Basta ai privilegi e alla casta. Adesso dalle parole ai fatti

novembre 19, 2011 in Economia, Italia dei Valori, Politica

Possiamo rivendicarlo con soddisfazione. Se nel suo discorso di insediamento il neopresidente del Consiglio Monti ha parlato di tagli ai costi della politica, è soprattutto merito dell’Italia dei Valori. Non c’è stata occasione, infatti, in cui non abbiamo raccolto il malessere dei cittadini indignati dai privilegi della casta. La stessa casta che di fronte alla crisi ha continuato a chiedere sacrifici ai soliti noti: i poveracci che non arrivano a fine mese. Continua a leggere →

Indignati. Autunno caldo sarà colpa del governo

ottobre 18, 2011 in Comunicati Stampa

“Se ci sarà un autunno caldo, come più volte ha detto il ministro Maroni, sarà tutta colpa del governo che non rilancia la nostra economia”. Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, durante il suo intervento in aula a commento dell’informativa del ministro Maroni sugli incidenti di sabato scorso durante la manifestazione degli Indignati a Roma. “Gli scontri hanno distolto l’attenzione dalle istanze degli italiani scesi pacificamente in piazza per opporsi alla speculazione finanziaria, ai meccanismi distorti dell’economia, alle connessioni tra politica e malaffare, alle conseguenze nefaste del capitalismo sfrenato e dello scollegamento tra le oligarchie di potere e una società stanca di pagare una crisi al posto di chi l’ha causata. Noi stiamo sollevando all’attenzione del Paese il clima di tensione che non noi, ma questa maggioranza sta fomentando”. Belisario ha infine ricordato che “in tre anni questo governo ha tagliato tre miliardi alle forze dell’ordine. C’era un fondo giustizia che è stato saccheggiato per fare tutt’altro, noi chiediamo che sia ripristinato. Il ministro Maroni ha detto di essere disponibile al confronto. Noi abbiamo presentato proprio oggi un ddl e su quella base possiamo avviare una discussione. L’Italia dei Valori vuole superare questa fase di tensione perché le istituzioni repubblicane devono essere preservate”.

CONDIVIDO L’ANALISI DI MARIO MONTI, BERLUSCONI E’ LA PATOLOGIA DEL PAESE

ottobre 16, 2011 in Economia, Politica

L’intervento di Mario Monti è pienamente condivisibile, una fotografa esatta della gravissima situazione che stiamo vivendo a causa di un premier indegno del proprio ruolo. Sono 17 anni che fa vuota propaganda, disinteressandosi della crisi e preoccupandosi solo di non finire sotto processo, anche se questo significa portare il Paese al collasso. Noi lo abbiamo sempre sostenuto, ora arriva un’autorevole conferma: con Berlusconi al potere, l’Italia è in pericolo. Negando l’evidenza con un ottimismo delirante, il premier ci ha portati sull’orlo del baratro. Ha anteposto i suoi guai giudiziari alle priorità del Paese reale, è un rais senza consenso che in modo eversivo e spregiudicato si occupa solo della sua impunità, impedendo che si realizzi quel desiderio di svolta ormai diffuso e incalzante. Il suo instabile e dannoso Governo è stato commissariato dalle istituzioni europee che guardano con preoccupazione alle sorti di un’Italia sempre più screditata. Berlusconi è la patologia di un sistema a rischio, l’unico rimedio è il ricorso alle urne con un nuovo sistema elettorale che rimetta gli elettori al centro del processo democratico. L’IdV accoglie e rilancia l’appello di Monti: prima che sia troppo tardi liberiamo le forze sane del Paese dalla morsa fatale del Cavaliere di sventura. Continua a leggere →

ROMA: TRA INDIGNATI E VIOLENTI

ottobre 15, 2011 in Economia, Politica

E’ accaduto quello che noi temevamo e qualcuno, forse, si augurava. Gli inaccettabili episodi di violenza che hanno macchiato la manifestazione degli indignati rischiano di distogliere l’attenzione dalle ragioni di una protesta pacifica e giusta. I violenti andavano individuati e prontamente isolati, bisognava evitare che gruppi organizzati di teppisti si infiltrassero tra i manifestanti solo per compiere atti vandalici, perché estranei alle istanze di chi ha organizzato il corteo e del tutto privi della coscienza civile di chi è sceso in piazza. I facinorosi non c’entrano niente con questa protesta, ma c’è chi, invece di condannare le violenze, vuole usarle strumentalmente per screditare l’intera iniziativa e addebitare addirittura responsabilità alla sinistra. A questo arriva l’irresponsabilità di certa politica incapace di ascoltare e di intercettare l’esasperazione sociale dei cittadini: dovremmo essere tutti uniti contro i violenti e disposti a comprendere le ragioni dell’indignazione, gli intollerabili episodi di guerriglia non devono offuscare le pacifiche rivendicazioni di migliaia di persone che meritano delle risposte. Continua a leggere →

Fiducia. Berlusconi esulta mentre gip inchioda Romano

ottobre 14, 2011 in Comunicati Stampa

“Chi si accontenta gode, peccato che il Paese pianga”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “oggi lo schiaffone l’ha preso l’Italia che resta nelle mani di un governo di incapaci e inaffidabili interessati solo a salvare le poltrone. Non può sfuggire che nello stesso momento in cui Berlusconi si salvava per il rotto della cuffia, il gip confermava che il ministro Romano è coinvolto in un comitato d’affari di interessi mafiosi. Questa è la gente che guida il nostro Paese. Non basta qualche numero, ottenuto con un mercato infinito, per risollevare una maggioranza che ha perso ogni dignità. La resa dei conti arriverà presto – conclude Belisario – perché Berlusconi può anche comprarsi i suoi servi, ma non riuscirà a fermare la battaglia delle opposizioni e la protesta dei cittadini indignati”.

LA CRISI ECONOMICA E L’INDIFFERENZA DEL GOVERNO: INDIGNAMOCI TUTTI!

ottobre 13, 2011 in Economia, Giustizia, Italia dei Valori, Lavoro, Politica, Sociale

Roma, via Nazionale. Sede della Banca d’Italia. Centinaia di persone manifestano fino a notte fonda, determinate a portare avanti ad oltranza la loro protesta. Li chiamano indignati, sono cittadini stanchi di pagare il prezzo della crisi ed essere penalizzati dalle speculazioni finanziarie. Hanno deciso di reagire, di farsi sentire da Palazzi troppo spesso sordi e distanti. Sono giovani, sono il nostro futuro. E vogliono cambiare il mondo, partendo dal nodo fondamentale dei rapporti tra le istituzioni e la società. Continua a leggere →