Anche ‘Io ci sto’

dicembre 17, 2012 in Politica

Anche ‘Io ci sto’. Sto con chiunque ritenga necessario rimettere subito al centro della politica italiana i temi del lavoro, della legalità, della giustizia sociale. Sto con chi crede in un centrosinistra alternativo al personalismo di Berlusconi e al ragionierismo di Monti, un nuovo centrosinistra che guarda avanti e non si volta indietro. Sto con chiunque si riconosce nella nostra Costituzione e si batte per la verità. Sto salla parte dei più deboli, contro i poteri forti. Sto con tutti quegli italiani che hanno voglia di mettersi in gioco, di essere protagonisti, affiancando la proposta alla protesta. Continua a leggere →

La crisi uccide, il governo non sia complice

marzo 29, 2012 in Economia, Politica

Un operaio edile marocchino di 27 anni, senza stipendio da 4 mesi, si e’ dato fuoco questa mattina davanti al municipio di Verona. Stesso tragico gesto aveva fatto ieri a Bologna un muratore 58enne alle prese con gravi problemi economici e contenziosi col fisco. Sono le ultime vittime della crisi e si aggiungono a quella lunga lista di imprenditori, artigiani, operai, disoccupati che, travolti dai debiti, disperati per mutui e prestiti negati, affossati da ritardi nei pagamenti da parte dei clienti o della Pubblica amministrazione, non vedono più una via di uscita dal tunnel. Continua a leggere →

La lotta all’evasione: una priorità, non solo a Cortina…

gennaio 6, 2012 in Economia, Politica, Politica e Valori

Nel paese dei furbi e degli evasori fiscali, se il furbo e l’evasore viene anche solo disturbato, tanto più in vacanza, non solo protesta ma s’indigna, parla di persecuzione e grida alla lesa maestà. Insomma, finché si fa finta di fare la lotta all’evasione, come è successo con Berlusconi al governo, tutto bene, ma quando il Fisco si mette a fare un po’ sul serio, dando la caccia ai superevasori, quelli che girano in Porsche o in Ferrari ma risultano ufficialmente nullatenenti,  ecco scoppiare la ‘rivolta’.

Così sul blitz operato a fine anno dall’Agenzia delle Entrate a Cortina, quello che ha ‘miracolosamente’ fatto impennare vendite e incassi di gioiellieri, ristoratori e albergatori, si sono scatenati insieme il vittimismo, lo sdegno e la rabbia dei poveri-ricchi in settimana bianca, dei commercianti ampezzani, del sindaco, dei furbi scoperti in flagranza e, ovviamente, della destra berlusconiana e leghista, da sempre vicina a chi, come disse Berlusconi, si sente moralmente autorizzato ad evadere.

E allora eccoli tutti uniti nel comune disprezzo per quella che Cicchitto ha subito definito “una operazione politica e mediatica di carattere straordinario e propagandistico”. Parole a cui si sono aggiunte quelle, sugli stessi toni, di Crosetto, Santanchè, Paniz, Capezzone, Galan e altri, a conferma di come la pensano davvero Pdl e Lega quando si tratta di tasse e di evasione fiscale.

Continua a leggere →

Serve nuovo patto sociale. Il governo ascolti i sindacati

dicembre 26, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Lavoro, Politica, Sociale

“Il governo ascolti la voce dei sindacati. Se bisogna essere uniti per risolvere i problemi e risollevare il Paese dalla crisi, non si può prescindere dalle richieste del mondo del lavoro che reclama equità e giustizia sociale”. Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. “Il momento economico è drammatico e richiede provvedimenti seri e strutturali. Ma qualsiasi intervento deve avere come stella polare unicamente l’equità e la crescita. E’ questo che serve ai cittadini che hanno già pagato cara la crisi, e su questo l’IdV farà sempre la sua parte di forza responsabile che ha a cuore il bene del Paese. Bisogna ritoccare la riforma delle pensioni, così come occorre essere molto attenti alla riforma del Lavoro annunciata dal ministro Fornero: un patto di solidarietà tra generazioni non può trasformarsi in una riduzione dei diritti. Serve, invece, un nuovo patto sociale – conclude Belisario – che leghi forze politiche, sindacati, imprenditori e istituzioni”.

