DALLA TRAGEDIA DI BARLETTA UN MONITO CHE NON PUO’ RESTARE INASCOLTATO

ottobre 7, 2011 in Lavoro, Politica, Sicurezza, Sociale

La tragedia di Barletta riguarda tutti, istituzioni pubbliche e soggetti privati. C’è un sinistro intreccio di responsabilità tra chi, da un lato, non ha vigilato come avrebbe dovuto e chi, dall’altro, non ha rispettato le norme edilizie e di sicurezza sui luoghi di lavoro. Tra i nove indagati ci sono dirigenti e tecnici comunali, architetti, agenti di polizia municipale e lo stesso titolare dell’azienda in nero, peraltro padre della più giovane delle cinque vittime. Mi auguro che le autorità portino avanti indagini rigorose, ma va anzitutto denunciata la gravità del contesto nel quale la sciagura è avvenuta. Quando si perde la vita confezionando maglioni nello stesso stabile dove altre persone risiedono, è evidente che c’è un intero sistema legislativo che non funziona. Continua a leggere →

Stabilire subito la verità sul crollo di Barletta anche per evitare che simili tragedie possano ripetersi

ottobre 4, 2011 in Comunicati Stampa, Lavoro, Politica, Sociale

“Sul crollo di Barletta è necessario stabilire subito la verità e accertare le responsabilità, come chiede anche il Presidente Napolitano, per poi agire di conseguenza in modo da evitare che possano ripetersi tragedie simili”. Lo afferma il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che prosegue: “Al dolore per le cinque giovani donne che hanno perso la vita e al cordoglio per le famiglie si aggiunge la rabbia per una tragedia prevedibile, annunciata, che ripropone ancora una volta la centralità del problema della sicurezza nell’edilizia abitativa e sul lavoro. Sono tante le domande che esigono una risposta – conclude Belisario -, ma, in attesa che la magistratura faccia chiarezza sull’accaduto, è necessario che la politica si attivi subito, sia a livello locale che nazionale, perché troppi sono in Italia gli edifici a rischio crollo che bisogna mettere in sicurezza al più presto”.

L’appello di Napolitano sia raccolto anche da governo e maggioranza

settembre 3, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“L’Italia dei Valori ha già dimostrato in passato di avere il senso di responsabilità chiesto anche oggi dal presidente Napolitano, di cui condividiamo in pieno l’appello  alla ‘chiarezza e certezza d’intenti’ per far uscire il Paese dalla profonda crisi in cui si trova. Chi è irresponsabile, invece, è questo governo che insiste con una manovra pasticciata, iniqua e largamente insufficiente, come dimostra l’unanime bocciatura arrivata dall’Europa, dai sindacati, dalla Confindustria, e come emerso dai giudizi di Banca d’Italia e Corte dei Conti”. Lo afferma il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario. “Il provvedimento – aggiunge – così com’è adesso resta un’altra occasione mancata: non ci sono tagli a spese inutili, come quelle militari, e ai costi della politica, a cominciare dalla soppressione dei vitalizi ai parlamentari e dall’abolizione  delle Province. Mancano serie misure per la crescita e per l’incremento delle entrate, come le liberalizzazioni e la privatizzazione del patrimonio pubblico non archeologico, storico e artistico. Manca, al di là degli annunci, una indispensabile lotta senza quartiere all’evasione fiscale e alla corruzione. L’Italia dei Valori – conclude Belisario – ha presentato le sue proposte per una manovra equa ed efficace, governo e maggioranza abbiano il senso di responsabilità di ascoltarle e discuterle”.

SULLA MANOVRA IL GOVERNO FA ORECCHIE DA MERCANTE, LE OPPOSIZIONI REAGISCANO UNITE

agosto 23, 2011 in Economia, Politica

L’esame della manovra correttiva comincia male, purtroppo, perché il Governo si conferma insensibile ai richiami del Presidente Napolitano e continua a negare la necessità di interventi rigorosi e lungimiranti come impone la crisi. Il Presidente Schifani dice che bisogna valutare i contenuti e non la provenienza delle proposte: si fa presto a dirlo, l’IdV non è certo un partito ancorato a pregiudizi ideologici ma questa manovra è oggettivamente un monumento all’ingiustizia sociale. Per giunta, mentre il Capo dello Stato ha lanciato un monito sulla necessità di risposte urgenti alle difficoltà dell’economia, la scadenza per la presentazione degli emendamenti slitta a lunedì a causa della selva di contraddizioni interne alla maggioranza. Insomma, nessuna delle nostre richiesta viene accolta. Continua a leggere →

