Ma che c’azzecca il condono con il decreto per lo sviluppo?

ottobre 7, 2011 in Comunicati Stampa, Economia

“Ma che c’azzecca il condono con lo sviluppo?”. Se lo chiede il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario. “Siamo alle solite. Il governo è diviso su tutto, non ha una sola idea di cosa si può fare per far crescere il nostro Paese e si affida ai soliti trucchi per fare cassa e premiare i disonesti, alla faccia di chi paga le tasse e non costruisce case abusive. L’immagine dell’esecutivo non è solo irrimediabilmente usurata per le incredibili pulsioni  e le esternazioni senza senso del premier, sulle quali neanche la stampa internazionale riesce più a scherzare, ma anche per l’incapacità di trovare ricette equilibrate per far vedere agli italiani la luce alla fine del tunnel della crisi. Invece di riforme di sistema  in grado di aiutare le imprese in difficoltà e di conseguenza far diminuire la disoccupazione, il governo sta pensando a un condono fiscale ed edilizio e ai soliti tagli che colpiscono, guarda caso, soprattutto il meridione. E’ incredibile come riescano a non indovinare un solo provvedimento utile al Paese, neanche per sbaglio. Per fortuna – conclude Belisario – ormai Berlusconi e il resto della banda Bassotti hanno i giorni contati, finalmente l’Italia onesta e laboriosa inizierà la ricostruzione dopo il cataclisma berlusconiano”.

LA MANOVRA E LA GARA NEL CENTRODESTRA A CHI LA SPARA PIU’ GROSSA

agosto 26, 2011 in Economia, Politica

Calderoli vuole colpire pensioni di reversibilità e indennità di accompagnamento, insomma punta a prendersela con vedove, orfani e invalidi. La Polverini ritira fuori un grande classico dei governi Berlusconi e propone di ‘fare un ultimo condono’. Formigoni dice che bisogna aumentare l’età pensionabile. E’ solo una sintesi delle ultime desolanti proposte arrivate da un centrodestra sempre più diviso per peggiorare la già pessima manovra del governo. Continua a leggere →

CON LA LOTTA SERIA ALL´EVASIONE FISCALE SI PUO´ USCIRE DALLA CRISI

agosto 19, 2011 in Economia, Politica

Avevo pensato di richiamare la vostra attenzione su quello che, a mio parere, è uno dei punti centrali (certo non l´unico) dei limiti della manovra del Governo. L’assenza di lotta all´evasione fiscale. Poi, in mattinata, sullo stesso tema è intervenuto anche il cardinal Bagnasco, il presidente della Conferenza episcopale italiana che, sostanzialmente, si è soffermato su due argomenti: le famiglie troppo penalizzate e il record di evasione fiscale. Mi sono sentito in buona compagnia (anche se pure la Chiesa a un po’ di privilegi fiscali deve rinunciare), ma dalle parti della maggioranza non è arrivato alcun segnale. Tutti a sciacquarsi la bocca con il sostegno alle famiglie (poi mi farò spiegare in quale capitolo della manovra è inserito) e niente sull´evasione. Per forza! Stanno preparando il secondo scudo fiscale! Continua a leggere →

TASSARE I CAPITALI SCUDATI: MEGLIO TARDI CHE MAI, L’OPPOSIZIONE ADERISCA ALLA NOSTRA BATTAGLIA

agosto 17, 2011 in Economia, Politica

La crisi impone scelte sofferte, il cuore di Berlusconi gronda sangue perché è costretto a gettare la maschera ammettendo di aver finora saccheggiato con destrezza le tasche degli italiani. Con uno sforzo estremo, fingendosi sempre più affranto dal dolore, il premier si spinge là dove osano i Governi credibili: ovvero nel campo della legalità e della giustizia sociale. Ma in questo terreno, sconosciuto all’Esecutivo dei condoni, degli scudi e delle depenalizzazioni, Berlusconi si muove a fatica, impacciato ed esitante: a chi gli chiedeva, ieri, cosa ne pensasse di tassare una volta tanto gli evasori, ha risposto: “Non so di che parla”. Andiamo bene. Continua a leggere →

MILLEPROROGHE: NON CONSENTIREMO ALCUN CONDONO EDILIZIO

gennaio 27, 2010 in Politica

  L’Italia dei Valori non consentirà alcun condono edilizio, né palese né mascherato. Il combinato disposto di due emendamenti al milleproroghe, uno del relatore, l’altro di due esponenti della maggioranza, prevede la devastazione dell’intero territorio nazionale, dalle città, ai centri storici fino addirittura alle aree vincolate. Da un lato vengono riaperti i termini a tutto il 2010 per la presentazione delle domande relative agli illeciti edilizi scaduti addirittura nel dicembre del 2004. Dall’altra si prevede la possibilità, da parte delle Regioni, di ampliare senza alcun limite volumetrico le cubature delle abitazioni in deroga a norme e strumenti di pianificazione vigenti in materia urbanistica.E questa è solo la punta dell’iceberg. Il milleproroghe contiene una serie lunghissima di nefandezze.
Cito solo la proroga dei tagli alle poltrone nei consigli comunali e provinciali che non si applicherebbero prima del 2011 e un minicondono sulle affissioni elettorali abusive che vale per il passato e addirittura per il prossimo futuro. Leggi ad personam a parte, se questi ed altri emendamenti immorali dovessero passare, è forse uno dei peggiori provvedimenti a evidenti scopi elettoralistici dei vari governi Berlusconi.