L’Istat certifica il fallimento del Governo, Monti abbandoni linea del rigore

maggio 14, 2012 in Comunicati Stampa

 

 

“La fotografia dell’Istat sulla situazione economica italiana inchioda il governo di fronte al proprio fallimento: lo spread continua a salire, mentre piazza Affari va giù in picchiata. Quella di oggi è l’immagine di un Paese in recessione, ferito gravemente da una crisi economica e sociale a causa di un’impostazione economica tutta sbagliata, basata sul rigore, senza equità e crescita”. Lo dichiara Felice Belisario, Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori, che aggiunge: “L’Italia ha bisogno di una politica diversa, con una nuova classe dirigente, il cui obiettivo strategico deve essere il riscatto delle fasce più deboli. Ecco perché e’ indispensabile rilanciare gli investimenti, lo sviluppo tecnologico e la ricerca, insieme a misure di sostegno per famiglie, lavoratori e pensionati, che sempre più a fatica arrivano a fine mese. Monti la smetta di percorrere la strada dell’austerità a testa bassa -conclude Belisario – è ora di spostare le risorse dai grandi patrimoni a quelli più bassi e di applicare tutti provvedimenti necessari per tutelare i cittadini, vero cuore pulsante della società”.

Siamo nell’occhio del ciclone e Monti & Co non riescono a trovare la rotta giusta

aprile 23, 2012 in Economia, Politica

Se il governo Monti doveva servire a rassicurare i mercati, evidentemente i mercati non si fidano piu’. O comunque non si fidano abbastanza. Oggi Piazza Affari ha perso il 3,8%, proseguendo in quella caduta iniziata ormai da settimane, mentre lo spread tra Btp e bund decennali ha sfondato quota 410 punti: indici e numeri che rimandano a qualche mese fa, che smentiscono qualsiasi avventata professione di ottimismo. 

Continua a leggere →

NIENTE SCONTI A UNA MANOVRA SBALLATA, INACCETTABILE STROZZARE I TEMPI DI DISCUSSIONE

settembre 5, 2011 in Senza categoria

Dopo l’approvazione della manovra da parte della Commissione Bilancio del Senato, piazza Affari ha chiuso oggi con un tonfo del 4,83%: è evidente che il provvedimento del Governo continua ad essere irricevibile. La bocciatura da parte dei mercati conferma che siamo di fronte a misure raffazzonate, inefficaci e profondamente inique. La gravità della crisi impone interventi seri ed è allarmante constatare che il Governo mette mano alla manovra come alla tela di Penelope, disfacendo la notte quel poco che è riuscito a tessere di giorno. Continua a leggere →