La Consulta conferma: l’acqua deve restare pubblica. Ora disinnescare le trappole di Monti.

luglio 21, 2012 in Politica, Referendum

L’IdV ha partecipato nel 2011 alla battaglia per l’acqua come bene pubblico e continuerà a vigilare, fuori e dentro il Parlamento, affinché siano disinnescate le trappole sparse dal Governo Monti per tradire la volontà popolare. La Corte costituzionale ha infatti dichiarato illegittimo l’articolo 4 della Finanziaria-bis, approvata nell’agosto 2011 dal Governo Berlusconi per tentare di cancellare con un colpo di spugna il voto espresso appena due mesi prima da 27 milioni di italiani. Con la decisione della Consulta, però, il problema si pone anche per gli interventi successivi di Monti, in particolare il cosiddetto ‘Cresci-Italia’ e la spending review, contenenti disposizioni che potrebbero contrastare con la decisione della Consulta. Gli italiani hanno detto no alla privatizzazione dei servizi idrici, il Parlamento deve rispettare questa decisione e non consentiremo al Governo di calpestare la democrazia dando il via alla speculazione su beni inalienabili. Continua a leggere →

Presenteremo in Aula i nostri emendamenti al dddl sui partiti, bisogna fare di più

luglio 3, 2012 in Comunicati Stampa

 ”L’Italia dei valori è contraria al finanziamento pubblico ai partiti, con un referendum gli italiani hanno già chiesto la sua abolizione e ribadiremo questo principio quando il provvedimento approderà in Aula. Non abbiamo voluto dare pretesti ai partiti, già pronti a trattenere la tranche finale dei rimborsi, ma in quella sede riproporremo i nostri emendamenti affinché la politica metta giù le mani dal sacco”. Lo dichiara il Presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario. “L’IdV – aggiunge – ha insistito affinché i partiti devolvessero l’ultima rata dei finanziamenti alle popolazioni colpite dal sisma, rispettando un impegno preso nei confronti di chi soffre che la politica deve onorare al più presto. Noi avevamo comunque deciso di destinare la rata di luglio ai cittadini dell’Emilia perché, a differenza di altri, non abbiamo bisogno di provvedimenti ad hoc. Chiediamo alla strana maggioranza, sempre pronta ad imporre sacrifici ai cittadini, di fare molti più sforzi – conclude Belisario – per migliorare e rendere credibile agli occhi dei cittadini il ddl all’esame del Senato”.

La vera crisi in atto è dei partiti di maggioranza, subito riforma dei finanziamenti pubblici

aprile 22, 2012 in Comunicati Stampa

“Il Pdl e il Terzo Polo sono alla ricerca dell’identità perduta, una missione impossibile se cambiano i nomi e i simboli, ma non la ragione sociale di chi chiede sacrifici ai cittadini senza farne nessuno. La vera crisi in atto è quella della strana maggioranza, prona ad un Governo iniquo e vessatore, che ha perso credibilità alimentando l’antipolitica e la crisi sociale ed economica nel Paese”. Lo dichiara il Presidente dei Senatori IdV, Felice Belisario. “Le spinte centrifughe – aggiunge – non porteranno da nessuna parte se non si comincia a dare il buon esempio: il rinnovamento deve passare dalla rinuncia dell’ultima rata dei rimborsi elettorali e dall’abrogazione della legge sul finanziamento pubblico. L’IdV si è già impegnata in tal senso, mentre Alfano e Casini pensano a come camuffarsi in vista delle prossime elezioni. Senza una vera riforma della politica, ai partiti, che sobriamente stanno aiutando il Governo a fare macelleria sociale, non basterà nascondersi sotto mentite spoglie: i cittadini – conclude Belisario – li riconosceranno ugualmente”.

La questione morale deve essere al centro dell’agenda politica

aprile 6, 2012 in Comunicati Stampa

“La questione morale dev’essere messa al centro dell’agenda politica. È dall’inizio della legislatura che chiediamo di riformare il sistema di finanziamento ai partiti, nella colpevole indifferenza della casta che ha sempre fatto orecchie da mercante. Ora anche le forze di maggioranza si accodano e annunciano di voler intervenire per evitare altri scandali, ma dalle chiacchiere si deve passare subito ai fatti. Il Parlamento può approvare la legge in due settimane, non accettiamo che si ricorra ad un decreto scritto su misura della triplice Pdl-Pd-Terzo polo: i partiti devono metterci la faccia e cancellare senza trucchi il finanziamento pubblico. L’Italia dei Valori è già mobilitata per raccogliere le firme dei cittadini e ridare trasparenza e credibilità alle istituzioni”. Lo dichiara il Presidente dei Senatori Idv, Felice Belisario.

