Vergognoso che Regione e Provincia non si siano costituite parte civile nel processo Fenice

ottobre 5, 2012 in Ambiente, Basilicata, Comunicati Stampa, Sanita’

 

“Regione e Provincia  avevano il dovere di costituirsi parte civile nel processo Fenice, dovevano farlo per rispetto dei cittadini e per la ricerca della verità. Non è possibile che le istituzioni e l’agenzia regionale per l’ambiente stiano a guardare mentre si cerca di fare chiarezza su una vicenda gravissima”. Lo afferma il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “Questa  incomprensibile decisione genera più di qualche dubbio perché è giunto il momento di far emergere fino in fondo le gravissime responsabilità di chi ha provocato, avallato e nascosto il disastro ambientale della Fenice. Le istituzioni non possono lavarsene le mani – conclude Belisario – devono giocare fino in fondo la partita perché vogliamo chiarezza, sicurezza e giustizia. Suona davvero strano che Comuni, associazioni ambientaliste e FIOM siano stati lasciati soli a difendere i cittadini, mentre Regione e Provincia si siano defilate. La distanza tra il Palazzo e la gente diminuisce solo in presenza di comportamenti coraggiosi e coerenti”.

Definire la Polverini una vittima è grottesco

settembre 21, 2012 in Comunicati Stampa, Politica

“Quanto è avvenuto nel Lazio è paradossale e definire la Polverini una vittima è grottesco” A dichiararlo, intervenendo a Radio Anch’io collegato dalla festa di Vasto, il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, che aggiunge: “quando è lievitato il numero dei consiglieri, delle commissioni, o quando sono aumentati gli emolumenti, le gratifiche e i finanziamenti ai gruppi, la Polverini era in vacanza o presiedeva la Regione? C’è, comunque una colpa ‘in vigilando’. La politica deve parlare chiaro. Ci sono stati i casi Lusi, Belsito, Fiorito, mezza regione Lombardia è inquisita, in Sicilia Lombardo si dimette, troppi casi diffusi di malapolitica che disgustano gli italiani. Bisogna cambiare ora. Non solo i bilanci devono essere pubblicati e certificati, la classe dirigente deve essere credibile agli occhi del Paese. Cambieremo la legge elettorale, spero in meglio, a livello nazionale, ma i cittadini – conclude Belisario- devono dare una mano e non premiare chi ha sbagliato, ma dargli il benservito una volta per tutte”.

Passera sfrutta la Basilicata per interessi lobbies del petrolio

settembre 6, 2012 in Ambiente, Basilicata, Comunicati Stampa, Economia

“Il ministro Passera persevera: anziché servire gli italiani si serve del potere che occupa per fare gli interessi dei poteri forti. Oggi tocca alle lobbies del petrolio, a cui il ministro del Sotto-Sviluppo economico sta concedendo il lasciapassare per deturpare la Basilicata, alla faccia della autodeterminazione dei territori”. A dichiararlo il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Beliasrio, che aggiunge: “il piano strategico dell’energia firmato da Passera è sconcertante. Non solo il ministro vuole incentivare le estrazioni petrolifere in un territorio già sfruttato all’inverosimile, in nome di una fonte energetica che tutti i Paesi moderni stanno abbandonando a favore dello sviluppo delle energie rinnovabili. Ma va oltre e con l’arroganza che stanno dimostrando i tecnici nel governare il Paese, ignora la volontà dei cittadini e della Regione che ha votato una moratoria che blocca le trivellazioni in Basilicata. Passera ha fatto male i conti. I lucani – conclude Belisario – non gli lasceranno distruggere un territorio già spremuto all’inverosimile e che merita solo il rilancio delle sue tante risorse naturali. Invito il presidente De Filippo e tutta la giunta regionale a non abbassare la guardia: la Basilicata non è in vendita”.

La tutela dell’ambiente e della salute sono più sacre degli accordi

giugno 7, 2012 in Ambiente, Basilicata, Comunicati Stampa

“Come è possibile che dalla Regione Basilicata sia arrivato il giudizio di compatibilità ambientale su una trivellazione altamente inquinante e senza che siano stati eseguiti ex ante gli adempimenti necessari per limitare al massimo i rischi per la popolazione?”. Lo ha detto il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. “Ha ragione De Filippo, gli impegni si rispettano, ma soltanto quando non comportano gravi danni per il territorio e per i cittadini. E tutti gli studi più accurati portano alla determinazione che il pozzo Pergola 1, nell’agro di Marsico 1, è altamente inquinante. Il reale problema è che le regole del gioco devono cambiare anche per le trivellazioni già autorizzate e non ancora cominciate perché la tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini è sacra ed è assai più importante del profitto”.

