Subito al voto

febbraio 27, 2013 in Politica

Un giorno in più di riflessione sull’esito elettorale mi era necessario per orientarmi nel labirinto in cui è andato a ficcarsi il nostro Paese con il voto di domenica e lunedì. Partiamo dal dato che secondo me meglio di tutti riflette la disaffezione degli italiani verso la politica: il 25% degli aventi diritto non ha votato, il 5% in più rispetto al già preoccupante dato di cinque anni fa, addirittura l’8 in più del 2006. A questo dato va aggiunto il numero enorme di schede bianche e nulle che  sfiora i 3 milioni. Continua a leggere →

Lo strano caso del Pd e del conflitto d’interessi

febbraio 8, 2013 in Politica

Ogni tanto il Pd, così come prima i Ds, si ricorda che l’Italia non ha ancora una legge sul conflitto d’interessi e giura che ne farà una non appena avrà i numeri in Parlamento. Lo diceva Veltroni qualche anno fa, lo ripetono oggi in coro Bersani, Grasso e Tabacci. Guarda caso, però, la memoria torna solo in campagna elettorale o quando i democratici sono all’opposizione, mai quando sono in maggioranza e avrebbero i numeri per fare una legge che è alla base di ogni vera democrazia. Continua a leggere →

Il masochismo del Pd

febbraio 6, 2013 in Politica

Dopo aver recitato a soggetto per qualche settimana, facendo finta di essere l’uno alternativo all’altro, alla fine Bersani e Monti sono venuti allo scoperto. E così quello che si sapeva da un pezzo ma che è sempre stato negato, ossia che dopo il voto il Pd si sarebbe alleato con il centro tendente a destra di Monti, ora non è più una verità nascosta. Resta spiazzato Vendola, ma i giochi sembrano fatti. Con buona pace della storia e dell’indentità di quello che fu il Pci. Continua a leggere →

Ancora un allarme dalla Corte dei Conti, ma la malapolitica se ne disinteressa

febbraio 5, 2013 in Economia

“Il ricorso ad aumenti del prelievo tributario, forzando una pressione fiscale già fuori linea nel confronto europeo, ha favorito le condizioni per ulteriori effetti recessivi”: Le parole del presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, sono lo specchio di quello che abbiamo sempre pensato e ribadito con forza negli anni. Continua a leggere →

E’ ora di invertire il trend e ridurre la disoccupazione

febbraio 1, 2013 in Economia, Lavoro

Ormai è il principale dramma delle famiglie italiane. In ognuna di esse c’è almeno un disoccupato, un inattivo, un precario, un cassintegrato, un esodato. E in quelle famiglie comanda l’incertezza del futuro, l’impossibilità di programmazione e di prospettiva, la spinta a non osare, a non spendere, a risparmiare perché oggi forse c’è qualche soldo e domani chissà. Continua a leggere →

Profumo Commissario di MPS? La volpe a guardia del pollaio…

gennaio 26, 2013 in Economia, Politica

La vicenda del Monte dei Paschi di Siena è sintomatica per capire fino a che punto si sia incancrenito il sistema economico e finanziario del Paese. Una banca che è stata finanziata con 3,9 miliardi di euro dal Governo dei banchieri, con l’appoggio della improponibile maggioranza Pd-Pdl-Udc, ora rischia il crack per un “buco” generato dalle mosse spericolate dei suoi amministratori. Continua a leggere →

Mps, solo l’IdV votò contro il regalo da 3,9 miliardi

gennaio 25, 2013 in Economia, Politica

Il caso Montepaschi non è solo un enorme scandalo finanziario, è anche l’ultimo peccato mortale di quella politica italiana sempre sensibile al fascino degli affari e sempre pronta a rendersi complice della peggiore finanza. E’ la politica che prova ad allungare le mani ovunque, che si tratti di una banca o della Rai. E’ la politica che ha trascinato l’Italia in basso, facendola sprofondare nella palude economica e morale in cui si trova adesso. Continua a leggere →

Sugli esodati sfido Monti: faccia subito un decreto legge

gennaio 24, 2013 in Economia, Lavoro, Sociale

Sono davvero arrabbiato perché da quando è scoppiato il caso degli esodati, in Parlamento, l’Italia dei Valori è stato l’unico partito a denunciare pubblicamente questa vergogna e a chiedere, anche con iniziative concrete, di trovare una soluzione. I partiti che hanno sostenuto il governo Monti, Pd, Pdl e Udc, pur sapendo che avrebbero gettato nel dramma quasi 400.000 famiglie (fonti Inps e Ragioneria dello Stato), hanno fatto finta di niente e votato la riforma che creava questo disastro sociale, frutto di un conteggio sbagliato da parte del ministero della signora Fornero. Continua a leggere →