IdV in piazza con i sindaci contro i tagli lineari

luglio 24, 2012 in Comunicati Stampa, Economia, Sociale

“L’Italia dei Valori è presente al sit-in promosso dall’Anci oggi a Roma per protestare contro l’ennesima mannaia sociale, chiamata spending review per nascondere la verità”. A dichiararlo in piazza, a fianco dei sindaci, il presidente dei senatori dell’IdV, Felice Belisario, che aggiunge: “evidentemente, al contrario dei sindaci, il governo Monti non conosce i problemi dei cittadini ma solo quelli dei poteri forti, delle banche, delle assicurazioni e delle grandi imprese. La revisione della spesa pubblica dei professori taglia in modo lineare i servizi ai cittadini: meno asili, meno trasporti, meno servizi sociali. Il governo deve cambiare assolutamente un provevdimento che continua a far pagare la crisi ai deboli. In questo modo – conclude Belisario – non ci sarà mai né ripresa né crescita”.

La Consulta conferma: l’acqua deve restare pubblica. Ora disinnescare le trappole di Monti.

luglio 21, 2012 in Politica, Referendum

L’IdV ha partecipato nel 2011 alla battaglia per l’acqua come bene pubblico e continuerà a vigilare, fuori e dentro il Parlamento, affinché siano disinnescate le trappole sparse dal Governo Monti per tradire la volontà popolare. La Corte costituzionale ha infatti dichiarato illegittimo l’articolo 4 della Finanziaria-bis, approvata nell’agosto 2011 dal Governo Berlusconi per tentare di cancellare con un colpo di spugna il voto espresso appena due mesi prima da 27 milioni di italiani. Con la decisione della Consulta, però, il problema si pone anche per gli interventi successivi di Monti, in particolare il cosiddetto ‘Cresci-Italia’ e la spending review, contenenti disposizioni che potrebbero contrastare con la decisione della Consulta. Gli italiani hanno detto no alla privatizzazione dei servizi idrici, il Parlamento deve rispettare questa decisione e non consentiremo al Governo di calpestare la democrazia dando il via alla speculazione su beni inalienabili. Continua a leggere →

Consulta rafforza la volontà popolare su acqua pubblica

luglio 20, 2012 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Referendum

“La decisione di oggi della Consulta ratifica la volontà popolare e certifica che l’acqua è un bene comune, in barba ad ogni tentativo di privatizzarla fatto prima da Berlusconi e successivamente da Monti “. A dichiararlo il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge “si tratta di una risposta forte alle lobbies dell’acqua che ribadisce un principio democratico, quello del rispetto del volere di cittadini. Poco più di un anno fa, infatti, più di un milione di italiani ha partecipato ai referendum promossi dai comitati e dall’Italia dei Valori e ha detto il suo chiaro no alla privatizzazione dell’acqua. Oggi gli italiani hanno vinto ancora una volta,alla faccia dei lobbisti. Il governo Monti registri chiaro il messaggio – conclude Belisario – il Paese è dei cittadini non dei poteri forti e delle corporazioni”.

Il governo non calpesti la democrazia. Gli italiani vogliono l’acqua pubblica

giugno 22, 2012 in Ambiente, Comunicati Stampa, Referendum

“Questo governo continua ad ignorare la volontà dei cittadini. Procede come un carro armato, calpestando la democrazia”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “privatizzare i servizi pubblici locali, come vuole fare il governo, non solo significa peggiorare la gestione di una rete che fa già acqua da tutte le parti. Ma si traduce, soprattutto, in una palese violazione delle regole democratiche che affidano agli italiani, tramite il referendum, il diritto di esprimere la propria voce. E gli italiani hanno detto chiaramente no, con il voto di un anno fa, alla privatizzazione dell’acqua. Monti fa finta di non capire ma si rassegni: se non se ne fosse già accorto, troverà nell’Italia dei Valori una spina nel fianco. Ci siamo  battuti durante la raccolta delle firme per il referendum dello scorso giugno, abbiamo continuato a farlo, opponendoci ad ogni tentativo delle lobbies, rappresentate dai tecnici al governo e dalla variopinta maggioranza che li sostiene, di stravolgere l’esito referendario in Parlamento. Continueremo a farlo – conclude Belisario – perché l’acqua è un bene comune e i cittadini vogliono che resti tale. Rispettiamo i beni comuni, rispettiamo le regole democratiche, altrimenti non possiamo dirci Paese civile”.

