Di Pietro nel giusto, basta con i trombettieri

luglio 20, 2012 in Comunicati Stampa

 

 

“I pm di Palermo sono al lavoro per fare piena luce sulla trattativa tra Stato e mafia, il dovere delle istituzioni è quello di andare fino in fondo nella ricerca della verità e per questo riteniamo del tutto inopportuno aver sollevato il conflitto di attribuzioni. Di Pietro è nel giusto quando chiede il rispetto della Costituzione, cui naturalmente è tenuto anche il Presidente della Repubblica. E fa specie che questo sollevi tanto clamore in alcuni esponenti delle forze che sostengono l’uomo del Colle Monti, Pdl e Pd in testa. I soliti trombettieri, schierati a destra e a sinistra, la smettano di scaldarsi tanto appena sentono le parole democrazia, legalità e giustizia: è su questi principi che si fonda la nostra Repubblica, non sul dogma dell’infallibilità”. Lo dichiara il Presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario.

 

Trattativa Stato-mafia: le istituzioni devono cercare la verità, il Pd se ne faccia una ragione

giugno 17, 2012 in Politica

Antonio Di Pietro ha espresso le sue preoccupazioni sui nuovi scenari della trattativa tra Stato e mafia, annunciando di interpellare formalmente il Ministro della Giustizia a proposito dell’intervento del Colle nella vicenda Mancino. Il solito corazziere improvvisato è scattato sull’attenti e ha gridato allo scandalo, ma non accettiamo lezioncine né minacce da Enrico Letta, che ha dimostrato il suo rispetto per le istituzioni mandando pizzini a Monti: un comportamento che non ha fatto onore né al Governo che sostiene, né al partito che rappresenta. Gli esponenti del Pd si confrontino piuttosto sul tema sollevato da Di Pietro, invece di buttare la palla in tribuna. Mi domando se in democrazia, pur con tutto il rispetto che si deve portare alle istituzioni, anche quelle di garanzia, è possibile il diritto di critica oppure se vi sia in Costituzione un articolo che proclami la infallibilità del Capo dello Stato. Io non l’ho trovato, se qualcuno vuole indicarmelo, gliene sarò riconoscente… Continua a leggere →

A volte ritornano

giugno 1, 2012 in Economia, Politica

Stampare moneta è un’idea talmente strampalata che se non l’avesse detta un signore che ci ha governati per 8 degli ultimi 10 anni l’avremmo archiviata con un sorriso e saremmo passati ad altro. Ma Silvio Berlusconi è ancora il presidente del partito più rappresentato in Parlamento e potremmo ritrovarcelo (ma mi auguro proprio di no) al Quirinale tra un anno visto che già da tempo, alternando una conferma e una smentita, ha cominciato la corsa al Colle con un’improbabile autocandidatura. Continua a leggere →

Referendum sulla legge elettorale: pacco, doppio pacco e contropaccotto

gennaio 13, 2012 in Elezioni, Politica, Referendum

La bocciatura della Consulta, che da giorni era stata anticipata e magari anche caldeggiata, è una sconfitta per le istituzioni democratiche. Per questo l’indignazione dell’Italia dei Valori è legittima e doverosa. Chi invece fa spallucce, come il Pd, annunciando buoni propositi e biasimando le voci di dissenso, rafforza l’idea che gli italiani siano stati vittime di pacco, doppio pacco e contropaccotto. Continua a leggere →

Manovra-Lodo. Quanti governi abbiamo?

luglio 7, 2011 in Comunicati Stampa

“Volendo fare i conti non so più quanti governi abbia questo Paese”, commenta il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, “prima c’è quello della manina segreta che inserisce nella manovra una norma per salvare il patrimonio di Berlusconi. Poi ce n’è un altro che nega di saperne qualcosa e che, di fronte ai rilievi del Colle e ai ricatti leghisti, la ritira. E voilà oggi ne appare un altro ancora: prima è il premier ad annuciare che quella leggina uscita dalla porta rientrerà dalla finestra, via emendamento. Gli fa eco Quagliariello che annuncia un disegno di legge a firma Gasparri-Quagliariello da presentare in Senato. Pensate sia tutto qui? Magari! Basta attendere qualche secondo e spunta il governo a traino leghista che con Bossi dice di non saperne nulla di un nuovo testo ‘salva Mediaset’. Veramente una barzelletta, anche se c’è poco da ridere perchè questi venditori di fumo hanno la presunzione di dire che guidano il Paese, quando l’unico loro interesse è garantire gli interessi del premier e incassare qualche poltrona in più. Intanto l’Italia soffoca nella precarietà. E’ ora che il centrodestra appenda le scarpe al chiodo e lasci spazio a chi questo lavoro lo vuole fare con onestà e passione per il bene comune”

LE OPPOSIZIONI VOTINO COMPATTE CONTRO LA GUERRA

aprile 29, 2011 in Esteri, Politica

Il governo italiano ha deciso di bombardare la Libia. Per il Presidente della Repubblica questo rientra perfettamente nel solco della risoluzione 1973 dell’Onu, in cui si “autorizza gli Stati membri che hanno notificato al segretario generale, e che agiscono a livello nazionale o tramite organizzazioni o accordi regionali (…) ad adottare tutte le misure necessarie (…) per proteggere i civili e le aree civili popolate sotto la minaccia di un attacco in territorio libico, compresa Bengasi, pur escludendo una forza di occupazione straniera in qualsiasi forma su qualsiasi parte del territorio libico”. Continua a leggere →

Basta con gli atteggiamenti scientificamente eversivi di Berlusconi

aprile 8, 2011 in Comunicati Stampa, Politica

“Napolitano non ha bisogno di difensori di ufficio e neanche di essere tirato per la giacca ma a Berlusconi chiediamo ancora una volta di rispettare le istituzioni, a cominciare dal presidente della Repubblica che finora ha agito nel pieno rispetto della Costituzione, la stessa che il presidente del Consiglio vuole stravolgere dopo averla più volte oltraggiata e aggirata”. Per il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, “il capo dello Stato è il garante di tutti, non certo delle oscene leggi ad personam, e l’altissima popolarità di cui gode in ogni sondaggio è la prova  che egli è un sicuro punto di rifermento per gli italiani. Berlusconi è l’unico presidente del Consiglio del dopoguerra che attacca sistematicamente le altre istituzioni dello Stato. Noi, francamente, di questo atteggiamento scientificamente eversivo non ne possiamo più e – conclude Belisario – speriamo di mandarlo a casa il più presto possibile per superare finalmente l’emergenza  in cui quest’uomo ci ha fatto sprofondare”.

RIFONDARE LA POLITICA ELIMINANDO IL PECCATO ORIGINALE

febbraio 2, 2011 in Politica

Dal Presidente della Repubblica arriva un appello a superare le contrapposizioni che stanno imbrigliando la politica, riducendo ogni tipo di confronto nel merito ad uno sterile scontro di principio. La maggioranza pone ultimatum inaccettabili e porta il dibattito politico ad un bivio: pro o contro Berlusconi. Non ci sono dubbi su quale possa essere la nostra scelta, ma il problema è liberare il Parlamento dall’occupazione militare del Caimano, che ha sequestrato le istituzioni e ha risolto il pluralismo democratico e la dialettica politica nel conflitto permanente tra chi vede il lui il bene e chi il male. Continua a leggere →