Consulta rafforza la volontà popolare su acqua pubblica

luglio 20, 2012 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Referendum

“La decisione di oggi della Consulta ratifica la volontà popolare e certifica che l’acqua è un bene comune, in barba ad ogni tentativo di privatizzarla fatto prima da Berlusconi e successivamente da Monti “. A dichiararlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge “si tratta di una risposta forte alle lobbies dell’acqua che ribadisce un principio democratico, quello del rispetto del volere di cittadini. Poco più di un anno fa, infatti, più di un milione di italiani ha partecipato ai referendum promossi dai comitati e dall’Italia dei Valori e ha detto il suo chiaro no alla privatizzazione dell’acqua. Oggi gli italiani hanno vinto ancora una volta,alla faccia dei lobbisti. Il governo Monti registri chiaro il messaggio – conclude Belisario – il Paese è dei cittadini non dei poteri forti e delle corporazioni”.

Il governo non calpesti la democrazia. Gli italiani vogliono l’acqua pubblica

giugno 22, 2012 in Ambiente, Comunicati Stampa, Referendum

“Questo governo continua ad ignorare la volontà dei cittadini. Procede come un carro armato, calpestando la democrazia”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “privatizzare i servizi pubblici locali, come vuole fare il governo, non solo significa peggiorare la gestione di una rete che fa già acqua da tutte le parti. Ma si traduce, soprattutto, in una palese violazione delle regole democratiche che affidano agli italiani, tramite il referendum, il diritto di esprimere la propria voce. E gli italiani hanno detto chiaramente no, con il voto di un anno fa, alla privatizzazione dell’acqua. Monti fa finta di non capire ma si rassegni: se non se ne fosse già accorto, troverà nell’Italia dei Valori una spina nel fianco. Ci siamo  battuti durante la raccolta delle firme per il referendum dello scorso giugno, abbiamo continuato a farlo, opponendoci ad ogni tentativo delle lobbies, rappresentate dai tecnici al governo e dalla variopinta maggioranza che li sostiene, di stravolgere l’esito referendario in Parlamento. Continueremo a farlo – conclude Belisario – perché l’acqua è un bene comune e i cittadini vogliono che resti tale. Rispettiamo i beni comuni, rispettiamo le regole democratiche, altrimenti non possiamo dirci Paese civile”.

Rispettare il referendum sull’acqua pubblica, barricate contro emendamenti a decreto liberalizzazioni

febbraio 20, 2012 in Comunicati Stampa

“Il decreto liberalizzazioni si conferma invotabile, a maggior ragione se passeranno gli emendamenti bipartisan per la privatizzazione dei servizi idrici. I partiti che sostengono il Governo, Pd in testa, stanno scandalosamente usando il provvedimento come un cavallo di Troia per capovolgere l’esito del referendum sull’acqua pubblica: all’ombra dei tecnici rischiamo di passare dalla padella alla brace”. Lo afferma il Presidente dei Senatori IdV, Felice Belisario. “L’Esecutivo Monti – aggiunge – è sempre più prigioniero dei partiti della sua strana maggioranza che, con la scusa di fare il bene del Paese, ne approfittano per favorire in realtà solo lobbisti e poteri forti. 26 milioni di cittadini hanno chiaramente espresso la propria volontà di salvare i servizi idrici dalla privatizzazione sottraendo un bene come l’acqua dalla logica del profitto. È quindi doveroso rispettare la consultazione referendaria, l’Italia dei Valori ha raccolto un fiume di firme anche per l’acqua pubblica e – conclude Belisario – siamo pronti a fare le barricate, in Parlamento e nelle piazze, per impedire che siano calpestate”.

