Da Coordinatore IdV Area Sud lavoro per rilancio partito

novembre 24, 2012 in Comunicati Stampa

“In vista della Assemblea Generale che precederà la fase elettorale e il congresso straordinario, l’Ufficio di Presidenza dell’Italia dei Valori ha designato i coordinatori politico-territoriali del partito, al fine di risolvere le problematiche legate alla gestione locale ed avviare un nuovo percorso all’insegna della trasparenza. Da Coordinatore dell’Area Sud – Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia – ho avviato il mio lavoro di rilancio dell’IdV attraverso il rinnovamento e il rispetto di regole per essere coerenti con il nostro DNA”. Lo dichiara il Presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. “Ho già iniziato partendo da Puglia e Basilicata – prosegue – ad incontrare associazioni, movimenti e cittadini, oltre che dirigenti e aderenti all’IdV, e mi farò carico di dare applicazione alle loro istanze: è necessario affrontare e risolvere una volta per tutte la questione morale, ormai non più rinviabile, per affermare i principi della legalità e dell’onestà che rappresentano la nostra bandiera e per impegnarsi con un partito moderno affinché le istituzioni tornino ad essere case di vetro. Con il Presidente Di Pietro creeremo le condizioni per un radicale punto di svolta, in vista della prossima Assemblea del 15 dicembre, con cui avviare la nuova fase del partito. L’IdV può e deve ripartire con più slancio, cominciando proprio dal rispetto del codice etico approvato al congresso del 2010: alle prossime elezioni politiche e regionali i nostri candidati dovranno dimostrare di rispondere a canoni etici al di sopra di ogni sospetto, con una fedina penale immacolata e senza indagini in corso per reati gravi o contro la pubblica amministrazione. Farò di questa battaglia uno dei punti fondanti del mio impegno in un partito – conclude Belisario – che si deve affermare come alternativa di Governo forte e credibile, con donne e uomini capaci e affidabili”.

Una ”full immersion” nella buona politica

settembre 6, 2012 in Italia dei Valori, Politica, Referendum

Come sapete, l’Italia dei Valori è un partito radicato nel territorio che promuove da sempre il confronto di idee e l’incontro tra politica e cittadini. La democrazia partecipata è il nostro modello di riferimento e, mentre la distanza tra i Palazzi e il Paese reale aumenta a dismisura, noi continuiamo a discutere con la società civile e a rilanciarne le istanze. L’antidoto alla malapolitica  è la buona politica, è necessario riavvicinare i cittadini e coinvolgerli come parti attive della cosa pubblica affinché le istituzioni possano non solo riconquistare credibilità, ma anche arricchirsi di nuove proposte e nuovi protagonisti. Per queste ragioni, l’IdV e l’associazione “Cantiere dei Valori” hanno organizzato a Monopoli, in provincia di Bari, la prima giornata di formazione politica: “Full immersion”. Sono stato invitato dal collega Pierfelice Zazzera, che si è fatto carico della iniziativa e mi ha affidato le conclusioni della giornata. Gli argomenti non sono certo mancati. Continua a leggere →

Il Pd chiarisca sul voto per l’arresto di Tedesco

luglio 21, 2011 in Comunicati Stampa, Politica, Sanita’

“Spero che le dichiarazioni del collega D’Ubaldo siano prontamente smentite – dichiara il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario – diversamente sarebbe fin troppo chiaro chi ha salvato il senatore Tedesco. E’ giusto – conclude – che un grande partito come il Pd spieghi agli italiani quello che è veramente successo, perché il doppiopesismo non può appartenere alla coalizione di centrosinistra”.

LO STATO DELLE EMERGENZE E LA VIA D’USCITA

marzo 2, 2011 in Ambiente, Sociale

Un’ondata di maltempo sta flagellando il Centro-Sud d’Italia: i territori si sono sgretolati come castelli di sabbia, intere aree sono rimaste allagate e le infrastrutture sono crollate. Non è normale che fenomeni metereologici, anche intensi, debbano causare morti e feriti, danni per milioni di euro e in sostanza veri e propri disastri ambientali. La Basilicata, la Puglia, la Calabria e le Marche sono state colpite in modo devastante non tanto per una disgrazia del fato, quanto per una precisa responsabilità politica nei confronti dei cittadini con la quale, prima o poi, sarà inevitabile fare i conti. Continua a leggere →

SANITA’ OSTAGGIO DEL MALAFFARE POLITICO-CLIENTELARE, BASTA CON LE LOTTIZZAZIONI!

febbraio 25, 2011 in Italia dei Valori, Politica, Sanita’

La frequenza con cui nelle cronache italiane, senza grande distinzione di latitudine, la parola ‘sanità’ è accompagnata da parole come ‘scandalo’ o ‘truffa’ è allo stesso tempo il segno di un allarmante degrado e un chiaro atto di accusa verso quella classe politica che ha reso il sistema sanitario ostaggio di vergognosi intrallazzi. C’è purtroppo, nel sistema sanitario italiano, un malaffare diffuso, trasversale agli schieramenti, che resiste nel tempo. Lo testimoniano i tanti casi scoperchiati dalla magistratura negli ultimi anni, da Nord a Sud. Continua a leggere →

