiat di Melfi insieme ai tre operai, iscritti alla Fiom, ingiustamente licenziati ormai quasi due anni fa e reintegrati da una recente sentenza di appello. Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli vogliono solo lavorare, invece Sergio Marchionne vuole fare il padrone delle ferriere. È chiaro che l’IdV sta dalla parte di chi svolge con dignità la propria professione e chiede il rispetto dei propri diritti. Non mi fermerò qui, porterò la protesta in Parlamento per difendere l’articolo 1 della Costituzione: l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. A Melfi questo sacrosanto principio rischia di essere calpestato. Continua a leggere →

Sabato a Melfi incontro i tre operai che la Fiat di Melfi non vuole far tornare al lavoro

marzo 1, 2012 in Economia, Lavoro, Politica

Sabato prossimo alle 16, davanti ai cancelli della Fiat di Melfi, incontrerò Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, i tre lavoratori della Fiat di Melfi licenziati e poi reintegrati dalla Corte di appello di Potenza, che l’azienda si ostina a tenere fuori dallo stabilimento. I tre lavoratori, due delegati della Fiom e uno iscritto allo stesso sindacato, non possono essere lasciati soli. Voglio che sentano la vicinanza anche delle istituzioni. Continua a leggere →