Subito un programma sostenibile

dicembre 27, 2012 in Economia, Lavoro, Politica

Fatti due conti il totale è questo: chi guadagnava 12 o 13 mensilità, oggi è come se ne portasse a casa la metà, perché ogni anno uno stipendio viene tolto dai bisogni primari per soddisfare aumenti e nuove tasse. Arriva la fine dell’anno e come sempre le associazioni dei consumatori fanno la fotografia dello stato dell’arte del Paese. Questa volta la situazione è più drammatica del solito. Continua a leggere →

Alternativi a Monti e al liberismo, con chi ci sta

dicembre 4, 2012 in Politica

Le primarie del centrosinistra sono state un’importante prova di vitalità, una grande dimostrazione di partecipazione democratica e un momento di necessaria, anche se per ora ancora parziale, chiarezza. Ora sappiamo che il candidato premier di Pd e Sel alle prossime elezioni sarà Bersani, quello che ancora non sappiamo è cosa intende fare e, soprattutto, con chi. In sintesi, aspettiamo di conoscere il programma che Bersani vuole portare avanti per capire se davvero è intenzionato a rompere con l’agenda  Monti, come ha detto più volte e come noi auspichiamo, o se invece pensa di proseguire nel solco di politiche in pericolosa continuità con quelle del governo attuale, aprendo magari anche a un’alleanza con l’Udc, che proprio l’agenda Monti mette in cima ai suoi pensieri. Continua a leggere →

Il grande assente dalla scena politica: il programma

ottobre 7, 2012 in Italia dei Valori, Politica

Quasi quasi rimpiango le 300 pagine del programma dell’Unione tanto derise dagli esponenti del centrodestra. E le rammenterei anche a parecchi amici che si riconoscono, almeno a parole, nel centrosinistra. Perché a guardare ora la scena politica mi rendo conto che si fa un gran parlare di tutto e contro tutti, ma nessuno (fatta eccezione, e lo dico con orgoglio, dell’Italia dei Valori) si pronuncia su cosa vuole fare e come intende farlo. Continua a leggere →

Non ci vuole un genio per capire che bisogna cambiare la legge elettorale

ottobre 2, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

 

“Non ci vuole un genio per capire che l’unica risposta da dare ai cittadini, per dimostrare che non siamo tutte mele marce e che c’è chi vuole tenere alto il nome delle Istituzioni, è andare subito al voto con una legge elettorale nuova. Una legge che viaggi su due binari paralleli, entrambi indispensabili: da un lato far conoscere ai cittadini, prima e non dopo il voto, coalizione, programma e leader, dall’altro impedire la candidabilità dei corrotti a tutti i ruoli di rappresentanza  consentendo agli elettori di scegliere i parlamentari. Questo vale per gli inquisiti, i condannati, coloro che sono stati rinviati a giudizio, ma anche coloro che sono stati raggiunti da un avviso di garanzia. Di fronte a questa ondata di scandali che sta nauseando i cittadini vessati dalle tasse del tecnico Monti, ipnotizzato dai poteri forti, è presentare loro una politica nuova, trasparente, chiara e pulita. Eppure oggi assisto ancora a giochetti di copia e incolla tra A-B-C per cucirsi addosso una legge elettorale su misura o, addirittura, restare con il Porcellum. Sono talmente ostinati nel continuare a tutelare i loro interessi o ancora non hanno capito che tra poco ci troveremo i cittadini sotto il Parlamento? Voglio proprio vedere, a quel punto, che si inventeranno. Noi – conclude Belisario – continuiamo a ripetere che bisogna tornare al Mattarellum, come chiesto anche da un milione e 200mila cittadini che hanno firmato per il referendum più di un anno fa e come chiede l’IdV con un disegno di legge presentato in entrambi i rami del Parlamento, ma rimasto nel dimenticatoio a causa di inconfessabili interessi di bottega”.

