Basta chiacchiere, vera crescita e vera equità

gennaio 19, 2012 in Comunicati Stampa, Senza categoria

“Non c’è tempo da perdere, la strada è una ed è chiara: urgono misure per la crescita con la creazione di nuovi posti di lavoro”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “anche oggi leggiamo numeri da brivido per la nostra economia. L’Istat ci bastona sul presente parlando di otto milioni di poveri, sei persone su dieci occupate nella fascia di età 20-64 anni  e di più due milioni di giovani fuori dal circuito formativo e lavorativo. Non solo, la metà dei disoccupati è senza lavoro da oltre un anno. E per il futuro le cose non sembrano migliorare. L’Fmi, parla, infatti, di recessione anche per i prossimi due anni. Urgono, allora, provvedimenti concreti che vadano nella direzione dello sviluppo, per invertire la rotta, e dell’equità, affinchè non siano sempre gli stessi a pagare il prezzo della crisi. Con le chiacchiere – conclude Belisario – certamente non si arriva a fine mese!”

Su Politica e Valori chiedete soprattutto i tagli ai costi della casta

gennaio 18, 2012 in Economia, Italia dei Valori, Politica, Politica e Valori

Le quattro idee più votate su “Politica e valori” sono tutte relative ai costi della politica. A parte la riduzione delle auto blu, su cui mi sono già soffermato nei giorni scorsi, sono votatissime il dimezzamento delle indennità dei parlamentari che hanno già altri redditi, la riduzione del numero dei parlamentari e la soppressione delle Province con legge costituzionale. Continua a leggere →

Sugli F35, aspettiamo Di Paola alla prova del nove

gennaio 15, 2012 in Comunicati Stampa, Esteri

“Sono molto scettico di fronte agli annunci televisivi. Ne ho visti fino troppi rimasti promesse al vento. Temo che così sarà anche per l’impegno, quasi sussurrato, dal ministro Di Paola su RaiTre, di rivedere i programmi di difesa, compreso l’acquisto degli F35, in base al quadro finanziario”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “più volte l’Italia dei Valori ha denunciato l’inutilità di alcune spese militari e del rifinanziamento delle missioni italiane all’estero, non ultima quella in Afghanistan. Ragioni etiche e di politica estera, ma anche economiche in un periodo in cui ai cittadini si chiedono grandi sacrifici. E’ un controsenso spendere 15 miliardi di euro per 131 cacciabombardieri, tra l’altro secondo una inchiesta de Il Fatto, difettosi. Vorrei che questa volta all’annuncio del ministro seguano fatti concreti. Lo aspettiamo alla prova del nove, venga subito in Parlamento con provvedimenti chiari. Tagliare gli sprechi – conclude Belisario -  è questo che si aspettano gli italiani, prima che si chieda loro di pagare ancora una volta”.

Urgenti interventi per la crescita

dicembre 31, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Italia dei Valori, Lavoro

“Mi auguro davvero che i titoli annunciati da Monti per la ripresa dell’economia italiana si tramutino presto in provvedimenti concreti”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “il Paese reale, fatto di famiglie, precari, pensionati e cassa integrati, ha pagato e sta pagando duramente la crisi. Il 2011 si è chiuso con numeri drammatici. Come se non bastasse, i dati diffusi dall’Osservatorio nazionale Federconsumatori, che parlano di una stangata che supera i 2.000 euro a famiglia per il 2012, fanno tremare i polsi. Aumenti che riguardano beni primari e che rischiano di lasciare i cittadini senza cibo, benzina, mezzi pubblici ed elettricità. Gli italiani, infatti, questi soldi non ce li hanno! E’ urgente intervenire subito: non è possibile che a pagare siano i soliti poveracci e non è più tollerabile rimandare la crescita e lo sviluppo del Paese. Se l’economia non gira, calano i consumi e aumenta la disoccupazione. L’Italia ha bisogno di riprendere fiato. Monti – conclude Belisario – dimostri che ‘equità e sviluppo’ non erano solo due postille pronunciate per indorare la pillola del rigore. E lo faccia con interventi chiari, non con proclami in conferenza stampa”.

