Lo strano caso del Professor Monti e di Mister Mario

gennaio 2, 2013 in Comunicati Stampa

“Ormai siamo allo strano caso del professor Monti e di Mister Mario: il cosiddetto tecnico che doveva essere super partes ha ben presto sdoppiato la sua personalità, da principe dell’economia sulle spalle dei più poveri, a politicante che fa della demagogia e del doppiogiochismo la sua vera agenda”. Così il Capogruppo dell’Italia dei valori in Senato, Felice Belisario, commenta le dichiarazioni del Presidente del Consiglio a Radio Anch’io. “Lanciato a testa bassa in campagna elettorale, il Professore – aggiunge – se possibile sembra la brutta copia del Cavaliere. Dopo un anno di disastri al Governo in cui ha solo tutelato i poteri forti, Monti annuncia la riduzione delle tasse, l’obiettivo della crescita e la necessità di varare riforme per l’equità. Finora dov’era, su Marte? La luce che vede in fondo al tunnel, mentre il Paese versa lacrime e sangue a causa sua, è quella della poltrona dorata a cui aspira. Non contento del posto da senatore a vita, infatti, punta più ancora in alto: magari non al Quirinale, come la volpe con l’uva acerba, ma certamente in una posizione di potere da cui continuare a fare gli interessi dei gruppi economici e finanziari. Il rappresentante delle élite e delle lobby, da sempre un privilegiato, se la prende con la casta e afferma che destra e sinistra sono concetti superati solo per promuovere la strategia dell’inciucio, quella che lo ha portato a governare con Berlusconi, Casini e Bersani. Ma ora lo scenario è mutato, per la prima volta nella sua vita – conclude Belisario – Monti dovrà fare i conti con gli elettori e il popolo sovrano: per lui non sarà certo una passeggiata”.

Ddl anticorruzione, la controriforma è un regalo con i fiocchi ai disonesti: ora nessuno può negarlo

ottobre 27, 2012 in Giustizia, Politica

Dopo i rilievi negativi sul cosiddetto ddl anticorruzione espressi dal Consiglio Superiore della Magistratura, è arrivata anche la bocciatura dell’Associazione Nazionale Magistrati che ha definito il provvedimento un’occasione mancata. Le nostre critiche durissime, fatte in solitudine, alle norme volute da Governo e maggioranza trovano autorevoli conferme. Abbiamo fatto una battaglia a tutto campo per tentare raddrizzare questa malapianta, ma il Ministro Severino ha voluto blindare tutto con la fiducia. Ora si assume la responsabilità, insieme ha chi ha voluto e votato questa controriforma, di aver fatto un regalo con i fiocchi ai corrotti. Continua a leggere →

Da Catricalà solo sciocchezze a scopo promozionale

ottobre 18, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Ogni giorno dobbiamo sentire una sciocchezza a scopo promozionale. Se il governo ha fermato la corsa verso il baratro, come dice Catricalà, le famiglie italiane non se ne sono davvero accorte, anzi sono sempre più povere e le imprese non hanno visto nessun barlume di crescita. E’ chiaro che il sottosegretario alla presidenza del consiglio, collezionista di cariche, ha perso il dono dell’obiettività”.  Lo ha dichiarato il senatore Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a palazzo Madama, che ha aggiunto: “La realtà purtroppo è ben diversa da come la dipinge Catricalà e la legge di stabilità è un’ulteriore prova della distanza del governo dal paese reale: nessuna lotta ai privilegi della casta, tasse che colpiscono indistintamente tutti e misure su anziani e disabili talmente inique, tanto da costringere l’esecutivo a una retromarcia riparatrice. I cittadini hanno capito bene come stanno le cose: il governo con una mano finge di dare qualcosa e con l’altra li sta spogliando di tutto, tassando soprattutto chi ha di meno. Tutto questo con l’aggravante della mancata introduzione della patrimoniale per continuare a proteggere i potentati economici. Questo governo vuol far credere che non si riescono a sanare i conti  senza massacrare le fasce sociali più deboli. I tecnici, incapaci di equità e solidarietà – conclude Belisario – stanno facendo davvero naufragare il Paese”.