Basta con le lottizzazioni nella Sanità, i partiti facciano un passo indietro

febbraio 25, 2011 in Comunicati Stampa, Politica, Sanita’

“I partiti escano dalla Sanità pubblica”. E’ quanto chiede il capogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, secondo cui “i ripetuti e gravissimi scandali scoperchiati dalla magistratura negli ultimi anni, trasversali agli schieramenti, sono la prova di un malaffare osceno eppure ancora troppo diffuso. Una realtà inaccettabile, che impone alla politica di fare assolutamente un passo indietro”.

“E’ ora di finirla con la lottizzazione – aggiunge l’esponente IdV – i vertici delle strutture sanitarie devono essere nominati in base al merito, alle competenze, alla professionalità e non alle tessere di partito e alle clientele politico-affaristiche”.

VENDOLA SI OCCUPI DI GOVERNARE LA PUGLIA E GIRI DI MENO L'ITALIA

luglio 22, 2010 in Politica

Le dichiarazioni di questi giorni sulla netta contrarietà dell’IdV all’autocandidatura di Nichi Vendola alle primarie del centrosinistra sono coerenti con l’azione politica dell’Italia dei valori, da sempre contraria a impegni multipli e ogni forma di egocentrismo.
Qualcuno ha scritto che Vendola ci può spaventare. E’ fuori strada. Quello che non mi é piaciuto é la sua autocelebrazione, perché ha creato disagi a tutto il centrosinistra, dal Pd alla Federazione della Sinistra. Tra l’altro, una candidatura di questo tipo, come hanno notato alcuni analisti politici, farebbe perdere alla coalizione consensi dell’elettorato indeciso, poco incline a essere rappresentato dal radical-chic Vendola.
Proprio in virtù del successo ottenuto appena tre mesi fa alle elezioni regionali, che gli hanno consentito la rielezione a Governatore della Puglia, egli ha il dovere di dedicarsi a tempo pieno al proprio mandato.
Voler tenere i piedi in più scarpe, o peggio, lasciarsi abbagliare da smanie autocelebrative, non porta a nulla di costruttivo. La Puglia é una grande regione e ha bisogno di un Governatore a tempo pieno, che si occupi con serietà dei problemi e delle difficoltà del territorio.
Vendola prosegua con impegno il suo mandato, pensi a girare meno l’Italia e di più la Puglia che ha bisogno di una guida forte e attenta. Alle primarie, eventuialmente, ci pensi quando sarà il momento.

NUOVA APERTURA DI CREDITO A VENDOLA, ORA PROGRAMMA E PERSONE PER BENE

gennaio 26, 2010 in Politica

L’esperienza delle primarie in Puglia dà indicazioni importanti anche alla politica nazionale e deve essere un monito per il futuro. I cittadini non sono più disponibili a subire scelte calate dall’alto, soprattutto quando sono frutto di incomprensibili logiche di partito.

Capisco l’obiettivo di una parte del Pd che voleva sperimentare in Puglia una nuova politica di alleanze che comprendesse anche l’Unione di Centro, ma la presenza, per certi versi un po’ ingombrante di Nichi Vendola, ha fatto saltare questa ipotesi. L’Udc si è rifiutata di appoggiare un candidato della sinistra radicale.

Vuol dire che il laboratorio politico che voleva sperimentare il Pd in vista di una futura eventuale alleanza organica a livello nazionale, dovrà limitarsi, almeno nel mezzogiorno, soltanto alla mia Basilicata, dove l’alleanza con l’Udc sembra stata già stretta ma non ancora annunciata ufficialmente.

L’Italia dei Valori è stata critica nei precedenti cinque anni di amministrazione della giunta Vendola, soprattutto nel campo della sanità, ma ha deciso di appoggiare il candidato che avrebbe vinto le primarie. Nel caso di Vendola abbiamo fatto una nuova apertura di credito, anche alla luce dello straordinario successo alle primarie e della caparbietà e determinazione con cui è riuscito a scardinare meccanismi partitici retaggio di un vecchio modo di fare politica. Insomma, Vendola ha condotto una battaglia intercettando i bisogni, le esigenze, le speranze dei cittadini e seguendo, su questo terreno, lo stesso metodo di lavoro dell’Italia dei Valori,.

Adesso c’e’ bisogno di un programma credibile e condiviso e di una squadra di persone per bene e capaci per non ricadere negli errori del passato. Queste sono le uniche condizioni che l’Idv ha da sempre posto agli amici del centrosinistra, a prescindere dal vincitore delle primarie, oltre, ovviamente, al rispetto dovuto a una forza del peso politico e parlamentare come la nostra. Ora il Pd deve dimenticare la sconfitta e lavorare per un solo obiettivo: vincere le Regionali.