Perchè nessuno si è lamentato per le nomine dell’Agcom?

dicembre 28, 2012 in Comunicati Stampa, Informazione

“Il metodo usato per le nomine dell’Agcom ha ignorato i più elementari criteri di trasparenza e indipendenza, seguendo una logica di lottizzazione partitocratica. E l’Agcom, così formata, dovrebbe garantire la correttezza dell’informazione?” A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei  Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “per questo le associazioni di Open media coalition hanno impugnato la nomina davanti al Tar del Lazio ed io sono stato l’unico parlamentare a firmare il ricorso. Di cosa ci meravigliamo, allora, se le Tv oggi sono invase, senza nessun freno, da chi evidentemente appartiene ai poteri forti? Una continua passerella di Berlusconi, Monti (nella duplice veste di premier e di candidato premier), poi i grandi partiti. E dell’IdV nessuna traccia. Paghiamo chiaramente il prezzo di non aver mai voluto partecipare a nessuna spartizione perché – conclude – crediamo che, soprattutto nella gestione della cosa pubblica, debba prevalere la meritocrazia e l’indipendenza. A lamentarsi, però, sento anche altri esponenti che si indignano a scoppio ritardato: non mi risulta abbiano, infatti, impugnato il provvedimento di nomina dell’Agcom”.

Ipotesi Monti bis inquietante. Se vuole governare si faccia eleggere

settembre 27, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“La disponibilità di Monti ad un secondo mandato è un’ipotesi inquietante e va rispedita al mittente”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “il super-professore ha già fatto troppi danni al Paese e agli italiani, con l’aiuto della maggioranza improponibile che lo sostiene. Ha fatto tabula rasa sulla pelle delle fasce deboli, dei lavoratori, delle famiglie e delle nuove generazioni. Nessuno lo vuole, tranne i poteri forti e gli alieni che nei partiti auspicano un suo ritorno solo per interessi personali. Monti non ci crede? Si mettesse alla prova presentandosi alle elezioni, come in una normale democrazia, e la faccia finita con le scorciatoie che lo rendono, dalla nomina di senatore a vita in poi, solo rappresentante di se stesso e degli amici suoi. L’Italia ha bisogno di un governo politico che passi attraverso le elezioni, con regole chiare e trasparenti. Una guida, in cui i cittadini si riconoscano, non un tecnico nominato dai partiti, lontano anni luce delle esigenze del Paese reale. Si goda il laticlavio il più a lungo possibile, ma lasci stare altro”, conclude Belisario.

IdV in piazza con i sindaci contro i tagli lineari

luglio 24, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Sociale

“L’Italia dei Valori è presente al sit-in promosso dall’Anci oggi a Roma per protestare contro l’ennesima mannaia sociale, chiamata spending review per nascondere la verità”. A dichiararlo in piazza, a fianco dei sindaci, il presidente dei senatori dell’IdV, Felice Belisario, che aggiunge: “evidentemente, al contrario dei sindaci, il governo Monti non conosce i problemi dei cittadini ma solo quelli dei poteri forti, delle banche, delle assicurazioni e delle grandi imprese. La revisione della spesa pubblica dei professori taglia in modo lineare i servizi ai cittadini: meno asili, meno trasporti, meno servizi sociali. Il governo deve cambiare assolutamente un provevdimento che continua a far pagare la crisi ai deboli. In questo modo – conclude Belisario – non ci sarà mai né ripresa né crescita”.

Di fronte al saccheggio della Rai il Pd tolga la fiducia al governo

giugno 10, 2012 in Informazione, Politica

Nel mondo c’è Occupy Wall Street, in Italia, invece, con Monti a Palazzo Chigi succede l’esatto contrario: la società civile non riesce a ribellarsi a banche e finanza perché banche e finanza sono imposte alla società civile da questo governo transgenico. Avevamo già banchieri ed esponenti del mondo finanziario ovunque, a cominciare dal governo, ora il Professore li ha messi anche ai vertici della Rai, la più grande azienda culturale del Paese. Con le nomine di venerdì è iniziato il saccheggio del servizio pubblico! Continua a leggere →

Monti ha perso l’appoggio dei poteri forti? Cerchi meglio…

giugno 8, 2012 in Comunicati Stampa

“Monti  ha perso l’appoggio dei poteri forti? Cerchi meglio, vedrà che li ritrova dove li ha lasciati l’ultima volta. Basta guardare alle riforme del lavoro e delle pensioni, alle norme salva-banche, all’aumento delle tasse per le fasce più deboli, alla mancata lotta a corruzione ed evasione fiscale: è chiaro che dietro i provvedimenti iniqui del Governo c’è la mano dei potentati economici. Noi l’abbiamo sempre detto: questo è l’esecutivo dei poteri forti. Ora lo ammette anche il premier, ma il suo pianto greco non è credibile”. Lo dichiara il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario.

