Lo strano caso del Professor Monti e di Mister Mario

gennaio 2, 2013 in Comunicati Stampa

“Ormai siamo allo strano caso del professor Monti e di Mister Mario: il cosiddetto tecnico che doveva essere super partes ha ben presto sdoppiato la sua personalità, da principe dell’economia sulle spalle dei più poveri, a politicante che fa della demagogia e del doppiogiochismo la sua vera agenda”. Così il Capogruppo dell’Italia dei valori in Senato, Felice Belisario, commenta le dichiarazioni del Presidente del Consiglio a Radio Anch’io. “Lanciato a testa bassa in campagna elettorale, il Professore – aggiunge – se possibile sembra la brutta copia del Cavaliere. Dopo un anno di disastri al Governo in cui ha solo tutelato i poteri forti, Monti annuncia la riduzione delle tasse, l’obiettivo della crescita e la necessità di varare riforme per l’equità. Finora dov’era, su Marte? La luce che vede in fondo al tunnel, mentre il Paese versa lacrime e sangue a causa sua, è quella della poltrona dorata a cui aspira. Non contento del posto da senatore a vita, infatti, punta più ancora in alto: magari non al Quirinale, come la volpe con l’uva acerba, ma certamente in una posizione di potere da cui continuare a fare gli interessi dei gruppi economici e finanziari. Il rappresentante delle élite e delle lobby, da sempre un privilegiato, se la prende con la casta e afferma che destra e sinistra sono concetti superati solo per promuovere la strategia dell’inciucio, quella che lo ha portato a governare con Berlusconi, Casini e Bersani. Ma ora lo scenario è mutato, per la prima volta nella sua vita – conclude Belisario – Monti dovrà fare i conti con gli elettori e il popolo sovrano: per lui non sarà certo una passeggiata”.

Botti di Capodanno

gennaio 1, 2013 in Elezioni, Politica

Naturalmente, le massime istituzioni hanno formulato gli auspici per il nuovo anno e fatto il bilancio delle scelte compiute in quello trascorso. Giusto, però la retorica e la demagogia sono davvero insopportabili. Il Governo ha diramato un bollettino tipo Cinegiornale, “Analisi di un anno”, che ha magnificato i risultati ottenuti e gli obiettivi attesi dal Governo medesimo: meno tasse, più opportunità per i giovani, economia a gonfie vele, meno sprechi, più lavoro! Siamo ai botti di Capodanno… Continua a leggere →

Auguri di cuore per l’anno che verrà

dicembre 31, 2012 in Elezioni, Politica

“L’anno vecchio è finito ormai, ma qualcosa ancora qui non va”… Dopo il Governo tecnico il Paese è ancora più in difficoltà. Monti ne approfitta per la scalata alla politica. Il centrosinistra ha smarrito la rotta. Berlusconi torna alla carica. Nel 2012 sono aumentati i disoccupati e i precari, il Pil è crollato e le famiglie si sono impoverite, dilagano corruzione ed evasione fiscale mentre le lobby finanziarie si sono rafforzate. Quello trascorso è un anno che dobbiamo lasciarci alle spalle, nel 2013 c’è bisogno di equità e sviluppo. C’è bisogno di una politica alternativa, che non sia espressione di tecnicismi, compromessi al ribasso o slogan elettorali. C’è bisogno di ripartire dai programmi, dalla credibilità di chi sceglie di impegnarsi e dalle proposte per cambiare in meglio il Paese. C’è bisogno di ricostruire il mondo del lavoro premiando il merito e l’efficienza, di far ripartire l’economia facendo della legalità il motore dello sviluppo, di valorizzare i beni pubblici come la scuola e la sanità all’insegna della trasparenza. C’è bisogno di una svolta etica e culturale, per far ripartire il Paese c’è bisogno di una Rivoluzione Civile. Auguri, di cuore, a tutti!

Monti ascolti appello Bertone

novembre 3, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Lavoro, Politica

“Temo che l’appello del cardinale Bertone per il diritto al lavoro rimarrà inascoltato. Non c’è peggior sordo, infatti, di chi non vuole sentire e il governo Monti-Fornero, pieno zeppo di sedicenti cattolici, ha dimostrato che nel calpestare la tutela dei lavoratori non sente ragioni”. Ad affermarlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “il segretario di Stato, Bertone, con le sue parole di oggi dimostra che il diritto al lavoro non solo è una strategia economica e di crescita, ma soprattutto è la base di una società dove ognuno di noi afferma la sua dignità e cresce nel rispetto sociale. Si tratta di un diritto inalienabile e sacro, che non è né di destra, né di sinistra, ma dei cittadini. Purtroppo il governo Monti si è dimostrato freddo, arrogante e strafottente. Ha guardato solo ai numeri del rigore, perdendo di vista ogni senso di umanità e rispetto del Paese reale. Speriamo – conclude – di cambiare presto pagina e di affidare il governo a una coalizione che basi la sua politica economica sul rispetto del lavoro, crescita, equità e solidarietà”.

