A Taranto a sostegno dei magistrati e contro il ricatto tra lavoro e salute

agosto 16, 2012 in Ambiente, Lavoro, Politica

Domani mattina sarò a Taranto, scenderò in piazza per dire no pacificamente all’alternativa tra lavoro e salute, per sostenere la magistratura messa sotto indegno assedio, da destra e da sinistra, solo per aver fatto il proprio dovere istituzionale. Sarò a Taranto nel giorno in cui arriveranno i ministri Passera e Clini (mentre si sono perse le tracce della Severino), esponenti di un governo che nella partita sull’Ilva è entrato in campo per andare all’attacco della magistratura, per fermare chi difende la legge e non chi l’ha violata per anni. Continua a leggere →

Le tante Ilva d’Italia e l’indegno processo alla magistratura

agosto 12, 2012 in Ambiente, Basilicata, Economia, Lavoro, Politica

A Taranto c’è l’Ilva, ed è il caso più eclatante, quello sulle prime pagine di tutti i giornali. Ma in Italia ci sono tante altre Ilva, con un altro nome e sicuramente meno conosciute, altrettanto inquinanti ed egualmente pericolose per chi  lavora dentro, per chi vive accanto, per l’ambiente circostante. Il comune denominatore è sempre lo stesso: in cambio del lavoro si pretende di poter derogare sulla sicurezza, sul rispetto degli standard ambientali. Continua a leggere →

L’Ilva deve rispettare la legge, irresponsabili gli attacchi alla magistratura

agosto 12, 2012 in Ambiente, Comunicati Stampa, Economia, Lavoro, Politica

‘La magistratura di Taranto sta solo facendo il proprio dovere, chiedendo il rispetto della legge all’interno dell’Ilva. Quel che e’ certo e’ che il diritto al lavoro non puo’ essere usato, come purtroppo sta accadendo, a scapito di un altro diritto scritto nella Costituzione, quello alla salute’. Lo afferma il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: ‘Additare il Gip come un nemico della fabbrica e dei lavoratori non solo e’ sbagliato e scorretto, ma e’ assolutamente irresponsabile. All’Ilva e a Taranto c’e’ una certificata gravissima emergenza ambientale, che impone l’immediata messa a norma degli impianti inquinanti. Stupisce semmai che, se non fosse intervenuta la magistratura, nell’immobilismo del governo tutto sarebbe rimasto avvolto nel silenzio. Va affermato il principio che chi inquina paga, percio’ la proprieta’ la smetta di fare la vittima e investa nella tutela ambientale parte degli enormi utili realizzati in questi anni. L’industria italiana deve fare un salto di qualita’, deve finalmente entrare nel terzo millennio accettando la sfida dell’innovazione e della sicurezza. Solo cosi’ – conclude Belisario - sara’ possibile salvaguardare insieme i posti di lavoro e la salute di lavoratori e cittadini’.

Fiducia. Berlusconi esulta mentre gip inchioda Romano

ottobre 14, 2011 in Comunicati Stampa

“Chi si accontenta gode, peccato che il Paese pianga”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “oggi lo schiaffone l’ha preso l’Italia che resta nelle mani di un governo di incapaci e inaffidabili interessati solo a salvare le poltrone. Non può sfuggire che nello stesso momento in cui Berlusconi si salvava per il rotto della cuffia, il gip confermava che il ministro Romano è coinvolto in un comitato d’affari di interessi mafiosi. Questa è la gente che guida il nostro Paese. Non basta qualche numero, ottenuto con un mercato infinito, per risollevare una maggioranza che ha perso ogni dignità. La resa dei conti arriverà presto – conclude Belisario – perché Berlusconi può anche comprarsi i suoi servi, ma non riuscirà a fermare la battaglia delle opposizioni e la protesta dei cittadini indignati”.

IL GOVERNO DEGLI ONESTI. ORA CI RIPROVANO CON ROMANO

settembre 24, 2011 in Giustizia, Italia dei Valori, Politica

Penso che d’ora in poi la Lega avrà serie difficoltà a mantenere il piede in due scarpe. Ad essere, durante la settimana, Lega di governo per poi tramutarsi, nel weekend, in Lega di lotta, trasferita in Padania. E sì, perché ad un Carroccio disposto a tutto, anche a vendere l’anima al diavolo pur di mantenere la poltrona, non si può perdonare ogni cosa. Il popolo padano non dimenticherà le dichiarazioni di oggi del ministro Maroni a cui seguirà, è chiaro, la salvezza del ministro Romano per il quale mercoledì è previsto in Aula il voto di sfiducia.
Continua a leggere →