CENSIS: dati sono specchio di politiche sbagliate

dicembre 7, 2012 in Comunicati Stampa

“I dati del l rapporto annuale del CENSIS  sono lo specchio di un’Italia allo sbando, al limite della sopravvivenza,  certamente per la gravissima crisi economica, ma anche per la iniquità di provvedimenti di un governo ormai traballante, in chiara continuità  con i provvedimenti di Berlusconi”. Continua a leggere →

Monti legga bene il rapporto Censis prima di varare la manovra

dicembre 2, 2011 in Economia, Lavoro, Politica

Mi aspetto, anzi sono convinto, che il governo Monti leggerà per bene l’ultimo rapporto Censis sulla situazione socio-economica dell’Italia prima di scrivere i testi definitivi dei provvedimenti che porterà in Parlamento. Numeri e statistiche raccontano di un Paese fragile, sfiduciato e sempre più povero, in cui aumentano le disuguaglianze e manca il lavoro, con dati impressionanti soprattutto tra i giovani. Un Paese che si sente prigioniero della grande finanza e che ha sempre meno fiducia nella classe politica. Continua a leggere →

Dal Censis certificato il triste crepuscolo del berlusconismo

dicembre 3, 2010 in Comunicati Stampa, Economia, Politica, Sociale

“Siamo un po’ più tristi, un po’ più individualisti, abbiamo pochi desideri e siamo sedotti sempre meno dal carisma e dai leaders. Il Censis dà una lettura amara e cruda di un modo di essere edonistico e vuoto, il berlusconismo, che sembra giunto al suo crepuscolo non senza però aver creato danni enormi nella società italiana”. Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, commentando i dati del rapporto annuale del Censis. “Insomma, viene dipinto un quadro in cui prevale l’appiattimento e il vuoto, dove vince la superficialità sull’approfondimento ma dove, allo stesso tempo, proprio questi elementi segnano l’annullamento degli interessi e dei conflitti. E’ esattamente questa la conseguenza di oltre vent’anni di berlusconismo. La gente appare stanca delle false promesse e si accorge che a fronte di un decisionismo di facciata i risultati prodotti, il Censis lo dice chiaramente, sono prossimi allo zero. Occorre voltare pagina, in fretta, per lasciarci alle spalle la tristezza individuale e collettiva di questi tempi e – conclude Belisario – tornare ad appassionarci perché non si può impunemente, come ha fatto il berlusconismo, rubare allo stesso tempo il passato, il presente e il futuro”.