Sull’immigrazione non ci si può nascondere dietro la “mission” economica di Monti

novembre 28, 2011 in Comunicati Stampa, Sociale

“Ricordo al senatore Gasparri, politico di lungo corso, che le leggi le fa il Parlamento. Quindi, se non si vuole rimanere inerti di fronte all’ennesima tragedia dell’immigrazione avvenuta al largo delle coste di Brindisi, si intervenga nelle aule parlamentari, senza trincerarsi dietro l’alibi della ‘mission economica’ di Monti”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “C’è un governo tecnico che ha una missione chiara: portare fuori dalla crisi il Paese nel più breve tempo possibile. Ma c’è anche un Parlamento che è titolare dell’attività legislativa e che deve risolvere anche altre emergenze incacrenitesi durante il precedente esecutivo. Una classe dirigente che si rispetti non può far finta che nel Mediterraneo non siano morti o dispersi 2.000 tra uomini, donne e bambini, da gennaio ad oggi, né puo tollerare nel suo territorio l’esistenza dei Centri di accoglienza ed espulsione temporanea, veri lager a cielo aperto, come ho avuto modo di riscontrare dopo averli visitati.  L’Italia dei Valori – conclude Belisario – condivide l’appello di monsignor Perego e della Cei: le parole chiave in una seria politica dell’immigrazione sono solidarietà ed accoglienza, a partire da coloro che sfuggono da guerra, persecuzione e disperazione”.

Sulla crisi l’opposizione è sempre stata responsabile

novembre 1, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Italia dei Valori, Politica

“L’opposizione è sempre stata responsabile. Lo è stata al punto da consentire l’approvazione in tre giorni, ad agosto, di una manovra economica urgente chiesta dall’Europa”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “dico agli esponenti del governo che attaccano oggi le opposizioni che, se un confronto fino ad ora non è stato possibile, è solo colpa dei provvedimenti ad personam su cui il governo ha posto sempre la fiducia. Come se non bastasse si minaccia un altro passaggio blindato su un pacchetto di misure economiche già presentate all’Unione europea, senza l’approfondimento parlamentare dovuto. Inutile che continuino a buttare le colpe del loro fallimento sul centrosinistra, quando il principale problema ce l’hanno in casa e si chiama mancanza di credibilità del premier e dei suoi accoliti. I cittadini glielo hanno mandato a dire in tutti i modi, oggi ci stanno pensando i mercati. Nel frattempo il Paese annaspa. Berlusconi si faccia da parte e la parola passi a Napolitano. L’IdV – conclude Belisario – pur volendo le elezioni, capisce la gravità del momento e si dichiara disponibile ad una fase di transizione, senza preconcetti, ma breve e con due obiettivi: portare l’Italia fuori da questa empasse e varare una nuova legge elettorale”.

Anche molti del Pdl vogliono sfrattare Berlusconi

ottobre 27, 2011 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Politica

“Finalmente anche nel Pdl qualcuno ragiona: Berlusconi deve fare un passo indietro altrimenti l’Italia andrà a fondo”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, secondo cui “evidentemente c’è qualche mente illuminata all’interno del centrodestra che si rende conto che con questo governo e con questo premier non si va da nessuna parte. Il documento presentato all’Unione Europea è il solito elenco delle promesse finora non mantenute, oltre ad essere provocatorio nei confronti dei più deboli. Per noi dell’Italia dei Valori la strada maestra è quella delle elezioni. Ma, data la situazione critica, siamo disposti ad un governo che duri il tempo necessario per cambiare la legge elettorale e varare una manovra economica seria e, soprattutto, equa. Il tempo per Berlusconi è scaduto ed il rischio è quello di innescare uno scontro nella società che da più parti viene temuto. Non è pensabile – conclude Belisario –  che, pur prevedendo il peggio, si perseveri verso il dirupo per i meri interessi personali del premier e degli amici suoi”.

Berlusconi di quale tranquillità parla? Forse la sua

ottobre 18, 2011 in Comunicati Stampa

“Se si trattasse di un uomo qualsiasi penserei: poverino, non si rende conto di quello che dice. Ma si tratta del presidente del Consiglio a cui è affidato il destino di un intero Paese”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “Berlusconi non si può permettere di dire che la situazione è tranquilla, che è tutto sotto controllo per poi aggiungere che per il decreto sviluppo non ci sono i soldi. Di quale tranquillità parla? Della sua dopo essersi comprato l’ennesima fiducia. Questa è pazzia! C’è un’Italia indignata, che aspetta risposte, che non ha stipendio, pensione, lavoro, a cui è stato negato il diritto al futuro. Il governo non può ancora una volta concedersi il lusso di non presentare una politica economica seria, non può continuare nel balletto del totonomine per la carica di governatore della Banca d’Italia. Berlusconi – conclude Belisario – continua ad insultare gli italiani e non capisce che ogni giorno che passa da premier di un Paese che non merita, è un regalo che ha buttato al macero”.

Governo. Belisario: Elezioni subito o governo tecnico solo per legge elettorale

ottobre 10, 2011 in Comunicati Stampa

“L’Italia dei Valori ha le idee chiare: l’unica strada per uscire dalla crisi politica, economica, sociale ed etica in cui si trova il Paese è quella di andare subito al voto”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “i giochetti di Palazzo che vediamo ovunque, a destra come a sinistra, e che servono solo ad occupare piccoli orticelli della politica interna, non ci interessano. La nostra ragione sociale è raccogliere e portare all’attenzione della politica le richieste che provengono dalla società civile, come la battaglia per la riduzione dei costi della politica e una feroce lotta all’evasione fiscale e alla corruzione. In questo momento è importante dare all’Italia un segnale chiaro e forte di interesse per i cittadini e per i loro problemi. I passaggi sono semplici: mandare a casa il caimano arroccato nel suo bunker ed indire elezioni subito. Se mai ci fosse modo e bisogno di ricorre ad un governo tecnico, l’Italia dei Valori – conclude Belisario – non si tira indietro e non pone paletti a chiunque voglia aderire. Ad una sola condizione: che duri un fiat, il tempo di riformare la legge elettorale, per ridare agli italiani la possibilità di scegliere chi siede in Parlamento. Non vogliamo trovarci di nuovo con un governo di nominati, inquisiti e truffatori”.

LA BANDA DEGLI ONESTI USA LA MANOVRA COME CAVALLO DI TROIA PER L’ENNESIMA NORMA AD PERSONAM

luglio 4, 2011 in Economia, Giustizia, Politica

E’ proprio vero che certi vizi sono duri a morire. Così c’è chi non riesce a smettere di fumare e chi, come Berlusconi, proprio non resiste alla tentazione di infilare sempre qua e là una leggina che lo tiri fuori dai guai. Il passato insegna, il presente pure, e allora dopo i vari lodi Schifani e Alfano, dopo il legittimo impedimento, dopo il processo breve, insomma dopo le tante leggi salva-Cavaliere già partorite dalle ‘illustri’ menti del centrodestra, ecco spuntare nella manovra economica un’altra norma tagliata su misura del Presidente del Consiglio e delle sue aziende. Continua a leggere →