Le battaglie dimenticate

aprile 2, 2013 in Italia dei Valori, Politica

Mi pare sia tornato il momento di riprendere il nostro dialogo.

Finite le elezioni senza vincitori e, quindi, senza vinti, conclusasi nel peggiore dei modi l’esperienza di Rivoluzione Civile, sparita dal circuito mediatico (e politico?) l’IdV, cerchiamo di capire insieme cosa abbiamo davanti. Continua a leggere →

Botti di Capodanno

gennaio 1, 2013 in Elezioni, Politica

Naturalmente, le massime istituzioni hanno formulato gli auspici per il nuovo anno e fatto il bilancio delle scelte compiute in quello trascorso. Giusto, però la retorica e la demagogia sono davvero insopportabili. Il Governo ha diramato un bollettino tipo Cinegiornale, “Analisi di un anno”, che ha magnificato i risultati ottenuti e gli obiettivi attesi dal Governo medesimo: meno tasse, più opportunità per i giovani, economia a gonfie vele, meno sprechi, più lavoro! Siamo ai botti di Capodanno… Continua a leggere →

Nel discorso di Napolitano è mancata autocritica su Monti

gennaio 1, 2013 in Comunicati Stampa

“Nel discorso del Presidente Napolitano sulla drammatica realtà del Paese è mancato un passaggio di seria autocritica per la nomina del Governo Monti. L’Esecutivo tecnico non è stato oggettivamente in grado di risanare i conti pubblici, e ha invece scaricato il costo della crisi economica sui più deboli e i più onesti. Il messaggio di speranza del Capo dello Stato si scontra, purtroppo, con i risultati disastrosi dei sacrifici imposti dal rigore senza equità e dei provvedimenti inutili e dannosi assunti: nell’ultimo anno corruzione, evasione fiscale, debito pubblico si sono aggravati e la questione sociale è esplosa in tutte le sue più tragiche conseguenze. L’Italia può e deve reagire voltando pagina, con una proposta alternativa di Governo che ricostruisca il tessuto etico, economico, sociale e culturale la cuI distruzione è iniziata con Berlusconi ed è stata completata da Monti,che ora si mette in proprio dimostrando quanto sbagliato sia stato chiamarlo alla guida dell’Esecutivo”. Lo dichiara il Capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario.

E’ finita

dicembre 22, 2012 in Politica

Finalmente è finita l’era di questo governo tecnico a guida Monti, con una maggioranza smisurata, che per campare ha avuto bisogno di 52 o forse 53 fiducie. Il Parlamento è stato svilito, per certi versi sequestrato da un governo spesso anche maleducato nei rapporti istituzionali con le Camere. Ed infatti il sig. Monti, mai sfiduciato, si è dimesso senza neppure comunicarlo al Parlamento come normalmente dovrebbe avvenire. Continua a leggere →

Tra Monti e Berlusconi ci rimettono gli italiani

dicembre 10, 2012 in Comunicati Stampa, Economia

“Tra i due litiganti, il terzo ci rimette sempre. Infatti, tra Monti e Berlusconi chi ci perde è ancora una volta l’Italia e naturalmente gli italiani”. Lo ha dichiarato Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a Palazzo Madama, che ha aggiunto: “Il professor Monti è stato chiamato da Napolitano per risanare il Paese e, dopo non esserci riuscito, a causa anche di una stravagante maggioranza, potrebbe decidere adesso di candidarsi in una lista che porta il suo nome. Dall’altra parte, il solito Berlusconi, dopo aver sfasciato l’Italia negando la crisi, con l’ultimo colpa di coda si ripresenta come se nulla fosse accaduto e lo fa solo ed esclusivamente per salvare se stesso dai suoi processi e le sue aziende dal profondo rosso. Entrambi sfruttano la crisi per fare campagna elettorale. Al peggio non c’è mai fine. In questo quadro drammatico, c’è chi  aspetta una risposta dei mercati che già è arrivata : lo spread continua a salire e Piazza Affari affonda.  E mentre gli speculatori si sfregano le mani, le famiglie continuano a pagare un prezzo troppo alto per una crisi economica, che si può risolvere solo con serie proposte programmatiche all’insegna della crescita, dell’equità e della solidarietà. Si deve voltare pagina e si deve tornare  al voto. Prima, però si approvino la legge di Stabilità e la riforma elettorale, ma anche – conclude Belisario – un buon provvedimento sull’incandidabilità, perché è ora di restituire agli italiani un’Italia più onesta “.

Se Monti tira la giacchetta a Napolitano…

novembre 26, 2012 in Politica

Chi abbiamo a Palazzo Chigi da oltre un anno? Semplice, un presidente del Consiglio che, forse, non conosce la Costituzione. Possibile che abbia bisogno di uno spin doctor, sia pure autorevole come il Presidente Napolitano, per decidere quello che farà da grande? Durante una trasmissione televisiva, ieri sera, l’inquilino di Palazzo Chigi ha dichiarato, testualmente: “Terrò nella massima considerazione l’orientamento, le valutazioni, i consigli del Presidente Napolitano”. Una affermazione che non solo non andrebbe fatta, ma che non dovrebbe neanche essere pensata. Continua a leggere →

Ha ragione Napolitano, coesione sociale è in pericolo

novembre 26, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Il monito del presidente Napolitano è condivisibile, in particolare nel passaggio relativo alla preoccupazione per  la tenuta della coesione sociale del Paese. Che le fasce più deboli siano quelle che stanno pagando il prezzo più alto della crisi non è un mistero.  Il problema, casomai, sta negli iniqui  provvedimenti presi fino ad oggi dal governo Monti”.  Lo ha dichiarato Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a palazzo Madama, che ha aggiunto: “Pur in presenza di una gravissima crisi, non si può pensare soltanto a sanare i conti continuando a comprimere i diritti dei lavoratori.  Salva Italia, Cresci Italia, riforma delle pensioni, riforma del lavoro: tutti provvedimenti ‘tecnici’ che hanno scardinato i più elementari principi di uguaglianza e giustizia sociale. E’ necessario trovare ora risposte politiche per chi è più vulnerabile, per chi è meno attrezzato a sostenere un mondo globalizzato. Da parte dell’Italia dei Valori c’è una forte volontà di cambiamento e nel nostro programma ci sono proposte concrete e praticabili. Far crescere l’economia per noi vuol dire anche ridare fiducia ai giovani, alle donne, ai lavoratori e rendere più equa la società. Di queste cose dovrà occuparsi il prossimo Parlamento e il nuovo governo che noi speriamo – ha concluso Belisario – sia di centrosinistra per ridare speranza e futuro non solo a pochi ‘eletti’, ma a tutti gli italiani e consentire finalmente all’Italia di ritornare in Europa con la voce grossa”.

Per combattere la corruzione serve prima di tutto una rivoluzione culturale

ottobre 9, 2012 in Giustizia

Avere una legge contro la corruzione è necessario. Non solo perché ce lo chiede l’Europa, come ha giustamente sostenuto il presidente Napolitano qualche giorno fa, ma anche e soprattutto perché la corruzione si mangia ogni anno almeno 60 miliardi di euro e perché in ogni paese civile questo fenomeno è meno invasivo che da noi. Sarebbe decisamente meglio averne una davvero efficace, che comprendesse, ad esempio, il ripristino del falso in bilancio, norme contro l’autoriciclaggio, un aumento dei tempi di prescrizione, un inasprimento delle sanzioni.

Continua a leggere →