Il film già visto di Montezemolo, Fini e Casini: “Monti due, la vendetta”

settembre 30, 2012 in Politica

Alla convention del fu Terzo Polo, guidato da Fli e Udc dopo l’eclissi dell’Api di Rutelli, a tenere banco è stato il grande assente Luca Cordero di Montezemolo. Infatti il presidente della Ferrari ha annunciato con grande tempismo di voler restare ai box per lanciare su pista il professor Monti. Il secondo mandato del premier, quindi, ha avuto la benedizione degli industriali e del duo Fini-Casini, che evidentemente condivide altri interessi oltre alla Presidenza della Camera. Come avevamo previsto, tanto tuonarono i poteri forti che piovve il Monti-bis. L’Assemblea dei Mille dice di puntare al rinnovamento, ma rilancia centristi e tecnici al Governo sotto le mentite spoglie di una Lista civica per l’Italia. Insomma, la presunta novità della scena politica è un film già visto: “Monti due, la vendetta”. Un horror di cui l’Italia non sentiva proprio il bisogno. Continua a leggere →

Nessun baratto tra lavoro e salute

settembre 26, 2012 in Ambiente, Comunicati Stampa

“Non esistono più vie di mezzo, né compromessi al ribasso. Non si baratta la salute con il lavoro, né tantomeno il contrario”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “la decisione del giudice di oggi deve solo tranquillizzare i lavoratori, vuol dire che c’è qualcuno che vigila attentamente sulla loro salute. Il piano di risanamento presentato dall’Ilva già non aveva convinto i sindacati a giugno e, oggi, il gip lo ha rispedito al mittente perché non contiene un nuovo impegno dell’azienda verso una vera e nuova bonifica. Ferrante e l’Ilva la smettano di prendere in giro i lavoratori e propongano interventi di risanamento seri che ad oggi sono realizzabili, salvaguardando i posti di lavoro che sono l’altra priorità. Basta esasperare il clima creando un braccio di ferro, ormai superabile grazie alle nuove tecnologie, tra lavoro e salute. Siamo nel 2012, tutta l’Europa viaggia verso la green economy, non è tollerabile pensare che l’Italia non possa adeguarsi velocemente agli standard internazionali. Ed è disumano – conclude Belisario – che qualcuno sfrutti i lavoratori disperati per continuare a produrre a basso costo con metodologie superate e pericolose”.

Monti si rassegni, non è Lippi!

luglio 26, 2012 in Comunicati Stampa, Politica, Senza categoria

“Continuando a seguire con questa tattica di gioco Monti si rassegni, non sarà di certo ricordato al pari di Lippi, allenatore che ha portato l’Italia del calcio al trionfo”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “con la politica del pugno duro con i deboli e guanto di velluto con in forti, questo governo non merita alcuna medaglia. Monti la smetta di parlare di allarmismi creati da voci e indiscrezioni. Chi ha portato questo Paese sulla soglia del ‘rischio Grecia’ è il suo governo che, solo grazie ad una vigile opposizione, non è riuscito a fare peggio di quanto ha fatto, trasformando tentativi ulteriori di mannaia sociale, come quella delle tredicesime, in refusi o incomprensioni. Il governo dei tecnici ha fallito, non arriverà mai all’obiettivo della crescita. Quindi il suo compito è già finito. Anzi non è mai iniziato”.

Subito la cittadinanza ai figli di immigrati nati in Italia, è principio di civiltà

luglio 4, 2012 in Comunicati Stampa

 

 

“Sullo ius soli non si può tentennare, il Governo assecondi le proposte di legge già presentate in Parlamento per il riconoscimento della cittadinanza ai figli di immigrati nati in Italia. Si tratta di un principio sacrosanto che deve essere garantito subito, entro questa legislatura. Da tempo l’IdV sostiene la necessità di superare gli anacronismi normativi che negano questo diritto a chi contribuisce allo sviluppo del Paese ed è parte integrante del tessuto sociale. Il Pdl non può imporre la propria visione intollerante e retrograda, si deve sviluppare un dibattito parlamentare per approvare subito una legge di civiltà e democrazia che garantisca la cittadinanza ai nuovi italiani”. Lo dichiara il Capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario.