Caso Lusi: con il nostro disegno di legge non sarebbe mai potuto accadere

febbraio 1, 2012 in Comunicati Stampa

“Con l’approvazione del ddl che il gruppo IdV al Senato ha presentato in materia di rimborsi elettorali, uno scandalo come quello che coinvolge il senatore Lusi non sarebbe mai potuto accadere. Lo ripetiamo da tempo: serve una riforma radicale della politica a tutti i livelli per restituirle credibilità, moralità e trasparenza ed i partiti devono autoriformarsi con rigore”. Lo dichiara il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, primo firmatario del Ddl 824/2008 che propone l’interruzione dei rimborsi per consultazioni elettorali in caso di fine anticipata della legislatura.

“Certamente è anomalo – prosegue Belisario – che qualcuno intaschi 13 milioni di euro di finanziamento pubblico, questa volta ad insaputa del suo partito! Ora un passo indietro da parte del senatore Lusi è un atto dovuto a cui lui non potrà sottrarsi, visto che ha ammesso le colpe e si è assunto ogni responsabilità. Ma il problema del finanziamento pubblico ai partiti va affrontato subito dal parlamento perché è una priorità assoluta! Per questo è necessario approvare una riforma che, rispolverando anzitutto la nostra proposta sui rimborsi elettorali, introduca anche – conclude Belisario – un codice etico nella gestione dei partiti e norme più severe e incisive contro la mala politica”.

Lotta all’evasione è un dovere per tutti

gennaio 23, 2012 in Economia, Italia dei Valori, Politica, Politica e Valori, Senza categoria

Se in Italia lo scorso anno tutti avessero pagato regolarmente le tasse, non ci sarebbe stato bisogno di nessuna delle tre pesantissime manovre varate tra luglio e dicembre e, anzi, sarebbe avanzato abbastanza per tenere i conti pubblici a posto per un bel po’. Già, perché le misure lacrime e sangue approvate nel 2011 dal governo Berlusconi e dal governo Monti valgono 81,2 miliardi di euro “a regime” dal 2014, che è molto meno dei 120 miliardi di euro sottratti al Fisco. Attenzione: si parla solo di quelli scoperti, perché è chiaro che l’evasione reale ammonta a molto, molto di più. Continua a leggere →

Italia dei Valori sostiene la campagna Usigrai “Riprendiamoci la Rai”

ottobre 3, 2011 in Comunicati Stampa

“Mai come oggi, con questo governo incapace e arroccato a difesa dei sui suoi interessi privati, i beni pubblici sono in pericolo, tra questi la Rai”, dichiara il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario. “Per questo motivo l’IdV sostiene la campagna promossa dall’Usigrai ‘Riprendiamoci la Rai’. Per l’Italia dei Valori, infatti, il servizio pubblico è un bene prezioso, a cui questo centrodestra sta togliendo ogni giorno valore qualitativo e di mercato ovviamente a vantaggio del premier e delle sue aziende. La Rai va salvaguardata da coloro che la stanno portando alla deriva e va totalmente ripensato il sistema che ruota attorno al servizio pubblico, che deve essere liberato una volta per tutte dalla presenza ingombrante dei partiti. Solo seguendo le regole della professionalità e del merito, infatti, si può essere sicuri di dare ai cittadini il servizio per cui pagano il canone e a cui hanno diritto”.

Belisario a Bagnasco: Moralità politica, principio trasversale

agosto 10, 2011 in Comunicati Stampa

“Etica, moralità e buon esempio sono valori che devono guidare l’azione di ogni uomo politico, cattolico e non”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, secondo cui “i politici sono chiamati a rappresentare i cittadini e, per questo motivo, devono avere come stella polare il bene comune e provvedere a leggi che tutelino tutti, a partire soprattutto dai più deboli. Ma allo stesso tempo la classe politica deve essere al di sopra di ogni sospetto. Per questo motivo l’Italia dei Valori ripete come un mantra che in Parlamento non possono sedere politici indagati o inquisiti, che ci deve essere trasparenza negli incarichi pubblici e che chi ha il privilegio di governare il Paese deve essere il primo a fare dei sacrifici in tempi di crisi e non trincerarsi dietro gli squallidi benefici di una casta. Questi sono principi – conclude Belisario – che condividiamo e che dovrebbero contagiare in modo trasversale tutta la politica, senza distinzioni”.