La Consulta conferma: l’acqua deve restare pubblica. Ora disinnescare le trappole di Monti.

luglio 21, 2012 in Politica, Referendum

L’IdV ha partecipato nel 2011 alla battaglia per l’acqua come bene pubblico e continuerà a vigilare, fuori e dentro il Parlamento, affinché siano disinnescate le trappole sparse dal Governo Monti per tradire la volontà popolare. La Corte costituzionale ha infatti dichiarato illegittimo l’articolo 4 della Finanziaria-bis, approvata nell’agosto 2011 dal Governo Berlusconi per tentare di cancellare con un colpo di spugna il voto espresso appena due mesi prima da 27 milioni di italiani. Con la decisione della Consulta, però, il problema si pone anche per gli interventi successivi di Monti, in particolare il cosiddetto ‘Cresci-Italia’ e la spending review, contenenti disposizioni che potrebbero contrastare con la decisione della Consulta. Gli italiani hanno detto no alla privatizzazione dei servizi idrici, il Parlamento deve rispettare questa decisione e non consentiremo al Governo di calpestare la democrazia dando il via alla speculazione su beni inalienabili. Continua a leggere →

Berlusconi ancora una volta allergico al Parlamento

ottobre 26, 2011 in Comunicati Stampa, Esteri, Politica

“Un  presidente del Consiglio responsabile avrebbe sentito il dovere di venire in Aula, stamattina, a spiegare come intendeva rispondere alle richieste dell’Europa. Berlusconi, invece, conferma di essere allergico alle aule parlamentari e ha deciso tutto da solo mancando di rispetto non solo all’intero Parlamento, ma a tutti gli italiani a cui viene chiesto l’ennesimo enorme sacrifico in pochi mesi”. Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. “Che accordo ha raggiunto con Bossi sulle pensioni? E sul lavoro? E su privatizzazioni e liberalizzazioni? Il Paese e il Parlamento – conclude Belisario – hanno il diritto di saperlo dalla voce del premier, non dalle indiscrezioni dei giornali”.

LE PENSIONI NON SI TOCCANO, PRIMA TAGLI E LOTTA A CORRUZIONE ED EVASIONE FISCALE

agosto 9, 2011 in Economia, Italia dei Valori, Lavoro, Politica, Sociale

Tagliare le pensioni o non tagliarle, gli economisti si sfidano a singolare tenzone sulla testa dei lavoratori. Per me e per il mio partito le risorse per risollevare il Paese dalla crisi vanno prelevate altrove, non dalle pensioni non dal lavoro dipendente che, anzi, deve essere salvaguardato per una questione di equità sociale e di tutela del potere di acquisto delle famiglie.
Certo, la situazione è talmente drammatica che nessuno può pensare di non dover compiere sacrifici, ma prima vanno colpite rendite parassitarie, evasori fiscali, politici corrotti, imprenditori senza scrupoli. Avrei una ricetta alternativa per reperire risorse altrove.
Continua a leggere →

UNA MAGGIORANZA PESSIMA PARTORISCE UNA MANOVRA PESSIMA

luglio 13, 2011 in Economia

Continuiamo a pensare che la manovra debba essere approvata in fretta per il bene del Paese. I conti devono restare in ordine per evitare una bancarotta che, per le dimensioni economiche dell’Italia, sarebbe assai più deflagrante di quella della Grecia.

Voteremo contro ovviamente. Si tratta di una manovra che toglie ai poveri per dare ai ricchi, che fa finta di liberalizzare perché lo chiede l’Europa e che privatizza, e questa è la notizia degli ultimi minuti, senza spiegare cosa e perché. Continua a leggere →