La Lega poltrona torna a braccetto con il Pdl. Siamo l’unica opposizione a Berlusconi e Monti!

gennaio 7, 2013 in Politica

Come volevasi dimostrare, alla fine la Lega ha chiuso l’accordo con Berlusconi. Alla faccia del rinnovamento promesso a suon di scope! Dopo che sul Carroccio è piombata un’altra tegola, quella di una nuova inchiesta che stavolta riguarda i conti del Gruppo al Senato, Maroni ammette candidamente che si presenterà con il Pdl perché così spera di guadagnare il posto di Governatore in Lombardia. La Lega poltrona cede all’abbraccio fatale del Cavaliere e per le imminenti elezioni ricostruisce l’alleanza che ha portato l’Italia sull’orlo del baratro, causando poi la nascita del Governo Monti. L’unica forza che si è opposta e si oppone a Berlusconi e a Monti è l’IdV, gli altri perdono il pelo ma non il vizio. Continua a leggere →

Lo strano caso del Professor Monti e di Mister Mario

gennaio 2, 2013 in Comunicati Stampa

“Ormai siamo allo strano caso del professor Monti e di Mister Mario: il cosiddetto tecnico che doveva essere super partes ha ben presto sdoppiato la sua personalità, da principe dell’economia sulle spalle dei più poveri, a politicante che fa della demagogia e del doppiogiochismo la sua vera agenda”. Così il Capogruppo dell’Italia dei valori in Senato, Felice Belisario, commenta le dichiarazioni del Presidente del Consiglio a Radio Anch’io. “Lanciato a testa bassa in campagna elettorale, il Professore – aggiunge – se possibile sembra la brutta copia del Cavaliere. Dopo un anno di disastri al Governo in cui ha solo tutelato i poteri forti, Monti annuncia la riduzione delle tasse, l’obiettivo della crescita e la necessità di varare riforme per l’equità. Finora dov’era, su Marte? La luce che vede in fondo al tunnel, mentre il Paese versa lacrime e sangue a causa sua, è quella della poltrona dorata a cui aspira. Non contento del posto da senatore a vita, infatti, punta più ancora in alto: magari non al Quirinale, come la volpe con l’uva acerba, ma certamente in una posizione di potere da cui continuare a fare gli interessi dei gruppi economici e finanziari. Il rappresentante delle élite e delle lobby, da sempre un privilegiato, se la prende con la casta e afferma che destra e sinistra sono concetti superati solo per promuovere la strategia dell’inciucio, quella che lo ha portato a governare con Berlusconi, Casini e Bersani. Ma ora lo scenario è mutato, per la prima volta nella sua vita – conclude Belisario – Monti dovrà fare i conti con gli elettori e il popolo sovrano: per lui non sarà certo una passeggiata”.

Monti ascolti appello Bertone

novembre 3, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Lavoro, Politica

“Temo che l’appello del cardinale Bertone per il diritto al lavoro rimarrà inascoltato. Non c’è peggior sordo, infatti, di chi non vuole sentire e il governo Monti-Fornero, pieno zeppo di sedicenti cattolici, ha dimostrato che nel calpestare la tutela dei lavoratori non sente ragioni”. Ad affermarlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “il segretario di Stato, Bertone, con le sue parole di oggi dimostra che il diritto al lavoro non solo è una strategia economica e di crescita, ma soprattutto è la base di una società dove ognuno di noi afferma la sua dignità e cresce nel rispetto sociale. Si tratta di un diritto inalienabile e sacro, che non è né di destra, né di sinistra, ma dei cittadini. Purtroppo il governo Monti si è dimostrato freddo, arrogante e strafottente. Ha guardato solo ai numeri del rigore, perdendo di vista ogni senso di umanità e rispetto del Paese reale. Speriamo – conclude – di cambiare presto pagina e di affidare il governo a una coalizione che basi la sua politica economica sul rispetto del lavoro, crescita, equità e solidarietà”.

