Serve una riforma dei partiti

febbraio 17, 2013 in Italia dei Valori, Politica

“Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”, così l’articolo 49 della Costituzione sancisce il diritto-dovere di vita dei partiti politici. Eppure se chiediamo agli italiani che ne pensano, metterebbero al rogo i partiti e tutta la classe politica. La colpa è di coloro che hanno gettato fango sulle istituzioni, tanto che da creare un cortocircuito tra la società e il Palazzo e a da diffondere il pensiero che “siamo tutti uguali”. Continua a leggere →

Non ci vuole un genio per capire che bisogna cambiare la legge elettorale

ottobre 2, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

 

“Non ci vuole un genio per capire che l’unica risposta da dare ai cittadini, per dimostrare che non siamo tutte mele marce e che c’è chi vuole tenere alto il nome delle Istituzioni, è andare subito al voto con una legge elettorale nuova. Una legge che viaggi su due binari paralleli, entrambi indispensabili: da un lato far conoscere ai cittadini, prima e non dopo il voto, coalizione, programma e leader, dall’altro impedire la candidabilità dei corrotti a tutti i ruoli di rappresentanza  consentendo agli elettori di scegliere i parlamentari. Questo vale per gli inquisiti, i condannati, coloro che sono stati rinviati a giudizio, ma anche coloro che sono stati raggiunti da un avviso di garanzia. Di fronte a questa ondata di scandali che sta nauseando i cittadini vessati dalle tasse del tecnico Monti, ipnotizzato dai poteri forti, è presentare loro una politica nuova, trasparente, chiara e pulita. Eppure oggi assisto ancora a giochetti di copia e incolla tra A-B-C per cucirsi addosso una legge elettorale su misura o, addirittura, restare con il Porcellum. Sono talmente ostinati nel continuare a tutelare i loro interessi o ancora non hanno capito che tra poco ci troveremo i cittadini sotto il Parlamento? Voglio proprio vedere, a quel punto, che si inventeranno. Noi – conclude Belisario – continuiamo a ripetere che bisogna tornare al Mattarellum, come chiesto anche da un milione e 200mila cittadini che hanno firmato per il referendum più di un anno fa e come chiede l’IdV con un disegno di legge presentato in entrambi i rami del Parlamento, ma rimasto nel dimenticatoio a causa di inconfessabili interessi di bottega”.

Su trattativa Stato-mafia vogliamo solo la verità. Nessuna speculazione

luglio 20, 2012 in Comunicati Stampa, Giustizia

“Mi dispiace constatare che il capo dello Stato non colga ancora il vero motivo che ci ha spinto in questi giorni a difendere  i magistrati di Palermo e a chiedergli di rinunciare a sollevare il conflitto di attribuzioni”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “l’intenzione dell’Italia dei Valori è solo quella di fare chiarezza, al più presto, sulla trattativa Stato-mafia. Sono passati troppi anni e questo resta ancora il Paese dei misteri irrisolti. Non ce lo possiamo permettere dal momento che, oggi come non mai, i cittadini indignati dalla malapolitica chiedono trasparenza alle Istituzioni, la cui credibilità è davvero sottozero. Napolitano – conclude Belisario – non si faccia sviare da chi vuole oscurare la verità, manipolando le nostre posizioni. Se, come credo, abbiamo lo stesso obiettivo, ovvero difendere l’indipendenza della magistratura e non frapporre alcun ostacolo  all’accertamento della verità sulle stragi mafiose, passiamo dalle parole ai fatti”.

Gli attacchi di FI ai pm preparano la discesa in campo di Berlusconi

luglio 18, 2012 in Comunicati Stampa, Giustizia, Politica

“Non vorrei mai affidare la guida dell’Italia a persone che definiscono le indagini della magistratura ‘solita paccottiglia’. Se questa non è un’offesa alle istituzioni ditemi voi che cosa è”. Lo dichiara il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, secondo cui: “la discesa in campo di Berlusconi viaggia di pari passo con la sua fissazione contro la magistratura e ci fa venire il sospetto sul reale motivo del suo ritorno in politica. Evidentemente il cavaliere ha ancora alcune ‘faccende’ da sistemare e per farlo gli serve qualche Lodo ad hoc. Oggi si sono scatenati i suoi delfini, guarda caso ex Guardasigilli, domani chissà”.

“Chi cerca la verità, facendo il suo dovere e rischiando la vita, tiene alto l’onore delle istituzioni. Ci hanno stancato piuttosto – aggiunge – coloro che attaccano la democrazia e i suoi capisaldi ad ogni occasione, così come ci ha stancato chi si gira dall’altro lato facendo finta di niente in modo omertoso. Ricordo che, per questa ragione, ci troviamo un Parlamento pieno zeppo di inquisiti, rinviati a giudizio e condannati. E poi ci sorprendiamo – conclude Belisario – se aumenta la distanza tra il Paese reale e il Palazzo”.

