Tra un anno la festa del lavoro sarà assai più bella

maggio 1, 2012 in Lavoro

E’ probabilmente la più triste festa del lavoro degli ultimi decenni. Forse vale ancora la pena di festeggiarla, per quello che ha rappresentato in passato, con le conquiste ottenute dai lavoratori nel corso degli ultimi due secoli, e per quello che rappresenterà in futuro. Tra un anno esatto, infatti, avremo appena votato e, ne sono certo, il centrosinistra tornerà al governo con un imperativo su tutti: ridare dignità al lavoro, impegnarsi per restituire i diritti che i governi Berlusconi e Monti hanno cancellato, adoperarsi per ridurre la vera piaga di questi anni: la disoccupazione. Continua a leggere →

QUESTI CIALTRONI ORA PENSANO A UN ALTRO SCUDO FISCALE

agosto 18, 2011 in Economia, Lavoro, Politica

Mentre ci arrovellavamo (e addirittura litigavamo) su quale aliquota dovessimo far pagare gli evasori che nel 2009 avevano riportato i capitali in Italia (con un piccolo, indegno, contribuito del 5 per cento), ecco che al governo stanno pensando di lanciare un altro scudo fiscale. Invece di lasciare, l’esecutivo raddoppia.
Avete capito bene. Volevamo farli pagare di più e invece, non solo gli anonimi evasori del 2009 non sborseranno un quattrino, ma, a quanto pare, se ne aggiungeranno altri che con un piccolo obolo potranno far rientrare in Italia capitali portati all’estero per evadere il fisco.
Signore e signori, ecco a voi “Lo scudo 2”, sequel di un film pessimo e indigesto per gli italiani onesti. Continua a leggere →

Sull’abrogazione delle feste quella del governo è una rappresaglia ideologica

agosto 17, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Lavoro, Politica

“Le feste laiche che il governo vuole sopprimere per decreto rappresentano, a mio avviso, una terribile rappresaglia contro giornate che ha sempre ideologicamente avversato. Il 2 giugno, il 25 aprile e il primo maggio rappresentano momenti in cui si riconoscono gli italiani, gli antifascisti e i lavoratori”. Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. “Con la scusa della crisi cercano di far passare anche questioni che con il risanamento economico c’entrano poco o nulla. La verità è che da 20 anni il centrodestra ha provato a gettare fango e discredito su tutte queste feste. Non solo provano ad abolire per decreto i diritti, ma vogliono anche mortificare chi in nome di quei diritti festeggia ogni anno. Chi in Francia provasse a sopprimere la festa del 14 luglio, o negli Stati Uniti del 4 luglio, sarebbe preso a calci. Per questo aderisco all’appello dell’Anpi contro ogni forma di revisionismo. Faremo di tutto per impedire che il furore ideologico del governo porti l’ennesimo sfregio agli italiani. In qualsiasi caso, se la maggioranza dovesse votare per la loro abrogazione – conclude Belisario – il centrosinistra si impegni a ripristinarle non appena tornerà al governo, speriamo il più presto possibile”.

IL BAVAGLIO DELLA RAI SUL REFERENDUM

maggio 2, 2011 in Informazione, Politica, Referendum

Sarebbe già grave se ad un artista venisse messo il bavaglio. Un artista è un artista: scrive, canta, mette in musica i suoi pensieri. Sarebbe grave se gli fosse impedito di esprimere le sue idee, di dire cosa pensa del nucleare, della privatizzazione dell’acqua o del legittimo impedimento. Sarebbe un atto da regime totalitario, impensabile in una democrazia occidentale. Invece è quello che è successo il Primo maggio. La Rai ha fatto firmare una liberatoria ai big presenti al concertone di domenica, affinché non parlassero di referendum. Eppure non mi risulta che Morricone, De Gregori o Dalla siano dei politici e che Piazza S.Giovanni sia il salotto di Porta a Porta. Di fronte a questa censura preventiva, la parola “bavaglio” mi sembra una carezza. Continua a leggere →

PRIMO MAGGIO, PERCHE’ NON SIA UNA FESTA PER POCHI

maggio 1, 2011 in Lavoro, Politica

Primo maggio, festa dei lavoratori. In Italia sta diventando sempre più una festa per pochi, visto che i ‘fortunati’ che un lavoro ce l’hanno sono sempre di meno. Eppure il diritto al lavoro è fissato nei principi fondamentali della nostra Costituzione, come ha ricordato anche il Capo dello Stato. Scrissero i padri costituenti che ‘l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”, e lo scrissero nell’articolo 1 della Carta, perché ne fosse un pilastro. Così doveva essere, così dovrebbe essere, così purtroppo oggi non è. Continua a leggere →

PRIMO MAGGIO: NOI ACCANTO AI LAVORATORI

aprile 30, 2009 in Politica

 

Il primo maggio e’ una data di fondamentale importanza, che serve a ribadire la centralita’ del lavoro per lo sviluppo sociale del nostro paese.

In questo momento di difficile congiuntura economica  c’e’ bisogno che ciascuno si assuma le proprie responsabilita’ scegliendo chiaramente da che parte stare: mi riferisco al governo che, fino ad ora, non ha fatto altro che colpire gli interessi dei lavoratori, stravolgendo il testo Unico sulla sicurezza per non parlare poi dell’aberrante norma salva manager. La prevenzione e la tutela delle condizioni di lavoro non sono purtroppo presenti nella cultura del Pdl.
L’Italia dei Valori domani, come sempre  sara’ accanto ai lavoratori perche’ crede nelle lotte sociali attraverso cui si puo’ costruire una larga e forte opposizione al governo Berlusconi.