Ddl anticorruzione inutile e pericoloso, occasione mancata

ottobre 19, 2012 in Comunicati Stampa, Giustizia, Politica

“Il presidente Monti dovrebbe spiegare come può essere ‘esemplare’ un provvedimento contro la corruzione che arretra nettamente nel contrasto alla concussione, che non prevede la corruzione tra privati, che non contiene i reati di falso in bilancio, di autoriciclaggio, di voto di scambio, che rimanda a un successivo decreto la questione centrale dell’incandidabilità dei condannati”. Lo ha detto il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, a Palermo per la campagna elettorale. “La verità – continua – è che il ddl anticorruzione, così come l’ha voluto il ministro Severino, non solo è inefficace ma rappresenta un grave e pericoloso compromesso al ribasso tra i partiti della strana maggioranza. L’Italia dei Valori ha ripetuto in ogni sede che il provvedimento andava integrato e migliorato e a quanto vedo oggi, non solo avevamo ragione, ma non siamo gli unici ad affermarlo. La Severino ha respinto tutte le proposte del Parlamento insistendo solo sulle proprie, con la conseguenza che il ddl deve comunque tornare alla Camera. Grazie a questo governo – conclude Belisario – quello che poteva essere un giorno ‘esemplare’ è di fatto una clamorosa occasione mancata”.

Su Spending review Senato ridotto a bivacco

luglio 26, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Il Senato è ridotto ad un bivacco: senatori, ospiti, governo, emendamenti che vanno e che vengono, inserimenti dell’ultima ora, improbabili correzioni, pressioni di ogni genere per approvare un  provvedimento confuso, senza capo né coda che alla fine non metterà né la commissione Bilancio né l’Aula nelle condizioni di esprimere un giudizio compiuto ed obiettivo”. A dichiararlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “tutto perché nei giorni scorsi si è voluto dare la precedenza all’immondo pasticcio chiamato riforma costituzionale, che ha di fatto sequestrato il Senato in inutili sedute. E’ davvero inconcepibile che su provvedimenti di questa portata, che sconvolgeranno per i prossimi anni la vita degli italiani, la maggioranza che sostiene Monti non abbia uno scatto d’orgoglio ed non eviti di farsi strumentalizzare da un governo impopolare e autoreferenziale.”

Da Monti attendiamo provvedimenti per la crescita

dicembre 29, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Politica

“Assolutamente No, Non facciamo parte di quei partiti di cui parlava Monti, quelli che pubblicamente lo attaccano e poi, nel privato delle stanze, lo sostengono”. Così Felice Belisario, presidente dell’Italia dei Valori in Senato, risponde intervenendo a Radio Anch’io. “Sia chiaro, continua Belisario, l’IdV non ha mai fatto inciuci ed è stata coerente sin dall’inizio: ha contribuito a far nascere il governo tecnico del professor Monti ma si è anche detta pronta a vigilare, provvedimento dopo provvedimento, sul suo operato. La manovra era troppo iniqua e recessiva per essere approvata. Se, oggi, il premier illustrerà provvedimenti seri per la crescita e lo sviluppo, contribuiremo in Parlamento ad una discussione chiara e migliorativa e faremo la nostra parte fino in fondo”.

Infine sulle liberalizzazioni, Belisario ci ha tenuto a precisare devono riguardare anche taxi, professioni e farmacie, ma il vero problema sono i servizi, banche, assicuazioni, società pubbliche. “Lì – ha detto – intervengono i cartelli con le loro pressioni e paralizzano ogni cambiamento. Bisogna essere incisivi e forti, così come sulla riforma del catasto, già tentata una volta dal governo Prodi”. Va ricordato che in Italia oggi il prezzo della benzina ha toccato l’1,722 euro al litro.

Dl Sviluppo. Pacco infiocchettato ma vuoto

ottobre 17, 2011 in Comunicati Stampa

“Al ministro Sacconi sfugge che sul decreto Sviluppo il governo è già fuori tempo massimo, altro che rispettare i tempi come promesso! A giorni, dal cilindro magico uscirà un provvedimento che si preannuncia essere l’ennesima occasione mancata i cui effetti saranno ancora una volta disastrosi per l’intera economia del Paese”. Lo ha detto il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “Mentre aspettiamo di conoscere il decreto nei contenuti, sperando che ci sia anche la dovuta copertura, sospettiamo la concreta eventualità di ritrovarci a votare la fiducia sull’ennesima scatola infiocchettata, ma vuota. Il solito fumo negli occhi, come con gli altri cinque provvedimenti che lo hanno preceduto? Questa volta – conclude Belisario – ci auguriamo davvero di sbagliare per il bene del Paese”.

