Caso Milanese. Tremonti si dimetta subito

luglio 30, 2011 in Comunicati Stampa

“Voleva metterci una toppa, invece Tremonti sta smontando pezzo dopo pezzo la sua estraneità in faccende che non fanno onore ad un ministro della Repubblica” A dichiararlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori e componente del Copasir, Felice Belisario. “ Prima il superministro dichiara di non sentirsi sicuro in un’abitazione della Guardia di Finanza, che tra l’altro dipende dal suo ministero, proprio perché la stessa GdF sarebbe al centro di logiche spartitorie tra la sua cordata e quella di Berlusconi. Sentendosi spiato pensa bene, anziché rivolgersi all’Autorità Giudiziaria e riferire al Copasir, di accettare ‘l’ospitalità’ di un suo collaboratore che sembrerebbe coinvolto in un giro di tangenti e appalti truccati. Come se non bastasse, quella stessa Guardia di Finanza su cui Tremonti getta discredito, oggi lo smentisce: il superministro si è trasferito in via Campo Marzio da molto tempo prima di quanto dichiarato. Si tratta di una vicenda oscura e inquietante. Ma è ancora più inquietante che non si levi un coro unanime che chieda le dimissioni di Tremonti. Stiamo parlando di un ministro della Repubblica, di un uomo che ha in mano le chiavi delle casse dello Stato. Tremonti si dimetta subito e chiarisca la sua posizione nelle sedi opportune. Siamo stanchi di un governo che rappresenta tutta  la politica come un gruppo di cialtroni e ladri. C’è un’alternativa diversa e pronta a guidare il Paese verso lidi più felici”.

IL NO DELL’IDV ALLA MANOVRA, IL MIO INTERVENTO IN AULA

luglio 14, 2011 in Economia, Italia dei Valori, Politica, Sociale

Visualizza il Video su Youtube

Presidente, Ministro dell’Economia,

dopo annunci, tensioni e scontri nella maggioranza, bufera sui mercati, approda in Aula una brutta, bruttissima manovra.
Una manovra distante anni luce dall’impostazione sociale ed economica dell’Italia dei Valori, una manovra che però, ci dicono, potrebbe salvare il nostro Paese dal rischio default, vera e propria bancarotta per l’Italia.
Per queste ragioni abbiamo evitato di porre in essere manovre ostruzionistiche che sarebbero state peraltro vanificate dal 46esimo voto di fiducia. Continua a leggere →