La manovra è di retromarcia, frequenze sono regalo di Natale a Berlusconi

dicembre 15, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Italia dei Valori, Politica

“Il Paese ha indubbiamente le basi per crescere, ma perché ciò avvenga occorrono interventi strutturali condivisi dal parlamento. Questa è una manovra di retromarcia: tanto rigorosa, quanto poco equa e senza misure per la crescita. Così l’Italia è destinata alla recessione”. Lo dice il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, commentando le dichiarazioni  del ministro dello sviluppo economico e delle infrastrutture, Corrado Passera.

“La mancata asta per la vendita delle frequenze televisive è il peccato originale di un governo tecnico che si fa burattino nelle mani dell’ex presidente del consiglio, al quale regalerà un Natale coi fiocchi. Se a questo si aggiunge oggi anche l’allarme di Confindustria sull’aumento esponenziale della disoccupazione e della pressione fiscale significa che la manovra così com’è non va bene.  Proseguire nella logica di togliere a chi ha già così poco, porterà solo ad una diminuzione del potere d’acquisto delle famiglie, con buona pace per lo sviluppo del Paese. Senza discontinuità non si esce dalla crisi  e – conclude Belisario – chi continua ad accettare veti e ricatti nella logica della cosiddetta ‘responsabilità’,  farà solo del male al Paese”.

Manovra invotabile 2 / Revocare l’indecente regalo delle frequenze tv

dicembre 7, 2011 in Economia, Informazione, Politica

Nella assai impopolare manovra  del governo ci sono tante cose sbagliate e molte omissioni, come quella di non prevedere la vendita all’asta delle frequenze tv. Parlo delle sei nuove frequenze digitali di proprietà dello Stato, quindi di noi tutti, che il governo Berlusconi decise di assegnare gratuitamente per regalarle, di fatto, ai soliti noti – Mediaset in testa ma anche Rai e Telecom – attraverso quello che è stato definito ‘beauty contest’.

Continua a leggere →