Minzolini rinviato a giudizio, se non si dimette venga rimosso

dicembre 6, 2011 in Comunicati Stampa, Informazione

“Auguriamo al direttore del Tg1 Augusto Minzolini di dimostrare la propria innocenza, nel frattempo tolga il disturbo e si dimetta dal tg che dirige per affrontare con serenità il processo che lo attende”. Lo ha detto il capogruppo del’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario. ” Qui non c’entrano le polemiche per la sua conclamata faziosità, nè c’entrano le telefonate in cui Berlusconi lo appellava come ‘direttorissimo’ e gli dettava la scaletta del tg. C’entra invece la deontologia professionale. A capo del principale tg del servizio pubblico non può esserci un indagato per peculato per uso di carta di credito aziendale. E’ chiaro che se a Minzolini non venisse in mente di dimettersi la Rai dovrebbe rimuoverlo immediatamente”.

MINZOLINI, LEI, FERRARA. GLI ULTIMI MERCENARI A DIFESA DEL BUNKER

settembre 20, 2011 in Informazione

Lui, Lei e l’altro. Lui, Augusto Minzolini, lo conosciamo bene, l’uomo che è stato capace di ridurre il tg1 a un covo di macerie. Lei, Lorenza Lei, dg della Rai, in sei mesi ha mandato a casa Santoro, Saviano e, ultima vittima, Serena Dandini. Oscar berlusconiano all’efficienza. L’altro è Giuliano Ferrara. Minzolini comincia il lavoro sporco e il direttore del Foglio lo finisce. Continua a leggere →

LA BALLA SUI COSTI DELLE INTERCETTAZIONI

giugno 24, 2011 in Giustizia, Informazione, Politica

Il re è nudo, scoperto, indifeso. I suoi uomini più fedeli sono finiti in una nuova inchiesta giudiziaria che svela un giro del malaffare da brividi.

E, voilà, parte la carica del megafono di Arcore. Sul banco degli imputati di nuovo i magistrati e di nuovo le intercettazioni, oggetto di numerosi attacchi e di una marea di stupidaggini per smontare uno strumento fondamentale per svelare l’intreccio tra cricche, politica e istituzioni. E nel Paese del sultano del malaffare, anzichè gridare allo scandalo, si grida al mezzo che serve per svelare lo scandalo.

Lo fanno i politici e, a seguire, arriva la stoccata del Tg1, prima con un servizio confezionato ad arte, poi con un editoriale di Minzolini in cui il direttorissimo conferma che le intercettazioni costano un miliardo di euro. Soldi che potrebbero essere usati per la riforma fiscale e il risanamento dei conti. Continua a leggere →