 

La Rai in crisi va commissariata. Basta con l’occupazione dei partiti

gennaio 9, 2012 in Informazione, Italia dei Valori, Politica

La Rai è un malato grave, che ha bisogno di una cura forte e urgente oltre che di bravi medici. La malattia che l’affligge è nota e si chiama lottizzazione. Guarire si può, a patto di intervenire subito con una terapia d’urto efficace, ossia con una seria riforma della governance che spezzi in maniera netta il filo con il passato e liberi finalmente l’azienda dalle catene dei partiti. C’è chi invoca la privatizzazione, magari una bella svendita a prezzo di costo come è successo per l’Alitalia.
Non è questa la soluzione! La Rai è e deve continuare ad essere servizio pubblico, un bene comune senza alcun padrone. E allora, la prima cosa da fare è commissariarla al più presto. Continua a leggere →

DOMANI TUTTI IN PIAZZA PER CAMBIARE L’ITALIA!

giugno 9, 2011 in Italia dei Valori, Politica, Referendum

Finalmente il Governo annuncia la riforma del fisco: la attendevamo da 17 anni, quando Berlusconi la promise la prima volta. Un proclama che si aggiunge al rilancio dello sviluppo, al piano per il Sud, alla creazione di nuovi posti di lavoro e all’aumento della sicurezza per i cittadini. L’Economist dedica un dossier alle bugie del berlusconismo e scrive che il premier è riuscito ad imbrogliare l’Italia: tra il 2000 e il 2010 il nostro Pil è cresciuto in media dello 0,25%, solo Zimbabwe e Haiti hanno fatto peggio. Il centrodestra è un comitato di propaganda perenne, cerca disperatamente di restare aggrappato alle poltrone millantando la volontà di affrontare i problemi del Paese. Ormai è da tre anni che sopportiamo un Governo inerte, espressione della cricca che lo supporta e distante anni luce dal Paese reale. Domani chiudiamo con una grande festa la campagna referendaria: perché il 12 e 13 giugno possiamo cambiare l’Italia. Continua a leggere →

IL GOVERNO APPRENDISTA STREGONE VUOLE FAR SPARIRE ANCHE IL REFERENDUM SULL’ACQUA, FERMIAMOLO!!!

maggio 6, 2011 in Ambiente, Politica, Referendum

L’aveva annunciato e l’ha fatto davvero: il Governo ha tirato fuori dal cilindro l’ennesimo trucco per delegittimare i referendum, mirando stavolta ai quesiti contro la privatizzazione dell’acqua. L’intenzione, peraltro dichiarata, è quella di ingannare i cittadini convincendoli che non è necessario andare a votare, perché si sta già intervenendo sulle norme oggetto dei quesiti referendari.

Nulla di più falso, gli unici interventi che il Governo si affretta a mettere in campo sono il rinvio del progetto nucleare e la svendita di un bene primario come l’acqua senza che i cittadini possano esprimersi contrariamente.

Berlusconi teme l’esame della democrazia come uno studente impreparato e somaro consapevole che sarà bocciato, per questo non dobbiamo farci trarre in inganno dall’ultima trovata: un’Autorità contro il referendum. Continua a leggere →

DOPO IL NUCLEARE TOCCA ALL’ACQUA: FERMIAMOLI E SALVIAMO LA DEMOCRAZIA

aprile 22, 2011 in Ambiente, Giustizia, Italia dei Valori, Politica, Referendum

Inutile fingere che siano discorsi complicati perché invece sono fin troppo semplici: o si è favorevoli al nucleare e alla privatizzazione dell’acqua, oppure si è contrari. Tertium non datur. Il Governo invece fa esattamente il gioco delle tre carte e si permette il bluff della riflessione circa il destino del Paese.

È evidente che l’unico pensiero della maggioranza è sottrarre ai cittadini il diritto di esprimersi: dopo il decreto che rimanda di poco il ricorso alle centrali atomiche, il Governo annuncia un intervento analogo anche sulla privatizzazione dell’acqua.

Un attacco di Berlusconi ai referendum, cuore della democrazia, l’anticamera di un colpo di Stato per lasciare in piedi la legge che gli serve per salire al Colle: il legittimo impedimento.

Continua a leggere →