Chiacchiere su legge elettorale da orticaria. Aumentano la distanza tra cittadini e istituzioni

luglio 8, 2012 in Comunicati Stampa, Politica, Referendum

“Farebbe venire l’orticaria a chiunque. Questa discussione sulle alleanze e sulla legge elettorale non fa altro che aumentare la distanza tra i cittadini e le istituzioni”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “gli italiani hanno bisogno di altro. Vogliono sapere come arrivare a fine mese e quale futuro aspetta i loro figli. Soprattutto vogliono ancora fidarsi, credere che possa esistere una buona politica. Dobbiamo dare loro subito dei fatti. Stop con le discussioni da fantapolitica, cambiamo la legge elettorale e andiamo subito al voto. La strada l’hanno tracciata i cittadini firmando per il referendum per l’abrogazione del porcellum. Vogliono sapere, prima del voto e non dopo, alleanze, programma e leadership. E, soprattutto, vogliono scegliere i loro rappresentanti e non votare a scatola chiusa i nominati delle segreterie dei partiti. Vogliono – conclude Belisario – un Parlamento che abbia la dignità politica e morale per rappresentarli”.

Le istituzioni facciano di più per gli italiani

giugno 28, 2012 in Comunicati Stampa, Lavoro, Politica

“Non sono affatto né meravigliato né preoccupato dalla conflittualità tra le forze dell’allegra maggioranza che, sostenendo Monti, sta di fatto recando danni al Paese”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “sono, invece, piuttosto preoccupato per le difficoltà in cui si trovano disoccupati, cassintegrati, precari, esodati, imprenditori che non ricevono credito, famiglie che non ce la fanno a campare. Per questi – conclude Belisario – tutte le istituzioni stanno facendo davvero troppo poco”.

Il ddl di riforma costituzionale è una balena spiaggiata, torni in Commissione

giugno 21, 2012 in Comunicati Stampa

 

 

“L’IdV in Senato aveva già bocciato senza appello la riformetta approdata in Aula, che in concreto dava solo una piccola sforbiciata al numero dei parlamentari. Poi il testo è stato definitivamente peggiorato con lo stravolgimento dell’architettura costituzionale proposto dal Pdl con il semipresidenzialismo. Restiamo quindi contrari a questa riforma nel metodo e nel merito, perché siamo ancora una volta di fronte ad un provvedimento confuso e pasticciato che non porterà a nulla: il ddl è ormai una balena spiaggiata”. Lo ha dichiarato, intervendo in Aula, il Capogruppo IdV al Senato, Felice Belisario. “L’Italia dei Valori – ha aggiunto – ha presentato le sue proposte, a partire dal Senato inteso come Camera delle autonomie, che è una riforma istituzionale senz’altro più chiara ed efficace del cosiddetto bicameralismo eventuale. Ma è evidente che non ci sono le condizioni per portare avanti il benché minimo confronto, più volte abbiamo chiesto che non si passasse ad esaminare gli articoli perché palesemente inammissibili e solo ora anche i partiti di maggioranza si rendono conto che non riusciranno a cavare il ragno dal buco. Non c’è alternativa, bisogna rispedire il testo in Commissione per rivedere completamente lo spirito di questa riforma. Il Presidente Schifani deve assumersi le proprie responsabilità, soprattutto – ha concluso Belisario – per quanto riguarda gli articoli approdati in maniera invasiva in Aula, senza alcun approfondimento”.

 

Trattativa Stato-mafia: le istituzioni devono cercare la verità, il Pd se ne faccia una ragione

giugno 17, 2012 in Politica

Antonio Di Pietro ha espresso le sue preoccupazioni sui nuovi scenari della trattativa tra Stato e mafia, annunciando di interpellare formalmente il Ministro della Giustizia a proposito dell’intervento del Colle nella vicenda Mancino. Il solito corazziere improvvisato è scattato sull’attenti e ha gridato allo scandalo, ma non accettiamo lezioncine né minacce da Enrico Letta, che ha dimostrato il suo rispetto per le istituzioni mandando pizzini a Monti: un comportamento che non ha fatto onore né al Governo che sostiene, né al partito che rappresenta. Gli esponenti del Pd si confrontino piuttosto sul tema sollevato da Di Pietro, invece di buttare la palla in tribuna. Mi domando se in democrazia, pur con tutto il rispetto che si deve portare alle istituzioni, anche quelle di garanzia, è possibile il diritto di critica oppure se vi sia in Costituzione un articolo che proclami la infallibilità del Capo dello Stato. Io non l’ho trovato, se qualcuno vuole indicarmelo, gliene sarò riconoscente… Continua a leggere →