Basta scherzare sui Ministeri, il governe deve pensare a cose molto più serie

luglio 11, 2011 in Comunicati Stampa, Politica

“Mentre il Capo dello Stato invita alla coesione nazionale, mentre tutti cercano di mettere da parte i contrasti al fine di varare una manovra all’insegna della responsabilità, la Lega pensa a spostare i ministeri al Nord. Non vogliono occuparsi dei problemi del Paese, sono completamente al di fuori della realtà”. Lo dichiara il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: ” Spostare i ministeri è il prezzo che deve pagare Berlusconi affinché la Lega digerisca un nuovo provvedimento Salva-Fininvest che, così come ha annunciato il ministro Gelmini, il Pdl si appresterebbe a presentare senza ritegno proprio in Senato. Anziché occuparsi di norme ‘ad criccam’, come spostare i ministeri e garantire l’immunità al premier – conclude Belisario -, pensassero ad accogliere la nostra proposta volta ad abolire le Province e a ridurre i privilegi della casta”.

Il federalismo è incompleto e pericoloso, una fregatura voluta della Lega

maggio 12, 2011 in Comunicati Stampa, Politica

“L’Italia dei Valori aveva visto giusto sul federalismo, ritenendo che potesse essere una importante novità per l’architettura istituzionale del Paese. La maggioranza, però, ha giocato sporco, varando sotto il ricatto della Lega il federalismo fiscale, un provvedimento non solo pericolosamente monco, come ha sottolineato anche il presidente Napolitano, ma anche e soprattutto gravemente iniquo”. Lo afferma il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “Le parole del Capo dello Stato rappresentano un allarme importante: occorre tenere alta la guardia per evitare che il federalismo si trasformi da una grande opportunità per tutti a una fregatura di alcuni ai danni di altri. Noi continueremo quindi a dire sì a un federalismo solidale e che responsabilizzi gli amministratori locali, no al federalismo targato Lega, che fa crescere il divario tra Nord e Sud, che divide, che fa aumentare le tasse e che non porta sviluppo economico e sociale. Quanto alla necessità di creare una Camera delle autonomie territoriali, noi siamo sempre stati aperti al confronto per andare oltre l’attuale bicameralismo perfetto. Anche su questo però – conclude Belisario – saremo intransigenti per evitare ogni altro eventuale imbroglio”.

PRIMO MAGGIO, PERCHE’ NON SIA UNA FESTA PER POCHI

maggio 1, 2011 in Lavoro, Politica

Primo maggio, festa dei lavoratori. In Italia sta diventando sempre più una festa per pochi, visto che i ‘fortunati’ che un lavoro ce l’hanno sono sempre di meno. Eppure il diritto al lavoro è fissato nei principi fondamentali della nostra Costituzione, come ha ricordato anche il Capo dello Stato. Scrissero i padri costituenti che ‘l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”, e lo scrissero nell’articolo 1 della Carta, perché ne fosse un pilastro. Così doveva essere, così dovrebbe essere, così purtroppo oggi non è. Continua a leggere →

L’ennesimo attacco ai magistrati conferma la totale irresponsabilità di Berlusconi

aprile 1, 2011 in Comunicati Stampa, Politica

“E’ sempre più difficile non rispondere alle volgari provocazioni del presidente del Consiglio, che tra sceneggiate, squallide battute da cabaret e ripetuti attacchi alle istituzioni continua ad alimentare un clima di forte scontro. Il tutto con l’appoggio di una comunicazione aggressiva e sfacciatamente di parte, non solo quella dei suoi enormi mezzi di informazione ma anche, e spesso soprattutto, quella del servizio pubblico”. Lo afferma il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “L’ultimo affondo contro i magistrati dimostra quanto poco Berlusconi tenga conto anche delle preoccupazioni del presidente Napolitano e conferma la deriva pericolosa a cui egli sta condannando il Paese, con l’arroganza, la totale irresponsabilità e l’assoluta mancanza di senso dello Stato che gli sono proprie. La verità è che l’ossessione giudiziaria e gli interessi personali di un uomo solo tengono in ostaggio l’Italia da 17 anni, avvelenando ed esasperando il confronto politico, lasciando i gravi problemi degli italiani in secondo piano. Berlusconi ha messo se stesso davanti a tutto – conclude Belisario – e per farla franca ad ogni costo non sta esitando a mandare a fondo tutto il Paese”.