Vendola apre a Monti, Fini e Casini: peggio dell’Unione

gennaio 11, 2013 in Elezioni, Politica

“Se vorrà, Mario Monti potrà appoggiare un eventuale governo a guida Bersani qualora il centrosinistra non dovesse ottenere una piena maggioranza al Senato”. Sapete chi ha pronunciato queste parole? Nichi Vendola. Io voglio sperare che siano state riportate male perché significherebbe che nella stessa maggioranza il leader di Sel sarebbe alleato con il presidente del consiglio che ha così duramente criticato nel corso del suo mandato. Continua a leggere →

A casa chi si serve del Paese anziché servirlo

ottobre 1, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Siamo arrivati ad una situazione surreale: c’è chi vorrebbe proseguire sulla strada del commissariamento del Paese, con una lista ad hoc, per mettersi in tasca una sorta di ‘card’ di privilegi a vita. Del passaggio elettorale, del diritto democratico dei cittadini di scegliere da chi essere governati, Fini-Casini-Montezemolo-i montiani del PD- Monti se ne infischiano”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “con quale coraggio, poi, molti partiti affermano che Monti è l’uomo della salvezza nazionale quando basta guardare la miseria in cui è caduta la maggioranza degli italiani a causa delle sue politiche economiche. Del resto a sostenerlo sono o i ‘doppiopetto’ di turno, a cui Monti ha elargito favori sin dal giorno del suo insediamento, o coloro che, dopo l’addio a Berlusconi, fingevano inutilmente di rifarsi una facciata da bravi politici, quando in realtà tramavano solo in attesa di questo momento. A questo incubo c’è un rimedio: un governo politico di centrosinistra, scelto dai cittadini che butti all’aria il tavolo degli inciuci e si occupi davvero degli italiani. L’IdV vuol lavorare con chi ci sta,a partire dai movimenti civici,  a questo progetto. E’ bene che, dopo che le carte sono state svelate, anche il PD si unisca a noi e faccia chiarezza tra chi al suo interno vede in Monti l’unica alternativa e chi sostiene, al contrario, che serve un programma progressista. Mandiamo a casa – conclude Belisario – una volta per tutte chi si serve del Paese anziché servirlo”.

Il film già visto di Montezemolo, Fini e Casini: “Monti due, la vendetta”

settembre 30, 2012 in Politica

Alla convention del fu Terzo Polo, guidato da Fli e Udc dopo l’eclissi dell’Api di Rutelli, a tenere banco è stato il grande assente Luca Cordero di Montezemolo. Infatti il presidente della Ferrari ha annunciato con grande tempismo di voler restare ai box per lanciare su pista il professor Monti. Il secondo mandato del premier, quindi, ha avuto la benedizione degli industriali e del duo Fini-Casini, che evidentemente condivide altri interessi oltre alla Presidenza della Camera. Come avevamo previsto, tanto tuonarono i poteri forti che piovve il Monti-bis. L’Assemblea dei Mille dice di puntare al rinnovamento, ma rilancia centristi e tecnici al Governo sotto le mentite spoglie di una Lista civica per l’Italia. Insomma, la presunta novità della scena politica è un film già visto: “Monti due, la vendetta”. Un horror di cui l’Italia non sentiva proprio il bisogno. Continua a leggere →

Il cerchiobottismo del centro è solo un mero esercizio di potere

settembre 14, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

 

 

“Il cerchiobottismo è solo un mero esercizio di potere che non fa bene all’Italia ma solo a pochi privilegiati”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “oggi sento tanti proclama a favore di un centro a cui affidare le sorti del Paese, un centro moderato. Mi chiedo cosa ci sia dietro le parole ‘centro’ e ‘moderato’. Direi una bella fregatura per gli italiani. La via di mezzo, infatti, è solo un tentativo mascherato di portare il Paese a destra, a vantaggio dei soliti noti e delle lobbies più violente. Insomma, uno schieramento contro gli interessi e i diritti della stragrande maggioranza dell’Italia, che ha sofferto già abbondantemente le scelte ad personam e ad castam del berlusconismo, di cui Fini e Casini, che oggi si scandalizzano tanto, sono stati protagonisti. Per cambiare pagina in modo serio e trasparente ed uscire dal pantano etico-politico, sociale ed economico in cui ci troviamo, bisogna smetterla di essere un giorno fan di dio e uno di mammona per essere solo con se stessi. Chi sostiene ancora la validità di questa ‘storiella’ – conclude Belisario – prenderà un sonoro schiaffone dagli italiani, stanchi e nauseati dalla malapolitica”.