Il cerchiobottismo del centro è solo un mero esercizio di potere

settembre 14, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

 

 

“Il cerchiobottismo è solo un mero esercizio di potere che non fa bene all’Italia ma solo a pochi privilegiati”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “oggi sento tanti proclama a favore di un centro a cui affidare le sorti del Paese, un centro moderato. Mi chiedo cosa ci sia dietro le parole ‘centro’ e ‘moderato’. Direi una bella fregatura per gli italiani. La via di mezzo, infatti, è solo un tentativo mascherato di portare il Paese a destra, a vantaggio dei soliti noti e delle lobbies più violente. Insomma, uno schieramento contro gli interessi e i diritti della stragrande maggioranza dell’Italia, che ha sofferto già abbondantemente le scelte ad personam e ad castam del berlusconismo, di cui Fini e Casini, che oggi si scandalizzano tanto, sono stati protagonisti. Per cambiare pagina in modo serio e trasparente ed uscire dal pantano etico-politico, sociale ed economico in cui ci troviamo, bisogna smetterla di essere un giorno fan di dio e uno di mammona per essere solo con se stessi. Chi sostiene ancora la validità di questa ‘storiella’ – conclude Belisario – prenderà un sonoro schiaffone dagli italiani, stanchi e nauseati dalla malapolitica”.

 

Da centro e da destra vecchi gattopardismi, le amministrative saranno il vento nuovo

aprile 21, 2012 in Comunicati Stampa

“Dal partito della nazione lanciato da Casini alla grande novità annunciata da Alfano, passando per la rifondazione della Dc voluta da Pisanu, il centro-destra sfodera dal cilindro i soliti gattopardismi. Queste proposte sono solo una foglia di fico, che non basta a nascondere il fallimento di chi ha perso la fiducia dei cittadini a forza di promesse mancate”. Lo ha dichiarato Felice Belisario, Capogruppo IdV al Senato, a margine dell’iniziativa a sostegno del candidato sindaco di Agrigento Giampiero Carta. “Le amministrative – ha aggiunto – serviranno per archiviare una volta per tutte le strane alchimie dei finti moderati, che cercano di rifarsi una verginità restando ancorati a vecchi schemi da Prima Repubblica. Le prossime elezioni saranno il vento nuovo che spazzerà via la politica riciclata, che perde il pelo ma non il vizio di fare giochi di Palazzo, incapace ormai di impegnarsi per i cittadini e con i cittadini. L’Italia dei Valori – ha concluso Belisario – continua invece a lavorare sul territorio per interpretare le istanze di rinnovamento della società civile”.

ABC, l’alfabeto dell’ipocrisia

gennaio 17, 2012 in Politica

E’ questo un momento particolare:  il futuro del nostro Paese è nelle mani di un governo tecnico, un governissimo varato in tutta fretta dal Presidente nel tentativo, finora senza successo, di portare l’Italia fuori dalle secche di una crisi senza precedenti. In questo clima per nulla sereno, sotto l’impulso di forze contrastanti, cittadini da una parte e forti potentati dall’altra, il governo di tecnici (alcuni con palesi conflitti di interesse) si ritrova sostenuto da una maggioranza politica. Continua a leggere →

Una legge elettorale per “fotterci”

dicembre 18, 2011 in Italia dei Valori, Politica

Leggo sulla stampa, per così dire qualificata, che la nuova maggioranza PDL-PD con il supporto del fido Terzo Polo, sta puntando ad una nuova legge elettorale per rinsaldare il legame contro natura che nulla ha a che vedere con il sostegno al governo tecnico nato per superare l’emergenza economica. L’IdV  ha dato battaglia per cambiare la legge elettorale “porcata” di Calderoli, fatta solo per impedire al centrosinistra, vittorioso poi nel 2006, di governare. Continua a leggere →

Governo. Belisario: Elezioni subito o governo tecnico solo per legge elettorale

ottobre 10, 2011 in Comunicati Stampa

“L’Italia dei Valori ha le idee chiare: l’unica strada per uscire dalla crisi politica, economica, sociale ed etica in cui si trova il Paese è quella di andare subito al voto”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “i giochetti di Palazzo che vediamo ovunque, a destra come a sinistra, e che servono solo ad occupare piccoli orticelli della politica interna, non ci interessano. La nostra ragione sociale è raccogliere e portare all’attenzione della politica le richieste che provengono dalla società civile, come la battaglia per la riduzione dei costi della politica e una feroce lotta all’evasione fiscale e alla corruzione. In questo momento è importante dare all’Italia un segnale chiaro e forte di interesse per i cittadini e per i loro problemi. I passaggi sono semplici: mandare a casa il caimano arroccato nel suo bunker ed indire elezioni subito. Se mai ci fosse modo e bisogno di ricorre ad un governo tecnico, l’Italia dei Valori – conclude Belisario – non si tira indietro e non pone paletti a chiunque voglia aderire. Ad una sola condizione: che duri un fiat, il tempo di riformare la legge elettorale, per ridare agli italiani la possibilità di scegliere chi siede in Parlamento. Non vogliamo trovarci di nuovo con un governo di nominati, inquisiti e truffatori”.