Quattro referendum per scegliere, da oggi parte la raccolta delle firme

ottobre 13, 2012 in Lavoro, Politica, Referendum

Da oggi ci troverete di nuovo nelle piazze italiane, per dare il via, come abbiamo annunciato da tempo, alla campagna referendaria per i quattro quesiti sul lavoro e contro la corruzione e i privilegi della casta. Ci troverete in centinaia di piazze, insieme a un esponente delle organizzazioni  o delle associazioni che si sono riunite nel comitato referendario, a raccogliere le firme di tutti i cittadini e i lavoratori che vogliono insieme a noi dare un segnale forte. Continua a leggere →

Per combattere la corruzione serve prima di tutto una rivoluzione culturale

ottobre 9, 2012 in Giustizia

Avere una legge contro la corruzione è necessario. Non solo perché ce lo chiede l’Europa, come ha giustamente sostenuto il presidente Napolitano qualche giorno fa, ma anche e soprattutto perché la corruzione si mangia ogni anno almeno 60 miliardi di euro e perché in ogni paese civile questo fenomeno è meno invasivo che da noi. Sarebbe decisamente meglio averne una davvero efficace, che comprendesse, ad esempio, il ripristino del falso in bilancio, norme contro l’autoriciclaggio, un aumento dei tempi di prescrizione, un inasprimento delle sanzioni.

Continua a leggere →

Casta cerca salvacondotto, mi batterò per liste pulite in IdV

ottobre 9, 2012 in Comunicati Stampa, Giustizia, Italia dei Valori, Politica

“La proposta anticorruzione arrivata dalla Camera è assolutamente debole e il Pdl sta facendo di tutto per peggiorare ancor di più il provvedimento fino a renderlo non solo inefficace, ma anche un salvacondotto ad personam e ad castam. L’IdV, invece, vuole norme più stringenti volte ad allungare i tempi di prescrizione, inasprire le sanzioni, ripristinare il reato di falso in bilancio e introdurre norme sull’antiriciclaggio”. Lo ha detto il senatore Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a palazzo Madama, intervenendo a Radio Anch’io. “Al Paese serve una legge contro la corruzione, ma il provvedimento all’esame del Senato appare sempre più annacquato. Questo parlamento di inquisiti e condannati, ormai allergico all’etica e alla legalità , sta dando pessima prova di sé . Il fenomeno della corruzione si contrasta non solo con la repressione, ma prima di tutto su un piano culturale, perché ‘la moglie di Cesare non solo deve essere integerrima, ma anche apparire tale’. Per questo, io mi batterò affinché alle prossime elezioni regionali e a quelle nazionali, l’IdV non candidi neppure chi ha ricevuto un avviso di garanzia per reati gravi o contro la pubblica amministrazione. Avere una legge contro la corruzione è necessario, averne una efficace – conclude Belisario – è davvero indispensabile”.

Sui tagli ai costi della politica vogliamo vedere i fatti

ottobre 6, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Le intenzioni del governo sui tagli ai costi delle Regioni sembrano buone ma noi dell’Italia dei Valori siamo come S. Tommaso: se non vediamo non crediamo”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “questo governo ci ha fregato troppe volte quando dagli annunci è passato ai fatti. Quindi, possiamo dire a Monti e ai suoi ministri che possono contare su una  predisposizione positiva dell’IdV, ma aspettiamo di conoscere il testo prima di esprimere un parere definitivo. Certo è vergognoso che le Istituzioni si siano mosse solo quando il vaso è traboccato e il veleno della malapolitica si è rovesciato sull’opinione pubblica. Da tempo l’Italia dei Valori denuncia i privilegi della casta, causa prima dell’allontanamento dei cittadini dal Palazzo e della loro indignazione. Ora bisogna procedere in fretta, con questo decreto di cui, ripeto, aspettiamo di conoscere il testo, con il ddl anticorruzione che, anche se annacquato, è pur qualcosa, con i referendum promossi dall’IdV , la cui raccolta firme inizierà il prossimo 13 ottobre. Ed, infine, con un segnale forte e chiaro agli italiani in vista delle prossime elezioni: la non candidabilità per corrotti, rinviati a giudizio, condannati e per coloro che sono stati raggiunti da avvisi di garanzia per reati contro la Pubblica amministrazione oltre che per gravi reati. Ora come non mai – conclude Belisario – c’è bisogno che la buona politica riprenda in mano la guida del Paese”.

Spazziamoli via

settembre 25, 2012 in Politica, Referendum

Abbiamo superato il limite da ormai troppo tempo. Quello che è accaduto alla Regione Lazio è solo la punta dell’iceberg. Ostriche, sperperi,  lusso diffuso e ostentato, con soldi pubblici, alla faccia della povera gente, chi non ha lavoro o ce l’ha precario, alla faccia del 50 % dei giovani ancora in cerca di prima occupazione. Basta, la misura è colma!
Spazziamoli via, tutti. Spazziamo via questa casta indegna di rappresentarci, mandiamo a casa chi ha scambiato lo spirito di servizio per l’iscrizione alla casta dei privilegi. Continua a leggere →