L’Eni perde il pelo ma non il visto

febbraio 7, 2013 in Economia

L’Eni perde il pelo ma non il vizio. Ve la ricordate la madre di tutte le tangenti, il sistema dei fondi neri per i partiti nel ’92, ai tempi di Mani Pulite? Adesso possiamo dire, con contezza di causa, che quei tempi sono tornati. Oggi l’Ad di Eni Paolo Scaroni è indagato a Milano con l’accusa di aver pagato una tangente di 197 milioni di euro ad esponenti politici algerini per vincere un appalto da 11 miliardi di dollari. Continua a leggere →

Il de profundis dell’IdV è molto lontano. Alla faccia degli uccelli del malagurio!

novembre 3, 2012 in Italia dei Valori, Politica

Sento in giro una forte preoccupazione, non per la ‘morte’ dell’Italia dei Valori. Al contrario, tutti, dentro e fuori, provano a colpirci perché stanno capendo che siamo vivi più che mai e che il presidente Di Pietro sarà il protagonista e il garante di una nuovo percorso aperto, di grande respiro e confronto. Dire, e lo ripeto, dire sulla base di un documento approvato all’unanimità dall’Ufficio di presidenza, che è finita la stagione dei partiti personalistici, che anche l’IdV deve andare oltre, ritrovando le origini delle sue battaglie, aprendosi fino in fondo alla società civile e ai cittadini in modo sempre più partecipato, mi sembra un progetto di vita, altro che di resa. Continua a leggere →

Per combattere la corruzione serve prima di tutto una rivoluzione culturale

ottobre 9, 2012 in Giustizia

Avere una legge contro la corruzione è necessario. Non solo perché ce lo chiede l’Europa, come ha giustamente sostenuto il presidente Napolitano qualche giorno fa, ma anche e soprattutto perché la corruzione si mangia ogni anno almeno 60 miliardi di euro e perché in ogni paese civile questo fenomeno è meno invasivo che da noi. Sarebbe decisamente meglio averne una davvero efficace, che comprendesse, ad esempio, il ripristino del falso in bilancio, norme contro l’autoriciclaggio, un aumento dei tempi di prescrizione, un inasprimento delle sanzioni.

Continua a leggere →

Raccogliamo le firme per abrogare la legge sul finanziamento pubblico ai partiti

marzo 20, 2012 in Italia dei Valori, Politica e Valori, Referendum

Oggi alla Camera abbiamo annunciato per i prossimi giorni la presentazione in Cassazione di un quesito per  abrogare i rimborsi elettorali ai partiti, due miliardi negli ultimi dieci anni. Del resto questa è una delle idee più votate in Politica e Valori (al quinto posto) ed è la prima risposta concreta che intendo dare, in questo caso insieme con il mio partito, a chi ha espresso tante preferenze. Contestualmente abbiamo approntato anche una proposta di legge di iniziativa popolare che affiancherà quella che presenteremo seguendo il normale iter in legislativo. Hai visto mai che in un rigurgito di dignità questo Parlamento si decida prima ad abrogare questa porcheria? Continua a leggere →

Mani pulite venti anni dopo: a Milano l’evento organizzato dall’IdV

febbraio 17, 2012 in Politica

Venti anni fa, il 17 febbraio 1992, i carabinieri arrestavano a Milano Mario Chiesa, esponente del Psi e presidente del Pio Albergo Trivulzio, sorpreso in flagranza di reato, nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla procura di Milano, mentre intascava dell’imprenditore Luca Magni una tangente di 7 milioni di lire, prima tranche di una mazzetta di quattordici milioni. Iniziava così la più clamorosa inchiesta giudiziaria italiana, Mani pulite, che avrebbe poi svelato quel sistema di potere, fatto di commistioni tra affari e politica, che aveva portato l’Italia sull’orlo della bancarotta. Oggi, in occasione del ventesimo anniversario dell’inizio dell’inchiesta, l’Italia dei Valori ha organizzato, al Teatro Elfo Puccini di Milano, l’incontro pubblico “20 anni da Mani pulite (…e rubano ancora)” a cui hanno partecipano Antonio Di Pietro, Felice Belisario, Marco Travaglio, Giuliano Pisapia, Bruno Tabacci, Leoluca Orlando e Gianni Barbacetto. Vedi lo speciale

La malapolitica è la prima causa della corruzione

febbraio 17, 2012 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Politica

“Corruzione e malaffare sono sempre più radicate nel tessuto democratico del Paese,  non lo dice solo l’IdV, ma adesso lo afferma con decisione anche la Corte dei Conti.  Se siamo costretti, dopo 20 anni, a tornare su Mani Pulite è perché il Paese sta andando verso il naufragio a causa di un’illegalità dilagante”. Lo ha dichiarato il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, intervenendo in diretta a TgCom 24. “In Senato – ha proseguito –  l’IdV si batte costantemente per portare in Aula la Ratifica della Convenzione di Strasburgo del 1999 contro la corruzione, ma il presidente del Senato non l’ha ancora calendarizzata, nonostante sia stata votata all’unanimità in commissione giustizia. C’è qualcosa che non funziona se anche il ministro Severino ritarda ancora la discussione del ddl anticorruzione che lo stesso Berlusconi aveva dato, un paio di anni fa,  come già approvato. Al contrario, è stato  depenalizzato il falso in bilancio che consente di portare in cassa fondi neri che servono proprio a corrompere. Che fiducia possono avere i cittadini sulla riforma della giustizia se la fanno persone già note alle cronache giudiziarie? La malapolitica è la prima causa della corruzione. Bisogna voltare pagina: serve una riforma radicale – ha concluso Belisario – che garantisca onestà, trasparenza e credibilità dei partiti, iniziando ad impedire che in parlamento ci finiscono persone condannate con sentenza passata in giudicato”.

20 anni da “Mani Pulite”, torna la questione morale: fermiamo il partito del Gattopardo

febbraio 5, 2012 in Economia, Giustizia, Politica

Con l’arresto di Mario Chiesa, il 17 febbraio 1992, partì l’inchiesta “Mani pulite” che di fatto pose fine alla Prima Repubblica. L’operazione, subito ribattezzata “Tangentopoli”, scardinò il sistema di collusione tra politica e malaffare, svelò l’esistenza di un livello di corruzione indegno di un Paese civile e costrinse i partiti a fare i conti con i principi di legalità e trasparenza che sono alla base della democrazia. Oggi nuove inchieste della magistratura svelano in modo inquietante che la questione morale continua a pesare come un macigno sui partiti: la politica deve autoriformarsi per essere una casa di vetro. Continua a leggere →