 

Basta conventicole, sulla legge elettorale i partiti escano allo scoperto

settembre 14, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

 

“L’Italia dei Valori ha sempre sostenuto la necessità di cambiare la legge elettorale. Ben venga, quindi, se il presidente della Camera, così come quello del Senato, spingono per un confronto immediato in Aula. Vorrei ricordare loro, però, che se fino ad oggi non si è arrivati ad un risultato è perché i partiti della maggioranza che sostengono Monti hanno pensato solo ai loro interessi elettorali. E comunque, tanto Schifani quanto Fini, hanno approvato il Porcellum”. Lo dichiara il presidente dei senatori IdV, Felice Belisario, che continua: “l’Italia dei Valori, insieme al comitato referendario, ha raccolto più di un milione di firme per abrogare il Porcellum e tornare al Mattarellum, legge di pronta applicazione. Abbiamo riproposto il quesito referendario in Parlamento, tramite un disegno di legge che, però, è rimasto a dormire nei cassetti. Questo perché ABC si sono persi tra conventicole, messaggi incrociati e riunioni segrete per cucirsi addosso una legge che mettesse al sicuro la loro fetta di potere. Ma siamo ancora in pieno stallo. Adesso basta, la politica deve darsi una mossa, non c’è altro tempo da perdere. Se in commissione Affari Costituzionali non si raggiungerà alcun accordo è necessario andare direttamente in Aula, con un testo definito o anche con più relatori di maggioranza e minoranza. Abbiamo il dovere di fare una nuova legge elettorale – conclude Belisario – che restituisca ai cittadini il diritto di conoscere, prima e non dopo il voto: candidati, coalizioni, programma e leader”.

 

La casta vuole solo mantenere le poltrone

agosto 29, 2012 in Comunicati Stampa

“Quando i partiti di una maggioranza bislacca si mettono insieme per trovare la quadra sulla legge elettorale, è evidente che c’è  puzza di imbroglio, noi l’abbiamo denunciato fin da subito. Le regole del gioco vanno scritte cercando la più ampia convergenza possibile. Invece Pd e Pdl vogliono truccare la partita, resta da vedere se conservando il Porcellum o approvando una riforma anche peggiore”. Lo ha dichiarato il Presidente dei Senatori dell’Idv Felice Belisario, intervenendo in diretta alla trasmissione Baobab di Radio1.
“Di sicuro emerge la volontà – ha continuato Belisario – di raggirare gli elettori, costruendo alleanze a tavolino dopo il voto. A questo punto viene da chiedersi se conosceremo davvero il leader della coalizione prima delle elezioni, oppure, come dice Fini, saremo vittime di un gioco di Palazzo di cui il Presidente della Repubblica sarà il cancelliere-notaio. Insomma, all’orizzonte si profila un grande imbroglio. Ecco perché l’IdV ha raccolto 1 milione e 200 mila firme, insieme al Comitato promotore, chiedendo il ritorno al Mattarellum. Abbiamo anche presentato un disegno di legge che ricalca lo spirito referendario e propone un sistema chiaro e già collaudato. Se Pd e Pdl non lo hanno neanche preso in considerazione è perché evidentemente vogliono una riedizione della coalizione. Insomma la casta vuole una riforma per salvare le poltrone di chi oggi è in Parlamento e per continuare a fare eleggere i nominati. Noi invece vogliamo restituire centralità ai cittadini e dare governabilità al Paese con un sistema bipolare e maggioritario che eviti trasformismi e cambi di casacca e sancisca l’incandidabilità dei condannati per reati gravissimi. Ecco perché – ha concluso Belisario – i due partiti dell’inciucio vogliono farci fuori, ma gli elettori sapranno punire gli autori di una legge truffa. Quanto al presidente del Senato che rassicura tutti per gli importanti passi avanti,vorrei ricordargli che è stato attore protagonista per l’approvazione del porcellum,eviti di esserlo anche per il super-porcellum perché errare e umano, ma perseverare sarebbe davvero diabolico”.

Il Pd si stupisce dei giochetti PdL-Lega sulla legge elettorale?

luglio 30, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Mi stupisco che il Pd si meravigli di fronte al giochetto delle tre carte che stanno facendo Pdl e Lega sulla legge elettorale”. A dichiararlo, intervenendo a Tgcom24, il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “già in passato, con la complicità dell’Udc e di Fini, approvarono in zona Cesarini una legge elettorale porcata, la stessa che oggi dicono di voler abrogare, solo in base a meri calcoli di poltrone. Altro che voler ridare voce ai cittadini! L’Italia dei Valori vuole il voto subito, con una nuova legge elettorale che ridia dignità alla politica di fronte ai cittadini che devono conoscere prima delle elezioni, e non dopo, coalizioni, programmi e leadership. Le elezioni sono una necessità sempre più impellente perché, è sotto gli occhi di tutti, Monti non fa bene al Paese. Lo spread piuttosto che i titoli del debito pubblico salgono e scendono in base a quello che fa la Banca Centrale europea. Quello che mette in campo il professore è assolutamente ininfluente. Le sue manovre recessive – conclude Belisario – non portano nulla di buono agli italiani, anzi tolgono loro qualcosa”.

La grande coalizione è solo un imbroglio

luglio 8, 2012 in Italia dei Valori, Politica

Oggi dalle pagine del Messaggero, il presidente della Camera, nonché leader di Fli, propone per il 2013 una grande coalizione all’insegna dell’esperienza del governo Monti. Capisco che l’ipotesi sia allettante per chi, alle ultime elezioni e nei sondaggi più recenti, non ha raccolto grandi consensi. La soluzione, insomma, per continuare a sopravvivere per un’altra legislatura nell’attesa di capire cosa fare da grande. Continua a leggere →