Anche i dati di Bankitalia dimostrano che serve un governo politico di centrosinistra

ottobre 16, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

 

 

“Ancora un’altra fotografia sulla pessima politica economica del governo Monti. Oggi la scatta Bankitalia che lega la debolezza dei consumi, la bassa fiducia delle famiglie e delle imprese proprio alle manovre di bilancio sul reddito disponibile. Tradotto: se le famiglie e le imprese vengono tassate continuamente, come si può pensare che poi spendano e risollevino i consumi facendo ripartire la crescita?”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “lo capisce anche un bambino, ma il governo dei professori no. O meglio, lo capisce ma si gira dall’altra parte perché non sono quelli del Paese gli interessi che vuole tutelare e rappresentare. Non è un caso che, sempre per Bankitalia, le prospettive del mercato del lavoro restano incerte e i più colpiti sono i giovani e le donne. Coloro a cui il governo con le sue manovre sta togliendo un futuro, rintanato come è nella sua roccaforte corporativistica. Allora, di fronte a questo scenario, amici del centrosinistra, come non provare un sussulto di orgoglio, una voglia di riscatto, di riprendere in mano la guida del governo e spezzare la continuità con il montismo che sta rovinando il Paese reale? Non basta la ‘credibilità recuperata a livello internazionale’, perché nella pratica il Governo sta lasciando le famiglie in mutande. Ora è il momento di un governo politico di centrosinistra, fondata su equità, solidarietà, legalità e crescita”, conclude.

 

Dalla crisi si può uscire solo con distribuzione equa sacrifici

luglio 19, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Lavoro, Politica

”Nessuna politica di rilancio del paese sarà credibile se il governo Monti, con arroganza,  continuerà ad ignorare il grido di aiuto da parte delle fasce più deboli.  Con le politiche di rigore, senza equità, messe in atto fino ad oggi dal governo Monti, la forbice delle disuguaglianze sociali non potrà che aumentare a dismisura”.  Lo ha dichiarato Felice Belisario, commentando le parole del Presidente della Repubblica, che ha aggiunto: “Non bastano i salti mortali linguistici, come chiamare ‘spending review’ l’ennesima manovra lacrime e sangue, dove ci sono solo tagli lineari: gli italiani non sono così ingenui, come alcuni credono. E’ giunta l’ora che i sacrifici, di cui parla il presidente Napolitano, siano davvero equamente distribuiti, perché  non è possibile che i vessati siano sempre gli stessi, ovvero pensionati e lavoratori, donne e  giovani, precari e disoccupati, mentre c’e’ ancora chi non ha ancora mai pagato l’alto prezzo della crisi”.

Sullo sviluppo gli annunci non bastano, al Paese serve una sterzata

giugno 16, 2012 in Comunicati Stampa

“Ad un Paese in ginocchio non bastano gli annunci, il Governo è già in ritardo per passare ai fatti e correggere la sua azione iniqua e recessiva. Da tempo chiediamo un vero cambio di rotta, che consenta di abbandonare la linea del rigore e puntare sullo sviluppo. Il decreto presentato in pompa magna da Monti e Passera è fatto solo di titoli, tutti da approfondire, e non è neppure chiaro dove saranno reperite le risorse necessarie. Insomma, al Paese serve una sterzata e non del fumo negli occhi. Attendiamo che il provvedimento venga depositato alle Camere per valutarlo nel merito, con spirito libero, nell’esclusivo interesse degli italiani”. Lo dichiara il Capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario.

Sul fisco da Monti sempre e solo propaganda

maggio 17, 2012 in Comunicati Stampa

 “Lavorare per un fisco più equo e meno persecutorio è un impegno che il governo doveva prendere fin dall’inizio, annunciarlo ora sembra più un’operazione di propaganda. Ci aspettiamo che Monti dalle parole passi finalmente ai fatti, con una riforma fiscale volta a spostare il peso delle tasse dai lavoratori alle grandi ricchezze”. Lo dichiara Felice Belisario, Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori, che aggiunge: “Fino ad ora non è stato fatto niente per sostenere i redditi da lavoro dipendente e da pensione e contro l’evasione manca ancora quel pugno di ferro necessario a recuperare i 120 miliardi di euro sottratti ogni anno al Fisco. Le fasce più deboli subiscono una tassazione elevatissima, alla quale si aggiungono metodi di riscossione spesso vessatori che hanno provocato una forte tensione  nei confronti di Equitalia. Monti deve capire una volta per tutte che la giustizia fiscale non è un’elemosina che si fa ai cittadini, ma è necessaria – conclude Belisario – per riprendere la crescita economica del Paese, fermo al palo da troppo tempo”.