La fattoria degli animali

novembre 13, 2011 in Politica

Ho avuto uno strano sogno e vorrei raccontarvelo. C’era una fattoria nella quale gli animali erano insoddisfatti delle proprie condizioni e decisero di inseguire il sogno di un verro che li incitò ad una rivoluzione liberale. Così alcuni lo nominarono loro capo, ma presto si accorsero che le sue promesse tradivano ben altra aspirazione: la conquista del potere assoluto. Iniziò così il regime di un vecchio maiale che si impose come un tiranno su tutti gli altri animali.

Continua a leggere →

Finalmente Berlusconi si è dimesso, ora dobbiamo davvero voltare pagina

novembre 12, 2011 in Politica

Abbiamo detronizzato il satrapo. Finalmente Berlusconi si è dimesso, mantenendo la prima promessa in vita sua: del resto non aveva altra scelta, a chi pensava che mai avrebbe fatto questo passo dico con orgoglio che lo abbiamo costretto noi dell’opposizione, mantenendo la schiena dritta e logorando la sua squinternata maggioranza. L’Italia è stata liberata dalla sua ingombrante presenza: dopo tre anni e mezzo di dura ma inesorabile opposizione, sul bunker sventola bandiera bianca. È un momento storico per le sorti del Paese e non bisogna abbassare la guardia. Continua a leggere →

I mercati hanno già votato la sfiducia al Governo, il Parlamento deve solo formalizzarla

novembre 8, 2011 in Comunicati Stampa

“Ora che lo spread ha sfiorato i 500 punti, è evidente che i mercati hanno già votato la sfiducia al premier senza aspettare il passaggio in Aula: il Parlamento ha il dovere di formalizzare l’assenza di una maggioranza politica, esprimendo così la volontà del Paese reale esasperato da questo Governo che ci sta portando alla bancarotta. Se Berlusconi vuole vedere in faccia chi gli ha tolto il consenso, esca dal bunker e vada nelle piazze: troverà i cittadini stanchi dei suoi trucchetti che chiedono a gran voce una svolta. Ostinandosi a restare inchiodato alla poltrona, lista di peones e calcolatrice alla mano, non farà che prolungare un’inutile agonia. Solo un Governo non avulso dal dramma economico degli italiani può ridare credibilità al Paese”. Lo dichiara il Presidente dei Senatori IdV, Felice Belisario.

 

In Europa opposizioni più credibili del governo

ottobre 31, 2011 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Lavoro, Politica

“Il vero strappo alla democrazia è avere un governo che, nonostante quello che succede sui mercati continua a dire che va tutto bene e resta sordo alle richieste, ormai esasperate, del Paese”. Ad affermarlo il presidente dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “il centrodestra attacca la proposta di Di Pietro di una lettera delle opposizioni all’Unione Europea, ma mi chiedo davvero con quale faccia tosta. Basta leggere i dati di oggi: Milano apre come peggiore borsa d’Europa,  lo spread tra il Btp e l’analogo bund tedesco balza di nuovo sopra i 400 punti, mentre gli interessi suol decennale italiano volano  sopra il 6%. Come se non bastasse l’Istat parla di un’inflazione al 3,4% e un boom di disoccupati, che a settembre sfiora l’8,3%. Fossi nei panni del centrodestra rimarrei in religioso silenzio, ricordando soprattutto che a tutto questo Berlusconi propone come soluzione i licenziamenti facili, e, quindi, un’ulteriore indebolimento del potere d’acquisto e del tenore di vita degli italiani. L’Italia dei Valori – conclude Belisario – ha ascoltato e  raccolto le reazioni indignate dei cittadini e delle parti sociali e ha pensato di presentarsi all’Europa con una manovra che raggiunga gli stessi risultati, senza provocare quello scontro sociale su cui il governo sta innescando la miccia. Capisco sia difficile per la maggioranza digerire la verità: ma l’opposizione all’estero è molto più credibile del governo”.