Vasto: il giorno dopo…

settembre 24, 2012 in Italia dei Valori, Politica

Si è concluso ieri il 7° incontro di Vasto, la nostra consueta assemblea programmatica. Quest’anno l’appuntamento ha avuto un sapore diverso rispetto al 2011: Berlusconi è caduto, anche se comanda ancora; contrariamente al PD, che governa con PDL e UDC, siamo all’opposizione del governo Monti dalle 34 fiducie; la trattativa STATO-MAFIA, ormai conclamata, è stata sbattuta in prima pagina grazie alle telefonate di Nicola Mancino al Quirinale; il paese è ormai in braghe di tela con famiglie sempre più in difficoltà e piccole e medie imprese al fallimento; disoccupazione, corruzione, evasione fiscale ancora più dilaganti; casta politica sempre più ingorda; all’orizzonte alleanze contro natura per le prossime politiche per difendere i potentati economici; Monti-bis che scompare e ricompare; Italia con poca sovranità rispetto alla BCE (Banca Centrale Europea), al FMI (Fondo Monetario Internazionale) alla Commissione Europea.

Continua a leggere →

Ripartiamo da Vasto, per costruire un’altra Italia

settembre 17, 2012 in Politica

Questa Italia non ci piace. L’Italia dei poteri forti, delle caste, dei Marchionne, dei Formigoni e dei Penati, dei Lusi, dei Belsito, dei Fiorito, degli inciuci, del Porcellum e del Superporcellum. L’Italia del lavoro calpestato, dei diritti cancellati, della disoccupazione record, dei precari a vita, degli esodati. L’Italia dei furbi, degli evasori, dei corrotti e dei corruttori, della crisi infinita, del rigore soffocante, delle tasse ai soliti noti, dell’equità promessa e mai mantenuta. Vogliamo un’altra Italia, un’Italia che sia davvero ‘una Repubblica democratica fondata sul lavoro’ in cui ‘la sovranità appartiene al popolo’. A Vasto, il prossimo fine settimana, apriremo il cantiere per costruire quest’altra Italia. Continua a leggere →

Casini ha la memoria corta, l’Udc ha sempre fatto la politica dei due forni

luglio 20, 2012 in Politica

È vero che il tempo cancella certi ricordi spiacevoli, ma vorrei ricordare a Casini che l’Udc è stato più volte un alleato “fidato” di Berlusconi, persino nell’abolizione del reato del falso in bilancio e nell’approvazione del “Porcellum”. Che poi abbia deciso, per pura convenienza politica, di invertire la marcia è un altro discorso. Casini si vanta, a torto, di essere stato il primo a capire l’inganno di Berlusconi. La verità è un’altra: i moderati sono stati superlativi nel perseguire la politica dei due forni e se il Cavaliere ha ingannato gli italiani è anche colpa dell’Udc. Continua a leggere →

Casini si ostina nelle anacronistiche categorie politiche

luglio 18, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Arieccolo Casini il nostalgico che ad ogni occasione rilancia il patto progressisti-moderati e difende a spada tratta il ‘povero’ Monti, assicurandogli, come se ne avesse bisogno, che dopo il 2013 non resterà disoccupato”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “Casini si sente già il burattinaio del futuro, punta il dito contro chiunque esca dalle sue anacronistiche categorie politiche e annuncia una legge elettorale firmata ABC. A me pare che, oltre a peccare di presunzione, chi pensi solo ai suoi interessi e non a quelli del Paese sia proprio Casini, che oggi gioca di sponda con il PD come ieri faceva con Forza Italia. Per farlo è disposto a scavalcare le istituzioni, dimenticandosi che le leggi elettorali si discutono in Aula non negli incontri segreti tra i leader della maggioranza. L’Italia dei Valori – aggiunge – si opporrà a tutte le forme di inciuci tra i poteri forti che offendono la nostra democrazia e sta lavorando per un dopo Monti che vada in tutt’altra direzione, la cui priorità sia il bene e la crescita dell’Italia sulla base di un programma chiaro e aperto a chi lo sostiene. Per i cittadini che non arrivano a fine mese e per i giovani che non hanno un lavoro – conclude Belisario – contano la sostanza e la concretezza dei programmi, non le categorie che puzzano di vecchio e di inutile politichese”.