Sulla riforma del lavoro il Governo va avanti come un panzer, intervenga Napolitano

marzo 22, 2012 in Comunicati Stampa

“Sulla riforma del lavoro il Governo va avanti come un panzer, nonostante la situazione già drammatica del mondo produttivo, gli appelli delle forze sociali, dai sindacati alla Cei, e la tensione sociale ogni giorno più allarmante”. Lo afferma in una nota il Capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario. “L’ultimo e più intollerabile gesto di sfida alla pazienza dei cittadini – aggiunge – sarebbe la presentazione di un decreto legge: a quel punto avvieremo una mobilitazione senza precedenti, dentro e fuori il Parlamento. Chiediamo una radicale revisione della riforma per affrontare i veri problemi dell’Italia, a partire da corruzione, evasione, infrastrutture, pressione fiscale ed eccesso di burocrazia. L’Italia non può essere commissariata dall’Esecutivo Monti, il Presidente Napolitano intervenga per arginare l’azione sfrenata del Governo ed impedire che i diritti dei lavoratori sanciti dall’articolo 18 siano sacrificati in nome degli interessi di lobby e poteri forti. L’Italia è diretta da una squadra che prende ordini da entità esterne al nostro Paese, che diventa sempre più a sovranità limitata. L’IdV – conclude Belisario -ritiene ormai intollerabile questo scenario e farà capire in ogni modo che il Governo sta scherzando con il fuoco”.

 

Il Pd vuole escluderci. Difendono i poteri forti

dicembre 30, 2011 in Comunicati Stampa, Politica

“Capiamo che all’interno del Pd, specialmente per chi ha l’abitudine ad agire nell’ombra, magari con qualche pizzino al presidente del Consiglio, l’azione sempre alla luce del sole dell’Italia dei Valori possa dare fastidio”. Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. “La missione politica che l’IdV ha davanti a se’ – aggiunge – è ancora lunga e va ben oltre l’antiberlusconismo. Il nostro Paese ha bisogno di cambiamenti radicali per superare logiche spartitorie e lobbistiche, vanno debellate corruzione ed evasione fiscale, le caste devono perdere i privilegi di oggi, la legge deve essere davvero uguale per tutti, le fasce sociali più deboli devono essere maggiormente tutelate. La Costituzione deve, in sintesi, tornare a essere il punto di riferimento di tutta la classe politica italiana. Di Pietro ha dimostrato di essere un ottimo ministro e un politico rigoroso e responsabile anche quando è stato chiamato a incarichi di governo e l’Italia dei Valori, anche nelle amministrazioni locali, è sempre stata un alleato leale.
Chi spinge verso un legame con il Terzo Polo fa scelte di convenienza e di potere e non è per nulla interessato a risolvere la crisi economica né a riaffermare con forza diritti civili e sociali, in una posizione di appiattimento masochistico e non dialettico con i centristi. Oppure, ma non voglio pensarlo, la paventata esclusione dell’Italia dei Valori dalle prossima alleanza sottende una difesa dei privilegi della casta e dei poteri forti, un’idea – conclude Belisario – dura a morire anche in alcuni segmenti del Pd”.

Se penso a un governo tecnico mi viene l’orticaria

novembre 7, 2011 in Economia, Elezioni, Politica, Referendum

In queste ore sento parlare di governo tecnico e al solo pensiero mi viene l’orticaria.
Ho letto anche le vostre risposte al sondaggio che ho lanciato sulla mia pagina facebook. L’ipotesi appare la più gettonata ma poi ho visto che alcuni di voi si aspettano che sia cambiata subito la legge elettorale. Poiché sono sicuro che non lo faranno, continuo a essere convinto che le elezioni anticipate siano il male minore.
Il governo tecnico è sempre stato un ibrido molto pericoloso. Innanzi tutto perché normalmente, quando la politica abdica, è perché vanno prese misure largamente impopolari che tutelano i poteri forti e si accaniscono sui soliti noti, i lavoratori e più in generale il mondo produttivo. Poi perché questi governi presuppongono un ribaltone o, comunque, una maggioranza che non è quella uscita dalle elezioni. Infine, perché a votare riforme impopolari c’è sempre e comunque una maggioranza politica che si nasconde dietro i tecnici perché ha paura di assumersi le proprie responsabilità.

Continua a leggere →