Botti di Capodanno

gennaio 1, 2013 in Elezioni, Politica

Naturalmente, le massime istituzioni hanno formulato gli auspici per il nuovo anno e fatto il bilancio delle scelte compiute in quello trascorso. Giusto, però la retorica e la demagogia sono davvero insopportabili. Il Governo ha diramato un bollettino tipo Cinegiornale, “Analisi di un anno”, che ha magnificato i risultati ottenuti e gli obiettivi attesi dal Governo medesimo: meno tasse, più opportunità per i giovani, economia a gonfie vele, meno sprechi, più lavoro! Siamo ai botti di Capodanno… Continua a leggere →

Condiviamo appello Fieg-Fnsi, ddl diffamazione va ritirato

novembre 25, 2012 in Comunicati Stampa

“L’IdV condivide l’appello della Federazione degli editori e della Federazione nazionale della stampa, il provvedimento sulla diffamazione è ormai un testo Frankenstein che va immediatamente ritirato”. Lo dichiara il Presidente del Gruppo IdV al Senato, Felice Belisario. “Il cosiddetto ‘provvedimento Sallusti’ – aggiunge – è un concentrato di norme palesemente incostituzionali, il centrodestra ha portato in Aula il frutto avariato di un’operazione strumentale e liberticida. Prevedere sanzioni assurde e la pena del carcere significa imporre pressioni intimidatorie senza precedenti nei confronti dei giornalisti e violare l’articolo 21 della Costituzione. Un Paese civile non può tollerare una simile limitazione ai danni della libertà di stampa e del diritto dei cittadini di essere informati. Auspichiamo in un ravvedimento operoso da parte del Parlamento per accogliere le richieste di Fieg e Fnsi, l’Italia dei Valori – conclude Belisario – continuerà ad opporsi con ogni mezzo a questo attacco frontale nei confronti della democrazia“.

 

Omofobia e femminicidio, un cancro sociale

novembre 24, 2012 in Politica, Sociale

L’intolleranza sociale è un fenomeno drammaticamente in aumento e un Paese civile questo non può tollerarlo. Servono strumenti normativi, politiche educative e di prevenzione, sanzioni severe e, soprattutto, maggiori tutele per chi è vittima di ogni atto lesivo della dignità umana. La violenza di genere rappresenta un vero e proprio cancro del tessuto sociale che va rimosso anzitutto sul piano culturale. Il rispetto della persona passa attraverso il riconoscimento dei diritti, per questo l’IdV ha presentato delle proposte di legge contro l’omofobia e il femminicidio. Il Parlamento ha il dovere di far tesoro di questa ultima fase di legislatura per approvarle. Continua a leggere →

Monti ascolti appello Bertone

novembre 3, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Lavoro, Politica

“Temo che l’appello del cardinale Bertone per il diritto al lavoro rimarrà inascoltato. Non c’è peggior sordo, infatti, di chi non vuole sentire e il governo Monti-Fornero, pieno zeppo di sedicenti cattolici, ha dimostrato che nel calpestare la tutela dei lavoratori non sente ragioni”. Ad affermarlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “il segretario di Stato, Bertone, con le sue parole di oggi dimostra che il diritto al lavoro non solo è una strategia economica e di crescita, ma soprattutto è la base di una società dove ognuno di noi afferma la sua dignità e cresce nel rispetto sociale. Si tratta di un diritto inalienabile e sacro, che non è né di destra, né di sinistra, ma dei cittadini. Purtroppo il governo Monti si è dimostrato freddo, arrogante e strafottente. Ha guardato solo ai numeri del rigore, perdendo di vista ogni senso di umanità e rispetto del Paese reale. Speriamo – conclude – di cambiare presto pagina e di affidare il governo a una coalizione che basi la sua politica economica sul rispetto del lavoro, crescita, equità e solidarietà”.

