Benedetto XVI e il senso del “servizio”

febbraio 11, 2013 in Politica

Il mondo per una volta si dovrebbe fermare, riflettere e tacere. Tacere di fronte alla decisione di un uomo che si fa da parte e lo fa perché interpreta il suo “ruolo” come un “servizio” all’umanità, un “servizio” che non è più in grado di portare avanti come dovrebbe, “per assenza di forze”. Il gesto di Papa Benedetto XVI arriva come un fulmine a ciel sereno e non vi nascondo che mi sorprende e mi fa riflettere. La mia è una valutazione umana e sinceramente laica. Continua a leggere →

Degli impresentabili non si dovrebbe nemmeno parlare!

gennaio 20, 2013 in Politica

L’importante è il risultato, ma le motivazioni che hanno portato ad alcuni esclusi di fama nelle prossime liste del Pd e del PdL mi fanno venire un certo mal di pancia. Mi spiego: che il PdL non candidi Dell’Utri o Papa e il Pd lasci a casa Crisafulli mi fa piacere, mi fa pensare ad un Parlamento un po’ più pulito, non occupato da indagati, corrotti o condannati. Ma le ragioni che hanno portato a queste conclusioni non mi fanno dormire sonni tranquilli per l’Italia. Continua a leggere →

Cosa accade in Vaticano? La Chiesa che conosco io e’ un’altra

maggio 28, 2012 in Senza categoria

Sembra una storia scritta in altri tempi, quando il potere spirituale della Chiesa era soltanto un corollario a quello temporale. Sembra il romanzo un po’ scontato di uno scrittore fantasioso, “Intrigo in Vaticano”, che ha per protagonista addirittura il Papa. Invece qualcosa nei Palazzi di Roma, Oltretevere, sta accadendo davvero. Forse la crisi piu’ profonda dallo scandalo Ior-Marcinkus a oggi. Continua a leggere →

Porte aperte alla Finanza anche in Senato, la politica deve ritrovare credibilità

febbraio 9, 2012 in Giustizia, Italia dei Valori, Politica

Qualche giorno fa il Senato ha vissuto una vicenda che ai non addetti ai lavori portebbe sembrare incomprensibile e che, quindi, reputo utile approfondire. 
La Guardia di Finanza si è presentata a Palazzo Madama per acquisire la documentazione bancaria, presso la filiale della Bnl di Palazzo S. Macuto, relativa al conto corrente intestato a Democrazia e Libertà (è questo il nome della Margherita), nella vicenda che riguarda l’ex tesoriere della Margherita, Luigi Lusi. Le Fiamme Gialle, però, sono state bloccate all’ingresso. E’ qui si è gridato allo scandalo, ai politici chiusi nella loro roccaforte. Continua a leggere →

Berlusconi per una volta taccia e pensi alla credibilità dell’Italia

ottobre 23, 2011 in Comunicati Stampa

“Se, come spero, è rimasto qualcuno con un po’ di sale in zucca vicino al premier, gli suggerisca qualche piccola regola di bon ton. Non tanto per la sua bella figura personale, che all’estero ha perso da tempo, piuttosto per la dignità dell’Italia” A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge “non ci si può presentare ad un vertice internazionale in cui l’Italia viene considerata come un ‘problema per l’Europa’ con l’arroganza di chi dice ‘non sono mai stato bocciato’. Non si può essere il presidente del consiglio italiano ed ignorare le critiche dei sindacati e degli industriali, i primi pericolosi comunisti, i secondi  figli di papà viziati. Non si può ignorare che c’è un Paese indignato ed esasperato che ha perso ogni certezza per il futuro, di cui il governo non si preoccupa minimamente , impegnato nella compravendita di parlamentari per sopravvivere”.

I CONTI NON TORNANO: TREMONTI RIFERISCA AL PARLAMENTO E SI DIMETTA PER IL BENE DEL PAESE

luglio 29, 2011 in Economia, Politica

Giulio Tremonti ha risposto alle richieste di chiarimento, sulla vicenda che lo vede coinvolto, per smentire ogni accusa di illecito: ma è sul piano etico e istituzionale che la sua posizione è piuttosto fragile. Emerge chiaramente la sua partecipazione, forse inconsapevole o indiretta, ad una struttura occulta di potere che manovrava la politica e l’economia italiana attraverso un sistema di corruzione e ricatti incrociati. Al di là degli accertamenti giudiziari, il Ministro ha il dovere politico e morale di dimettersi perché, insieme a lui, nell’occhio del ciclone ci sono le istituzioni. Se non intende farlo, piuttosto che scrivere lettere ai giornali ha il dovere di riferire tutto al Parlamento e rispondere del suo operato alle istituzioni che rappresentano i cittadini. D’altra parte affermare, come egli fa, che ha sbagliato, è la riprova che, nonostante le sue capacità professionali, non è più credibile! Continua a leggere →

UN’ALTRA SCANDALOSA SETTIMANA DI GOVERNO: NIENTE PATTI, MANDIAMOLO A CASA

luglio 22, 2011 in Politica

La settimana politica è trascorsa all’insegna della mistificazione e della cialtroneria da parte del Governo. Ripercorrendone giorno per giorno l’attività, emerge uno scenario da ultimi giorni di Pompei: è evidente che la maggioranza parlamentare ha toccato il fondo. Ora se le opposizioni non vogliono mettersi a rischiare di perdere tutto quello che hanno guadagnato, devono evitare di dirsi disponibili – come hanno fatto alcuni esponenti – a sostenere Governi tecnici, di transizione, di responsabilità, di decantazione. Noi non scendiamo a patti con la casta, vogliamo che i membri di questo Governo smettano di stare attaccati alla poltrona come le cozze agli scogli e vadano a casa. Ogni giorno va sempre peggio, vedere per credere.

Continua a leggere →

IL CENTROSINISTRA NON SCIVOLI SULLA QUESTIONE MORALE, IL GOVERNO STA CADENDO

luglio 21, 2011 in Giustizia, Politica

Secondo il Capo dello Stato lo scontro tra politica e toghe ha raggiunto livelli intollerabili che stanno avvelenando il clima del Paese. Io credo che vi sia una parte politica, il centrodestra, che sta cercando lo scontro con la magistratura. Nei fatti la casta non perde occasione per innescare la contrapposizione con la magistratura e reagire in modo scomposto e volgare. Il centrosinistra non deve scivolare sulla questione morale che sta facendo crollare la cricca di centrodestra. È in nome della difesa di quella maledetta poltrona da parlamentare che tutta la politica sta implodendo, come si è visto in occasione del voto su Tedesco e Papa. Ma non è finita. Continua a leggere →