Facciamo un po’ di chiarezza

luglio 24, 2012 in Politica

Nelle ultime settimane, e soprattutto negli ultimi giorni, dal Partito democratico si è levato un coro pressocché unanime di voci contro l’Italia dei Valori e contro ogni ipotesi di alleanza. Ho letto e sentito tante sciocchezze, per cui ho approfittato di due interviste, una a La Stampa e una a l’Unità, per fare po’ di doverosa chiarezza e per puntualizzare ancora una volta la nostra posizione: per noi il punto di partenza nella costruzione di un centrosinistra di governo è rappresentato dalle esperienze locali, dove Pd-Idv-Sel hanno dimostrato non solo di saper vincere e ma anche di saper governare.
Detto questo, se il Pd non ci vuole ce ne faremo una ragione. Di sicuro non andremo da loro ad elemosinare nulla. E’ chiaro, però, che se alle prossime elezioni politiche prenderemo strade diverse sarà difficile poi conservare le alleanze sul territorio. E’ una questione di credibilità, su questo tutto il partito, a cominciare da Di Pietro, me e Donadi, la pensa allo stesso modo.

La vera anomalia è che Profumo sia ancora al suo posto

giugno 6, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Il collega Lannutti ha titolo, come ogni senatore, ad intervenire in Aula e ha diritto a farlo, portando all’attenzione gli argomenti di attualità stringente che non sono in calendario”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “Elio Lannutti non aveva in animo di offendere nessuno e men che meno il vicepresidente, Vannino Chiti, che presiedeva la seduta. D’altra parte dire che Profumo è stato rinviato a giudizio, non proprio per reati bagaterrali, non offende proprio nessuno ma, anzi, evidenzia un’anomalia del sistema che consente a Profumo di essere ancora lì al suo posto”.

Ho fatto venire in Senato gli operai Fiat, ingiustamente licenziati a Melfi, a raccontare come funziona il metodo Marchionne

marzo 15, 2012 in Economia, Politica

Nello stesso giorno in cui il ministro Fornero è venuta a riferire in Aula sulla Fiat, io ho fatto venire in Senato gli operai di Melfi ingiustamente licenziati, reintegrati dalla Corte d’Appello di Potenza ma a cui la Fiat impedisce di tornare in fabbrica. Prima le parole deboli del ministro, un’informativa insufficiente, reticente e goffamente rassicurante nei confronti del Parlamento, poi la conferenza stampa degli operai, una testimonianza forte di come non si vive sotto la dittatura di Marchionne. Continua a leggere →

In piazza con la Fiom, anche in memoria di Placido Rizzotto

marzo 9, 2012 in Italia dei Valori, Lavoro

In una Repubblica democratica fondata sul lavoro manifestare per il lavoro significa rivendicare il rispetto di un diritto costituzionale, fissato all’articolo 1 della nostra Carta. Per questo l’Italia dei Valori oggi è scesa in piazza accanto alla Fiom e alle tute blu. Quello che sta accadendo in questi anni, l’arretramento dei diritti di tutti i lavoratori contrabbandato per riequilibrio dei diritti in favore di chi non ne ha, i precari, è semplicemente scandaloso. 
Si parla di abrogare l’articolo 18 e di cancellare i contratti nazionali, mentre la Fiat, la più grande azienda metalmeccanica del Paese, discrimina i sindacalisti con un ritorno agli anni 50, quelli in cui Placido Rizzotto veniva ucciso dalla mafia. Lo ricordo perché è proprio di oggi la notizia che i resti che furono ritrovati tre anni fa appartengono a lui. Continua a leggere →

Per Openpolis e L’Espresso sono il senatore che più di tutti si occupa dei problemi del precariato

febbraio 10, 2012 in Italia dei Valori, Lavoro

Che legislatura terribile! Sul mondo dei precari la maggioranza che aveva vinto le elezioni non ha fatto nulla. E’ un tema che non è mai stato nell’agenda del governo Berlusconi e che comincia a entrare adesso in quella del governo Monti, anche se i primi passi sono cominciati con il piede sbagliato.
Ma qualche eccezione in Parlamento c’è. Lo dimostra una ricerca di Openpolis, riportata dall’edizione sia cartacea che telematica dell’Espresso. Continua a leggere →

Bollette più care, meno tredicesime, Monti eviti le riunioni carbonare e si sbrighi

novembre 26, 2011 in Economia, Politica

Le due notizie arrivano lo stesso giorno, quasi come una beffa nei confronti dei cittadini. La prima annuncia che il monte complessivo delle tredicesime scende di oltre il 2 per cento, su livelli che non si registravano da venti anni. La seconda ci informa che per le bollette ogni famiglia spende in media quasi 2500 euro l’anno con un aumento di oltre il 25 per cento negli ultimi 12 mesi.

Si tratta di due notizie diverse tra loro ma che, se messe insieme, ci portano a pronunciare una parola terribile: “recessione”. Continua a leggere →

SOLIDARIETA' A LANNUTTI, MULTATO DALLA CONSOB, IL MONDO VA AL CONTRARIO

dicembre 1, 2009 in Senza categoria

Davvero il mondo va al contrario, altrimenti non si spiegherebbe l’ammenda di 100.000 euro inflitta dalla Consob all’Adusbef. La Consob che dovrebbe controllare le banche e tutelare i risparmiatori punisce un’associazione di consumatori, la Adusbef, di cui è presidente il senatore dell’Italia dei Valori Elio Lannutti, da sempre in prima linea nel difendere gli interessi dei cittadini soprattutto contro lo strapotere degli istituti di credito. Siamo certi che il senatore Lannutti, che ha già preannunciato ricorso contro la multa, farà valere le proprie ragioni. A lui vanno la solidarietà mia e dell’intero gruppo dell’Idv al Senato”.