Sui tagli alla spesa pubblica i Ministri fanno orecchie da mercante. Se poi il relatore del Def è Marco Milanese…

aprile 22, 2012 in Economia, Politica

Quando c’è da imporre sacrifici ai cittadini, il Governo parla con una voce sola, se invece si tratta di tagliare la spesa pubblica i Ministri fanno orecchie da mercante. Lo stesso Passera ammette che ci sono delle resistenze, ciò significa che il Ministro Giarda sta lavorando alla spending review con una forbice spuntata. Le manifestazioni di corporativismo dei tecnici sconfessano le rosee previsioni del Documento di economia e finanza, così il pareggio di bilancio resterà una chimera e serviranno altre tasse sulle fasce sociali più deboli. Inutile fare carte false, i conti pubblici non tornano: il ragionier Monti, che sta scardinando lo Stato sociale e vessando i cittadini, applichi questo stesso rigore contro gli sprechi della politica e delle pubbliche amministrazioni. Altrimenti altro che la “task force” chiesta dal Ministro Giarda, a richiamare l’Esecutivo sui bilanci fuori controllo ci penserà la Corte dei Conti. Almeno, per guadagnare un minimo di credibilità, andrebbe ritirata la nomina a relatore del Def di Marco Milanese, l’ex consigliere dell’allora Ministro Tremonti, già scampato ad una richiesta di arresto e accusato di corruzione e finanziamento illecito ai partiti. Continua a leggere →

Via i partiti dalla Rai, il beauty contest sulle frequenze tv sarà la prova del nove

marzo 8, 2012 in Comunicati Stampa

“La situazione in Rai è allarmante, dopo anni di lottizzazione il Servizio Pubblico è ormai a rischio estinzione. Una riforma della governance non è più rinviabile ed è necessario superare al più presto la legge Gasparri. I partiti devono sloggiare subito da Viale Mazzini per garantire indipendenza e pluralismo dell’informazione. La prova del nove per capire se permane la differenza tra centrosinistra e centrodestra sarà la cancellazione del beauty contest che vuole regalare a Rai, anche a Mediaset e a Telecom, frequenze tv che valgono miliardi di euro. Su questo punto chiediamo al Pd di impedire che il Governo continui a fare melina: o viene indetta un’asta pubblica, oppure c’è il  dovere politico e morale di staccare immediatamente la spina. Non si può sostenere un governo tecnico sotto perenne ricatto del Pdl e dei lottizzatori di professione. Giù le mani dalla Rai, non solo a parole ma con fatti visibili”. Lo ha dichiarato Felice Belisario, presidente dei senatori dell’Italia dei Valori.

 

Stato laico e cattolicesimo, ne parlo domani a Pescara

marzo 2, 2012 in Politica

Domani parteciperò a Pescara a un convegno organizzato dall’Associazione “Articolo 3-liberi e uguali” su un tema che, all’apparenza, potrebbe sembrare tutto teorico e che, invece, ha notevoli implicazioni reali per chi, come me, ha deciso di dedicare alla politica una parte importante della propria vita e del proprio tempo. Il tema è, quindi, quello del ruolo dei cattolici nella vita pubblica che, come sa chi mi segue, mi coinvolge direttamente. Sapete che non è la prima volta che intervengo a convegni di questo genere, che il tema dei cattolici in politica mi appassiona perché mi consente, anche ascoltando quello che hanno da dire gli altri, di delineare un percorso che non sia in contraddizione tra la doverosa laicità dello stato e, per quanto mi riguarda, l’altrettanto doveroso impegno da cattolico. Continua a leggere →

Rispettare il referendum sull’acqua pubblica, barricate contro emendamenti a decreto liberalizzazioni

febbraio 20, 2012 in Comunicati Stampa

“Il decreto liberalizzazioni si conferma invotabile, a maggior ragione se passeranno gli emendamenti bipartisan per la privatizzazione dei servizi idrici. I partiti che sostengono il Governo, Pd in testa, stanno scandalosamente usando il provvedimento come un cavallo di Troia per capovolgere l’esito del referendum sull’acqua pubblica: all’ombra dei tecnici rischiamo di passare dalla padella alla brace”. Lo afferma il Presidente dei Senatori IdV, Felice Belisario. “L’Esecutivo Monti – aggiunge – è sempre più prigioniero dei partiti della sua strana maggioranza che, con la scusa di fare il bene del Paese, ne approfittano per favorire in realtà solo lobbisti e poteri forti. 26 milioni di cittadini hanno chiaramente espresso la propria volontà di salvare i servizi idrici dalla privatizzazione sottraendo un bene come l’acqua dalla logica del profitto. È quindi doveroso rispettare la consultazione referendaria, l’Italia dei Valori ha raccolto un fiume di firme anche per l’acqua pubblica e – conclude Belisario – siamo pronti a fare le barricate, in Parlamento e nelle piazze, per impedire che siano calpestate”.