DOMANI TUTTI IN PIAZZA PER CAMBIARE L’ITALIA!

giugno 9, 2011 in Italia dei Valori, Politica, Referendum

Finalmente il Governo annuncia la riforma del fisco: la attendevamo da 17 anni, quando Berlusconi la promise la prima volta. Un proclama che si aggiunge al rilancio dello sviluppo, al piano per il Sud, alla creazione di nuovi posti di lavoro e all’aumento della sicurezza per i cittadini. L’Economist dedica un dossier alle bugie del berlusconismo e scrive che il premier è riuscito ad imbrogliare l’Italia: tra il 2000 e il 2010 il nostro Pil è cresciuto in media dello 0,25%, solo Zimbabwe e Haiti hanno fatto peggio. Il centrodestra è un comitato di propaganda perenne, cerca disperatamente di restare aggrappato alle poltrone millantando la volontà di affrontare i problemi del Paese. Ormai è da tre anni che sopportiamo un Governo inerte, espressione della cricca che lo supporta e distante anni luce dal Paese reale. Domani chiudiamo con una grande festa la campagna referendaria: perché il 12 e 13 giugno possiamo cambiare l’Italia. Continua a leggere →

SUL NUCLEARE IL GOVERNO TENTA IL RAGGIRO, DOBBIAMO CANCELLARLO UNA VOLTA PER TUTTE

aprile 19, 2011 in Politica, Referendum

Il Governo, forse perché si è vergognato di una truffa tanto colossale, ha presentato di soppiatto un maxiemendamento al provvedimento sul nucleare, lasciando così intendere di voler rinunciare alla creazione di nuove centrali. Ma a riprova del fatto che ci troviamo di fronte a noti piazzisti, basta leggere bene gli articoli per svelare l’inganno: ancora una volta la maggioranza tenta di raggirare i cittadini, perché non si dice un no secco e definitivo al nucleare ma, di fatto, si prende tempo per non fare il referendum e farla franca. Continua a leggere →

UNO SCHIAFFO POLITICO E MORALE AI KAMIKAZE DEL CENTRO-DESTRA

marzo 20, 2011 in Ambiente, Italia dei Valori, Politica, Referendum

Sul ritorno al nucleare, al centro-destra serve un manrovescio dagli italiani: Pdl e Lega, insieme a Udc e Fli, non hanno ancora capito cosa vogliono i cittadini. Ma ci penserà il referendum a scuoterli dal loro ottuso atteggiamento, perché di fronte alla tragedia del Giappone i nuclearisti dovrebbero aprire la bocca solo per chiedere scusa al Paese. Il terremoto e lo tsunami hanno causato più di 21.000 tra morti e dispersi, centinaia di migliaia di sfollati, tonnellate di generi alimentari contaminati, tracce di radiazioni nell’acqua piovana e nelle polveri, l’intero polo nucleare di Fukushima inutilizzabile, danni per miliardi di euro ed uno squarcio perenne nella coscienza di un’intera nazione: queste le conseguenze prodotte in soli 9 giorni dal disastro in Giappone. Il Governo e i suoi ex alleati hanno bisogno di uno schiaffo politico perché, di fronte ad una tale tragedia, hanno ancora il coraggio di parlare a favore del nucleare. E c’è chi fa di peggio. Continua a leggere →

NUCLEARE: FERMARE I GIOCATORI D’AZZARDO

gennaio 26, 2011 in Ambiente, Italia dei Valori, Politica, Sicurezza

Dopo aver tagliato i fondi all’ambiente, alla sicurezza e alle energie alternative e rinnovabili, in coerenza con la propria devastante politica economica il Governo spinge l’acceleratore sul nucleare. Evidentemente l’opinione dei cittadini non conta nulla nella visione aziendalista del centrodestra: la vicenda mostra per l’appunto come la maggioranza dei legionari stia attuando una vera e propria speculazione sociale. Giulio Tremonti, il tesoriere del Governo Berlusconi, per bocca del Ministro Romani ha affermato la necessità di realizzare nuove centrali. Anzitutto, prima di investire risorse nel progetto bisognerebbe rispettare il referendum del 1987, le 740.000 firme raccolte dall’Idv per un nuovo quesito abrogativo e il pronunciamento della Consulta che lo ha dichiarato ammissibile. Continua a leggere →