 

Cordoglio e dolore per ennesima tragedia, governo riferisca

giugno 25, 2012 in Comunicati Stampa, Esteri

“L’ennesimo, gravissimo attentato ai nostri militari è la più tragica e dolorosa dimostrazione che in Afghanistan stiamo partecipando ad una missione di guerra. Quanti altri lutti dobbiamo subire prima che tutti sentano l’esigenza di farla finita con un conflitto ormai diventato un ‘Vietnam italiano’? Il governo venga immediatamente a riferire in Senato”. Lo chiede Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a Palazzo Madama e componente del Copasir, che esprime “grande cordoglio e vicinanza ai familiari del Carabiniere Manuele Braj e auguri di pronta guarigione ai militari feriti”.

“E’ chiaro – prosegue – che ormai siamo percepiti come una forza ostile di occupazione e la sicurezza dei nostri soldati è esposta a rischi insostenibili. Chi ha votato per il rifinanziamento della missione faccia un passo indietro e si ricordi l’art. 11 della nostra Costituzione.  Il governo si attivi per definire rapidamente una exit strategy, così – conclude Belisario – da mettere definitivamente la parola ‘fine’ a questa missione di guerra”.

L’Istat certifica il fallimento del Governo, Monti abbandoni linea del rigore

maggio 14, 2012 in Comunicati Stampa

 

 

“La fotografia dell’Istat sulla situazione economica italiana inchioda il governo di fronte al proprio fallimento: lo spread continua a salire, mentre piazza Affari va giù in picchiata. Quella di oggi è l’immagine di un Paese in recessione, ferito gravemente da una crisi economica e sociale a causa di un’impostazione economica tutta sbagliata, basata sul rigore, senza equità e crescita”. Lo dichiara Felice Belisario, Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori, che aggiunge: “L’Italia ha bisogno di una politica diversa, con una nuova classe dirigente, il cui obiettivo strategico deve essere il riscatto delle fasce più deboli. Ecco perché e’ indispensabile rilanciare gli investimenti, lo sviluppo tecnologico e la ricerca, insieme a misure di sostegno per famiglie, lavoratori e pensionati, che sempre più a fatica arrivano a fine mese. Monti la smetta di percorrere la strada dell’austerità a testa bassa -conclude Belisario – è ora di spostare le risorse dai grandi patrimoni a quelli più bassi e di applicare tutti provvedimenti necessari per tutelare i cittadini, vero cuore pulsante della società”.

Germania: sconfitta la politica del rigore, anche l’Italia cambi rotta

maggio 13, 2012 in Comunicati Stampa

“Dopo la vittoria di Hollande in Francia, anche il risultato delle elezioni in Germania certifica il fallimento di una ricetta politica basata sul cieco rigore. È una sconfitta pesantissima per la cancelliera Merkel, in Europa soffia un vento nuovo e anche l’Italia deve cambiare rotta”. Lo dichiara il Presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “Il crollo storico della Cdu in Nord Reno – Westfalia e la grande affermazione della Spd, dei Verdi e dei Pirati dimostrano che i cittadini non si riconoscono nei governi che guardano solo alla finanza e ai mercati, invece che al disagio sociale e alle difficoltà del mondo produttivo. La linea dell’austerità imposta dall’asse franco-tedesco e dalla Bce rischia di portare l’Europa al tracollo: è il momento di puntare sulla crescita, affrontare il dramma occupazionale e promuovere una politica economica incentrata sull’equità sociale. La necessità di una svolta non può essere ignorata né dal Governo Monti, sempre più distante dal Paese reale, né dal centrosinistra italiano, che deve impegnarsi per un’alternativa di Governo forte e credibile senza rincorrere chimere o praticare tatticismi fuori dalla storia: bisogna lanciare il cuore oltre l’ostacolo perché – conclude Belisario – questo chiedono a gran voce gli italiani”.

Con Hollande ora un vento nuovo anche in Italia

maggio 7, 2012 in Comunicati Stampa

“Vento nuovo in Europa. Con la vittoria di Hollande certamente avanza l’idea di una Ue che non vuole più dipendere dalla finanza speculativa, che pensa alla crescita per una ripresa di leadership di tutto il vecchio continente, non solo di quell’asse franco-tedesco, ormai tramontato, che ha portato rigore nei conti e disperazione sociale. Il cambio di passo in Europa non può essere ignorato  né dal governo Monti, a cui chiediamo equità e crescita, né dal centrosinistra italiano, che deve dimostrare coerenza e coesione nell’interesse dei cittadini”. Lo dichiara il Capogruppo IdV al Senato, Felice Belisario.