Da Monti attendiamo provvedimenti per la crescita

dicembre 29, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Assolutamente No, Non facciamo parte di quei partiti di cui parlava Monti, quelli che pubblicamente lo attaccano e poi, nel privato delle stanze, lo sostengono”. Così Felice Belisario, presidente dell’Italia dei Valori in Senato, risponde intervenendo a Radio Anch’io. “Sia chiaro, continua Belisario, l’IdV non ha mai fatto inciuci ed è stata coerente sin dall’inizio: ha contribuito a far nascere il governo tecnico del professor Monti ma si è anche detta pronta a vigilare, provvedimento dopo provvedimento, sul suo operato. La manovra era troppo iniqua e recessiva per essere approvata. Se, oggi, il premier illustrerà provvedimenti seri per la crescita e lo sviluppo, contribuiremo in Parlamento ad una discussione chiara e migliorativa e faremo la nostra parte fino in fondo”.

Infine sulle liberalizzazioni, Belisario ci ha tenuto a precisare devono riguardare anche taxi, professioni e farmacie, ma il vero problema sono i servizi, banche, assicuazioni, società pubbliche. “Lì – ha detto – intervengono i cartelli con le loro pressioni e paralizzano ogni cambiamento. Bisogna essere incisivi e forti, così come sulla riforma del catasto, già tentata una volta dal governo Prodi”. Va ricordato che in Italia oggi il prezzo della benzina ha toccato l’1,722 euro al litro.

Manovra recessiva. Eppure l’hanno votata in troppi

dicembre 26, 2011 in Comunicati Stampa

“Adesso tutti parlano di rischio recessione ma dove erano quando si è votata la manovra lacrime e sangue?”. A dichiararlo Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, che aggiunge: “L’IdV si è opposta sin dall’inizio ad una manovra che ha colpito le fasce sociali più deboli, lasciando in brodo di giuggiole i privilegiati. Peggio di così il governo Monti non poteva fare. Adesso sono percorribili solo due strade: o il varo urgente di provvedimenti seri che mirino alla crescita e all’equità, oppure elezioni subito, con una nuova legge elettorale. Se i numeri sono quelli dati oggi  che parlano di un Natale di indebitati – conclude Belisario-  , mi chiedo quale scenario ci aspetti!”

Tutti i partiti parlano di tagli, ma poi evitano la mozione IdV sull’abolizione delle Province

dicembre 13, 2011 in Comunicati Stampa

“Le chiacchiere se le porta il vento: tutti i partiti dicono che vogliono tagliare il numero dei parlamentari ed abolire le Province, ma evitano di confrontarsi subito in Aula con la mozione dell’IdV”. Lo afferma Felice Belisario, Presidente dei Senatori dell’Italia dei Valori, commentando l’esito della conferenza dei Capigruppo che non ha inteso mettere in discussione la mozione dell’IdV abbinandola a quella della Lega, costringendo il gruppo dipietrista a non votare il calendario.

“Ormai avvengono cose strane e senza senso e – aggiunge – la credibilità del Parlamento viene demolita da decisioni cervellotiche e discriminatorie che fanno venire meno il senso delle istituzioni. In queste condizioni, con la confusione che regna dovunque, gli italiani – conclude Belisario – non possono tollerare provvedimenti iniqui accompagnati da una purtroppo sempre più evidente mancanza di democrazia”.

IdV fuori da spartizioni. Governo solo tecnico

novembre 19, 2011 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Politica

“Ribadisco ancora una volta che per l’Italia dei Valori il governo Monti deve essere un governo di tecnici, esterno al mondo della politica anche nei nomi di coloro che ricopriranno la carica di vice ministri e sottosegretari ”. A dichiararlo il capogruppo dell’IdV in Senato, Felice Belisario, che aggiunge “non partecipiamo a nessun totonomine,  a nessun incarico né sollecitato né richiesto. Abbiamo detto più volte che sosteniamo questo governo nel nome della discontinuità, del profilo tecnico-professionale e spinti dall’emergenza in cui si trova il Paese, riservandoci di esaminarne i provvedimenti senza pregiudizi ma anche senza firmare cambiali in bianco. Poi la parola deve tornare ai cittadini che devono scegliere,con una nuova legge elettorale, i politici da cui vogliono essere rappresentati , senza scorciatoie o giochini di Palazzo a cui qualcuno proprio non riesce a resistere”, conclude Belisario.