Processo breve. Berselli vive sulla luna. Rinsavisca

ottobre 12, 2011 in Comunicati Stampa

“Berselli vive sulla luna. Nega l’evidenza, commettendo gravi e imperdonabili errori di valutazione “. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “innanzitutto non si può negare che il governo sia davvero un malato grave e che in nessun Paese si parlerebbe oggi di processo breve, quando non sappiamo nemmeno cosa succederà domani. Infine, fatto ancora più grave, il presidente della commissione Giustizia al Senato parla di un ‘tema sul quale c’è un sostanziale accordo’. Ma questo non è assolutamente vero. L’Italia dei Valori – conclude Belisario – non condividerà mai un provvedimento che rallenta e svilisce la giustizia con il solo scopo di salvare Berlusconi dal processo Mills. Forse la paura di non arrivare in tempo ha annebbiato il presidente Berselli. Da bravo avvocato quale è, mi auguro che rinsavisca presto”.

Manovra. La banda del buco ha colpito ancora

agosto 31, 2011 in Comunicati Stampa

 ”L’obbligata retromarcia sulle pensioni rende bene l’idea del grave stato confusionale in cui si trovano maggioranza e governo, che un giorno dicono una cosa e il giorno dopo se la rimangiano”. Lo afferma il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “non contenti di una manovra già pessima, hanno provato a peggiorarla inserendo spudoratamente una vigliaccata meschina, ma hanno dovuto cancellarla subito di fronte alla rivolta di quanti si sono giustamente sentiti fregati. Ora per tappare il buco in un provvedimento che già fa acqua da tutte le parti vogliono far credere che troveranno le risorse dalla lotta all’evasione. Loro, quelli dei condoni e degli scudi fiscali, i migliori amici degli evasori. Ma davvero – conclude Belisario – pensano che gli italiani sono così fessi e non hanno capito di essere governati da una pericolosa banda del buco?”.

Con la manovra-bis aboliscono il Sistri e la Prestigiacomo tace

agosto 13, 2011 in Comunicati Stampa

“Silenzio. E’ questa la risposta del ministro dell’Ambiente all’annuncio dato da Calderoli sull’abrogazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, secondo cui “la Prestigiacomo incassa l’ennesima sconfitta su un provvedimento che lei stessa definiva fondamentale. Temo che il ministro scaldi solo la sedia, non tanto o non solo per colpa sua, quanto piuttosto per lo scarso interesse che il governo nel suo complesso ha per l’ambiente e la legalità. Perché il Sistri non solo permetterebbe di individuare sempre la provenienza dei rifiuti, ma soprattutto di controllarne i traffici illeciti. E’ uno strumento unico nella lotta alle ecomafie. Ma con un colpo di spugna il governo cancella tutto, in una manovra tesa al risparmio che finisce invece per sperperare tutti gli investimenti fatti finora per mettere in piedi il Sistri. Al vento, quindi, lotta contro l’illegalità e per la difesa dell’ambiente. La Prestigiacomo batta un colpo – conclude Belisario – altrimenti dovremmo pensare che è complice di questo giochetto”.

Con il Piano-Sud il governo restituisce parte del maltolto

agosto 3, 2011 in Comunicati Stampa

“Dopo averlo derubato il governo restituisce al Sud parte del maltolto. Ma da qui a cantare vittoria ce ne vuole”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che aggiunge “innanzitutto non possiamo dimenticare che questo provvedimento arriva dopo un inspiegabile ritardo e dopo una pressione insistente da parte delle regioni. Quindi, se un apprezzamento va fatto, è a quei governatori che hanno insistito sul rilancio del Mezzogiorno. Ma la strada è ancora lunga. Quello di oggi, infatti, è solo un primo, timido, tassello di un mosaico che aspetta da molto tempo di vedere la luce. Ci auguriamo che dalle parole si passi ai fatti perché – conclude Belisario – solo progettando, costruendo ed inaugurando le opere pubbliche, il risultato potrà dirsi raggiunto”.