Ma l’ora dell’alternativa?

ottobre 23, 2011 in Economia, Italia dei Valori, Lavoro, Politica, Sociale

Ogni giorno penso che questo governo abbia toccato il fondo e il giorno dopo mi ricredo perché vedo che al peggio non c’è mai fine. Mi preoccupa non solo l’incapacità ma anche l’arroganza con cui questo centrodestra sta facendo male al Paese . Oggi Berlusconi è stato a Bruxelles e, nonostante si sia presentato come leader di un Paese che per l’Unione Europea è un problema, ha avuto la faccia tosta di dire di non essere preoccupato perché “non è stato mai bocciato”. Questa è la statura istituzionale del nostro premier.
Continua a leggere →

Fiducia. Berlusconi esulta mentre gip inchioda Romano

ottobre 14, 2011 in Comunicati Stampa

“Chi si accontenta gode, peccato che il Paese pianga”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “oggi lo schiaffone l’ha preso l’Italia che resta nelle mani di un governo di incapaci e inaffidabili interessati solo a salvare le poltrone. Non può sfuggire che nello stesso momento in cui Berlusconi si salvava per il rotto della cuffia, il gip confermava che il ministro Romano è coinvolto in un comitato d’affari di interessi mafiosi. Questa è la gente che guida il nostro Paese. Non basta qualche numero, ottenuto con un mercato infinito, per risollevare una maggioranza che ha perso ogni dignità. La resa dei conti arriverà presto – conclude Belisario – perché Berlusconi può anche comprarsi i suoi servi, ma non riuscirà a fermare la battaglia delle opposizioni e la protesta dei cittadini indignati”.

MARCHIONNE ESCE DA CONFINDUSTRIA. E IL GOVERNO COSA ASPETTA PER FARSI DA PARTE?

ottobre 3, 2011 in Economia, Politica

Da gennaio 2012 la Fiat abbandonerà Confindustria. Non solo: Marchionne annuncia che a Mirafiori si produrrà un Suv targato Jeep.  Una doppia fuga, dunque: dal mondo degli industriali e dalla competizione italiana ed europea. Da tempo ormai il Lingotto dà segnali di voler spostare all’estero il suo asse produttivo, ma per tutta risposta il Governo gli ha fornito un lasciapassare confezionato su misura, inserendo nella manovra il pericolosissimo articolo 8. Non bastava fare orecchie da mercante sul piano industriale dell’azienda, che può fare il bello e il cattivo tempo con il futuro degli stabilimenti: ora Marchionne ha avuto anche libertà di licenziare. Alla favola del Presidente operaio non ha mai creduto nessuno, ma qui siamo di fronte alla aperta complicità tra l’amministratore pubblico e il padrone delle ferriere. Continua a leggere →

Berlusconi da’ un altro calcio agli italiani

ottobre 3, 2011 in Comunicati Stampa

“Un altro calcio agli  italiani che hanno sottoscritto il referendum contro il porcellum. Berlusconi continua a non cogliere le richieste che arrivano dai cittadini”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “il premier fa finta di non capire che dal Paese ha già avuto il benservito. Se tanti italiani, infatti, hanno firmato il referendum per cambiare l’attuale legge elettorale è proprio perchè non ne possono più e vogliono poter scegliere chi siederà in Parlamento. E’ l’unico modo per non trovarsi di nuovo rappresentati da una maggioranza incapace come questa piena di transfughi. La manfrina dei media pilotati dall’opposizione – conclude Belisario – non funziona più. La verità è sotto gli occhi di tutti: Berlusconi non si è mai interessato ai problemi dei cittadini, il suo unico assillo sono le norme ad personam che, fino a oggi, hanno salvato lui e i suoi amici dai processi. Il tempo è scaduto, questa maggioranza o verrà sbattuta fuori dalla porta dalla società civile e dalle battaglie dell’Italia dei Valori e delle altre opposizioni o imploderà vittima delle sue stesse contraddizioni”.