Oggi una vittoria per i lavoratori. Ma, attenzione, Marchionne si crede sopra la legge

ottobre 19, 2012 in Comunicati Stampa, Lavoro

“E’ una vittoria dei lavoratori contro il modello Marchionne, un segnale importantissimo in un momento in cui in Italia sembra vigere la legge del ‘vinca il più forte’”. Così il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, commenta da Palermo, dove si trova per la campagna elettorale, la decisione della Corte d’Appello che ha respinto il ricorso della Fiat, obbligando l’azienda ad assumere nello stabilimento di Pomigliano i 145 operai iscritti alla Fiom. “Attenzione, però, a non abbassare la guardia perché l’azienda – aggiunge Belisario – ha dimostrato di fregarsene dei diritti dei lavoratori, di avere un’ossessione vera e propria nei confronti della Fiom e di ignorare le sentenze giudiziarie. Marchionne si crede al di sopra della legge, così come ha dimostrato a Melfi, dove ha impedito il reintegro dei tre operai Fiom, nonostante la decisione del Tribunale. Questa volta farà bene a filare dritto, i cittadini sono sempre più stanchi ed indignati di vedersi calpestare dallo strapotere e dall’arroganza dei più forti. L’IdV continuerà la sua battaglia a fianco dei lavoratori, nelle piazze, come domani a Roma, e in Parlamento affinché il governo, riporti sulla terra dei comuni mortali il ministro fantasma Passera. L’Italia non può più andare avanti un minuto di più senza un piano industriale degno di questo nome e con un esecutivo – conclude – che fa finta di non sentire quando a gridare sono i lavoratori, i pensionati e i disoccupati”.  

 

Quattro referendum per scegliere, da oggi parte la raccolta delle firme

ottobre 13, 2012 in Lavoro, Politica, Referendum

Da oggi ci troverete di nuovo nelle piazze italiane, per dare il via, come abbiamo annunciato da tempo, alla campagna referendaria per i quattro quesiti sul lavoro e contro la corruzione e i privilegi della casta. Ci troverete in centinaia di piazze, insieme a un esponente delle organizzazioni  o delle associazioni che si sono riunite nel comitato referendario, a raccogliere le firme di tutti i cittadini e i lavoratori che vogliono insieme a noi dare un segnale forte. Continua a leggere →

Il film già visto di Montezemolo, Fini e Casini: “Monti due, la vendetta”

settembre 30, 2012 in Politica

Alla convention del fu Terzo Polo, guidato da Fli e Udc dopo l’eclissi dell’Api di Rutelli, a tenere banco è stato il grande assente Luca Cordero di Montezemolo. Infatti il presidente della Ferrari ha annunciato con grande tempismo di voler restare ai box per lanciare su pista il professor Monti. Il secondo mandato del premier, quindi, ha avuto la benedizione degli industriali e del duo Fini-Casini, che evidentemente condivide altri interessi oltre alla Presidenza della Camera. Come avevamo previsto, tanto tuonarono i poteri forti che piovve il Monti-bis. L’Assemblea dei Mille dice di puntare al rinnovamento, ma rilancia centristi e tecnici al Governo sotto le mentite spoglie di una Lista civica per l’Italia. Insomma, la presunta novità della scena politica è un film già visto: “Monti due, la vendetta”. Un horror di cui l’Italia non sentiva proprio il bisogno. Continua a leggere →

Siamo con toghe, Ilva deve funzionare

agosto 21, 2012 in Comunicati Stampa

“I magistrati di Taranto sono stati ingiustamente attaccati dal Governo solo per aver fatto il proprio lavoro, ma  fino ad oggi hanno dimostrato di essere gli unici ad avere a cuore la salute degli operai tarantini nel rispetto dei posti di lavoro . Mentre a Taranto sfilavano in passerella i ministri  e le forze politiche della sgangherata maggioranza facevano a gara per incensare Il Governo e i padroni dell’Ilva,la magistratura tarantina ha retto lo scontro tenendo la schiena dritta. ” lo dichiara il Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che continua: “Le motivazioni depositate oggi dal Tribunale del Riesame, confermano la bontà dell’operato della magistratura, mentre il Governo, finora immobile, non dovrebbe più permettere che a Taranto, come nelle altre Ilva d’Italia, si debba scegliere tra lavorare o morire. Ora l’obiettivo deve essere quello di una primaria messa in sicurezza degli impianti attraverso un piano di riorganizzazione generale. L’Ilva deve funzionare, mantenendo un ruolo di primo piano nella produzione industriale internazionale, ma deve anche farlo attraverso una necessaria messa in sicurezza e un’innovazione tecnologica che non può prescindere dalla tutela ambientale. Il Ministro Clini,dopo anni di inerzia, inizi finalmente a servire il Paese se ne è capace, altrimenti si dimetta. L’Italia dei Valori continuerà a vigilare, portando questa battaglia anche in Parlamento: non possiamo più permettere discorsi fumosi, sono necessari interventi radicali e immediati, altrimenti è chiaro che non sarà possibile mantenere la produzione, a discapito della salute”, conclude Belisario.