 

Tobin tax è novità positiva ma insufficiente, serve più equità

dicembre 14, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

 ”L’apertura di Monti sulla Tobin Tax è una novità positiva, ma non sufficiente a rendere la manovra sostenibile da chi non ha alcuna responsabilità per la drammatica situazione economico-politica che stiamo vivendo”. Lo dichiara il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “L’IdV, da tempo,  ha presentato una proposta di legge volta ad introdurre la Tobin tax in Italia per dare risposte concrete alla crisi. E’ un’ingiustizia che lavoratori e pensionati continuino a pagare la speculazione delle oligarchie finanziarie. Occorre proseguire in questa direzione, anche se è evidente che questo è solo un primo passo verso il traguardo della giustizia sociale che, al momento – conclude Belisario –  sembra ancora lontano”.

In piazza con i sindacati per cambiare una manovra iniqua

dicembre 12, 2011 in Economia, Politica

Oggi ho partecipato alla manifestazione unitaria indetta da Cgil, Cisl e Uil contro la manovra del governo. Sono sceso in piazza accanto ai sindacati per chiedere con forza, ancora una volta, di cambiare un provvedimento che tradisce la promessa di equità fatta dal presidente Monti, dal momento che colpisce le fasce sociali più deboli e non tocca invece quelle più forti. La manovra deve essere assolutamente modificata, per garantire una vera giustizia sociale: questa è la nostra battaglia, per questo stiamo lottando e continueremo a lottare in Parlamento e nelle piazze! Siamo convinti di essere dalla parte giusta, d’altra parte camminando tra la gente ho stretto tante mani e incontrato il sorriso di tanti cittadini e tanti lavoratori che all’IdV chiedono di continuare questa lotta a sostegno di chi ha già pagato il conto della crisi.

Visualizza il Video su Youtube

Manovra invotabile 6 / Manca la vera patrimoniale sui grandi redditi: solo i ricchi non piangono

dicembre 11, 2011 in Economia, Politica

Il premier Monti ha affermato che “le grandi ricchezze sono un concetto facile da cogliere mentalmente, ma difficile da individuare fiscalmente”. Quanta filosofia, da parte del professore, che però riveste subito i panni dell’economista per spiegare ai sindacati di dover fare cassa sui redditi medio-bassi. Perché quelli alti e altissimi, sostengono i bocconiani, sono irraggiungibili: non sei ancora matura, disse la volpe all’uva. Il Governo faccia uno sforzo, ha il dovere di distribuire più equamente il peso della manovra: introduca la patrimoniale invece di toccare le pensioni. Noi abbiamo chiesto che a pagare, questa volta, sia il 10% dei cittadini che detiene la metà  della ricchezza, e non quel 90% di italiani che si impoverisce sempre più. La crisi è drammatica e i sacrifici devono farli tutti, ma in proporzione alle possibilità: anche Berlusconi, tanto per dire. Se non si superano veti e resistenze delle forze politiche di centrodestra sulla patrimonale per i redditi più alti, la manovra dei “tecnici” è invotabile. Continua a leggere →

Monti legga bene il rapporto Censis prima di varare la manovra

dicembre 2, 2011 in Economia, Lavoro, Politica

Mi aspetto, anzi sono convinto, che il governo Monti leggerà per bene l’ultimo rapporto Censis sulla situazione socio-economica dell’Italia prima di scrivere i testi definitivi dei provvedimenti che porterà in Parlamento. Numeri e statistiche raccontano di un Paese fragile, sfiduciato e sempre più povero, in cui aumentano le disuguaglianze e manca il lavoro, con dati impressionanti soprattutto tra i giovani. Un Paese che si sente prigioniero della grande finanza e che ha sempre meno fiducia nella classe politica. Continua a leggere →