Decisione Tar sproni Regione per chiusura Fenice

novembre 19, 2011 in Comunicati Stampa, Economia, Italia dei Valori, Sanita’

“La decisione del Tar sulla Fenice deve spronare la Regione a bloccare l’Autorizzazione di Impatto Ambientale. Bisogna scrivere la parola fine su questo triste  capitolo per i cittadini e per l’ambiente. Fenice va chiuso e l’Italia dei Valori lo dice da fin troppo tempo”. Questo è il commento del presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario, in merito alla decisione del Tar che, accogliendo il ricorso di Fenice Ambiente, lascia che l’impianto resti in funzione. “L’obiettivo è uno e dovrebbe trovare tutti concordi: salvaguardare la salute dei cittadini, partendo dalla tutela dell’ambiente. La Fenice rappresenta uno stupro al territorio, e ancora tanti nodi devo essere sciolti. Le istituzioni non devono diventare complici dello sfascio ambientale, anzi devono essere il nemico di chi deturpa il territorio e minaccia la vita di chi lo vive”.

OGGI SI FA FESTA, HANNO CHIUSO L’INCENERITORE CHE AVVELENA

ottobre 14, 2011 in Ambiente, Basilicata, Politica

Evviva. Ce l’abbiamo fatta. La Fenice la smetterà di avvelenare Melfi e dintorni. Oggi la Provincia ha revocato l’autorizzazione che aveva concesso qualche tempo fa.  I dati sulle emissioni erano da mettersi le mani nei capelli, con valori di veleni anche 300 o 400 volte la norma e, poi, c’è un’indagine dell’Autorità Giudiziaria. Sin dal gennaio scorso, quando emersero per la prima volta valori così allarmanti, ho chiesto che quell’inceneritore fosse chiuso immediatamente prima che potesse fare ulteriori danni. Io e pochi altri siamo stati soli, nell’indifferenza generale, a opporci. Continua a leggere →

Ok De Filippo sul petrolio, ma niente ticket per i lucani

agosto 8, 2011 in Basilicata, Comunicati Stampa

“Sostengo da lungo tempo, e ho incardinato in tal senso iniziative legislative ed anche interrogazioni parlamentari, che la Basilicata deve guadagnare di più dall’estrazione di petrolio per bilanciare gli ingenti danni ambientali che queste estrazioni comportano. Per la Basilicata io avrei fatto scelte strategiche diverse,esaltando la tipicità di questa regione nel Sud ed investendo per avere un turismo di qualità grazie alle bellezze naturali che la rendono unica nel panorama meridionale. Poiché però gli interessi in gioco sembrano andare in una diversa direzione,visto che il petrolio è diventata una scelta irreversibile, non solo sostengo la posizione del presidente De Filippo ma, anzi, pur ritenendo corretta l’impostazione di maggiori investimenti per infrastrutture e occupazione, è necessario che le royalties siano ameno cinque volte maggiori elle attuali ed una buona parte del denaro recuperato dovrebbe essere investito per bonificare le zone di estrazione e lavorazione del petrolio. Al contrario, sulla questione del ticket in sanità , ribadisco che le risorse vadano trovate altrove,a cominciare dal taglio di sprechi, consulenze e super stipendi, non certo utilizzando un balzello odioso sulla pelle dei cittadini. La Regione – conclude Belisario – non si renda complice delle nefandezze di questo governo”.

BOSSI E CALDORO NON FACCIANO I LADRI DI PISA, NAPOLI HA IL DIRITTO DI RINASCERE!

giugno 26, 2011 in Ambiente, Elezioni Amministrative 2011, Italia dei Valori, Politica

Oggi il Governatore della Campania Stefano Caldoro è intervenuto per difendersi dalle accuse della magistratura, che gli ha inviato un avviso di garanzia per epidemia colposa: ha annunciato che lui non ha responsabilità e che la Regione non parteciperà più ad alcun tavolo istituzionale. Da parte sua Bossi assicura che non voterà mai il decreto che consente il trasferimento extra-regionale dei rifiuti, impedendo così di superare la fase emergenziale. Con questo atteggiamento, ho l’impressione che Caldoro e Bossi facciano come i ladri di Pisa: di giorno fingono di litigare e la notte rubano insieme la speranza ai napoletani, perché non riescono ad accettare la sconfitta alle amministrative. Ostacolando de Magistris e i cittadini, Pdl e Lega negano a Napoli il diritto di rinascere: questo non possiamo permetterlo. Continua a leggere →