Con emendamenti Pdl alla riforma costituzionale cadiamo dalla padella alal brace

giugno 14, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Dalla padella alla brace. Il Senato è paralizzato in una discussione inutile e pericolosa sulla riforma costituzionale”. A dichiararlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “il testo ABC uscito dalla commissione era già pasticciato e inconcludente, frutto di una mediazione al ribasso della maggioranza strampalata. Come se non bastasse, gli emendamenti presentati dal PdL in Aula per cambiare il nostro sistema da parlamentare a semipresidenziale, rendono la riforma inammissibile e sballata con l’elezione diretta del presidente della Repubblica, l’attenuazione degli organi di garanzia, il venir meno della centralità del Parlamento. Insomma, un pasticcio che va bloccato perché non serve al Paese e aggiunge solo confusione a confusione. E’ un insulto ai nostri padri costituenti ed è il caso di ricordare che a modificare la Carta sia non può essere un Parlamento di nominati, pieno di condannati, inquisiti, rinviati a giudizio che stanno anche  tentando, con la modifica dell’articolo 68 della Costituzione, di blindare ancora di più la loro posizione di privilegiati. L’unica modifica da fare subito – conclude Belisario – è dimezzare il numero dei parlamentari, per dare un segnale ai cittadini stanchi della malapolitica e delle leggi ad personam”.

Sos Basilicata

febbraio 27, 2012 in Ambiente, Basilicata, Politica, Politica e Valori

Oggi l’Europa scrive l’ennesimo fallimento delle politiche emergenziali tipicamente italiane. Anni che hanno trascinato il Paese in una profonda crisi economica, sociale, culturale, ambientale e, prima di tutto, etica.  Non mi stupisce, allora, ma mi rammarica, la procedura d’infrazione che oggi la Commissione europea ha aperto nei confronti dell’Italia per almeno 102 discariche “non a norma”, ovvero non conformi alla direttiva Ue del 1999, di cui tre di rifiuti pericolosi. Abruzzo, Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Campania, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna e Umbria, le Regioni interessate. Continua a leggere →

Sulla legge elettorale rispettare referendum, la mozione non sia un trucco

gennaio 7, 2012 in Comunicati Stampa

“Nel dibattito sulla legge elettorale il grande assente sembra essere il referendum, quello per cui, nell’indifferenza quasi generale dei partiti hanno firmato un milione e 200 mila italiani. L’IdV si è impegnata in prima linea per promuovere questo strumento essenziale di democrazia e si opporrà ad ogni iniziativa tesa a boicottarlo, per questo attendiamo il pronunciamento della Corte costituzionale e guardiamo con sospetto all’improvviso interesse dei partiti per una riforma della legge elettorale che noi chiediamo da tempi non sospetti”. Lo dichiara il Presidente dei Senatori IdV, Felice Belisario, che aggiunge: “La proposta di una mozione parlamentare, che trova d’accordo Pd, Pdl e Udc, rischia di essere un trucco per aggirare la volontà popolare, che si è chiaramente espressa per l’abrogazione completa del Porcellum. Il sistema maggioritario, la possibilità di scegliere direttamente i candidati e la difesa del bipolarismo sono le linee guida dettate dai cittadini e il Parlamento non può fare a meno di tenere conto. Qualunque intervento che non rispetti questi principi – conclude Belisario – sarebbe uno scippo vergognoso“.

Pdl e Lega perdono il pelo ma non il vizio

dicembre 21, 2011 in Italia dei Valori, Politica

Mentre la giunta per le autorizzazioni a procedere rinvia al 10 gennaio il voto sull’arresto per camorra dell’ex Sottosegretario Cosentino, anche in Senato si è consumata, nella omologa commissione di Palazzo Madama, un’altra porcheria. La Corte Costituzionale, appena qualche settimana fa, dichiarava l’incompatibilità tra la carica di sindaco di comuni con oltre 20.000 abitanti e quella di parlamentare. La Giunta oggi ha ribaltato quella sentenza e ha deciso che due senatori, Antonio Azzollini e Vincenzo Nespoli, entrambi del Pdl, rispettivamente primi cittadini di Molfetta e Afragola, possono mantenere il doppio incarico.  Continua a leggere →

Pdl. Inutile lifting del nome. Chi ha stufato è Berlusconi

ottobre 6, 2011 in Comunicati Stampa

“Capisco che Berlusconi abbia una certa propensione al lifting e al mito dell’eterna giovinezza, ma rifare la facciata al Pdl non ne cambia il contenuto”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “non è il nome Popolo delle Libertà che non piace più alla gente, come dice il premier, ma è il PdL stesso che ha stufato con le sue politiche economiche e con le sue ossessioni per le leggi ad personam. La sua battuta sull’eventuale nomignolo da scegliere, poi, è un’offesa non solo alle donne, ma anche agli esponenti stessi del suo partito che si dovrebbero sentire sviliti nel loro ruolo istituzionale e nell’importanza che riveste la funzione di parlamentare. Peccato che manchi da parte degli esponenti del centrodestra, che aspirano solo ad essere ricandidati, un sussulto di dignità. Inutile che Berlusconi si illuda – conclude Belisario – il Paese chiede un cambio di contenuto, non certamente un’operazione di chirurigia estetica”.

Napolitano. La Lega straparla e Berlusconi tace

settembre 30, 2011 in Comunicati Stampa

“E ancora la Lega straparla! Napolitano, come sempre, si è dimostrato garante delle Istituzioni, della Costituzione e dell’Unità d’Italia, come è previsto dal suo ruolo”, dichiara il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “i secessionisti padani hanno perso una buona occasione per stare zitti, dimostrando di essere capaci solo di concetti sgangherati come quelli del loro leader . Quello che è anomalo è che lo stesso leader sia ministro della Repubblica e che ancora nessun alleato del Popolo delle Libertà si sia scomodato ad intervenire. Il primo indignato dovrebbe essere il presidente del Consiglio che, invece, vigliaccamente tace. Ha paura di perdere qualche parlamentare? Noto con ennesimo dispiacere – conclude Belisario – che pensare ad una democrazia normale, in questo Paese, con questo governo sia pura fantasia”.