Il ddl sui partiti è un grande bluff, no alla controriforma della casta

luglio 5, 2012 in Comunicati Stampa

 

 

“Il Parlamento ricorre a trucchi da illusionista e spaccia come oro colato un pessimo provvedimento, nient’altro che un grande bluff con cui la maggioranza ABC spera di rifarsi una verginità”. Lo dichiara il Presidente del Gruppo IdV al Senato, Felice Belisario. “Il ddl – aggiunge – non si occupa di superare il finanziamento pubblico ai partiti, di affrontare il cancro della corruzione nella politica, di attuare l’articolo 49 della Costituzione, di imporre il controllo dei bilanci da parte della Corte dei conti e di sbarrare le porte delle istituzioni a rinviati a giudizio e condannati. È un provvedimento di cartapesta, la questione dei fondi alle popolazioni colpite dal sisma è solo il pretesto utilizzato per mascherare questo raggiro: l’Italia dei Valori aveva già assunto l’impegno di devolvere l’ultima rata dei rimborsi all’Emilia, senza bisogno di leggi ad hoc che a questo punto suonano come una moneta falsa. Abbiamo presentato i nostri emendamenti in Aula affinché fossero accolte le istanze della società civile, ma – conclude Belisario – è evidente che la casta ha voluto approvare una controriforma gattopardesca, che non restituisce credibilità alle istituzioni e otterrà l’unico effetto di alimentare l’antipolitica”.

 

Presenteremo in Aula i nostri emendamenti al dddl sui partiti, bisogna fare di più

luglio 3, 2012 in Comunicati Stampa

 ”L’Italia dei valori è contraria al finanziamento pubblico ai partiti, con un referendum gli italiani hanno già chiesto la sua abolizione e ribadiremo questo principio quando il provvedimento approderà in Aula. Non abbiamo voluto dare pretesti ai partiti, già pronti a trattenere la tranche finale dei rimborsi, ma in quella sede riproporremo i nostri emendamenti affinché la politica metta giù le mani dal sacco”. Lo dichiara il Presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario. “L’IdV – aggiunge – ha insistito affinché i partiti devolvessero l’ultima rata dei finanziamenti alle popolazioni colpite dal sisma, rispettando un impegno preso nei confronti di chi soffre che la politica deve onorare al più presto. Noi avevamo comunque deciso di destinare la rata di luglio ai cittadini dell’Emilia perché, a differenza di altri, non abbiamo bisogno di provvedimenti ad hoc. Chiediamo alla strana maggioranza, sempre pronta ad imporre sacrifici ai cittadini, di fare molti più sforzi – conclude Belisario – per migliorare e rendere credibile agli occhi dei cittadini il ddl all’esame del Senato”.

Le lacrime della Fornero erano di coccodrillo, ma in Italia c’è una bomba sociale pronta ad esplodere

aprile 21, 2012 in Economia, Lavoro, Politica

Dopo aver prolungato l’età pensionabile, impedito ai giovani l’ingresso nel mondo del lavoro, lasciato nel limbo gli esodati ed eliminato le giuste tutele dell’articolo 18, il Ministro Fornero afferma che in Italia si protesta un po’ troppo. L’invito è rivolto quindi ai precari, alle aziende che chiudono, ai disoccupati e agli imprenditori sempre più disperati: subite le iniquità in silenzio, senza disturbare il manovratore. Perfino le parti sociali e le forze politiche dovrebbero evitare di lamentarsi di fronte agli inaccettabili sacrifici chiesti dall’Esecutivo Monti, quello che nessuno ha eletto e che non intende applicare alcuna deroga alla linea del rigore verso le fasce più deboli. Dal Ministro del Lavoro arriva l’ennesima conferma: le sue famose lacrime erano di coccodrillo, la missione è quella di fare solo macelleria sociale. Con le controriforme del lavoro e delle pensioni il Governo ci sta riuscendo benissimo, ma basta considerare gli ultimi dati di Cgil, Cgia di Mestre e Istat per capire che in Italia c’è una vera e propria bomba sociale pronta ad esplodere. Continua a leggere →

Da domani raccolta di firme contro il finanziamento pubblico ai partiti: togliamo il grasso dalla politica

aprile 20, 2012 in Politica, Referendum

Per l’Italia dei Valori i meccanismi di finanziamento ai partiti, le regole per il buon funzionamento della politica e gli stessi rapporti tra i diversi organi istituzionali non sono elementi di dibattito nuovi né tanto meno incidentali. Da tempo abbiamo presentato le nostre proposte per un sistema più snello, trasparente ed efficiente ma, come al solito, la casta ha il vizio di chiudere la stalla dopo che i buoi sono già scappati. Meglio tardi che mai, si direbbe. Invece, gli interventi proposti dalla triumvirato ABC in materia di riforma dei partiti rischiano di essere non soltanto tardivi, ma anche inutili e dannosi. Per questo, domani parte la nostra iniziativa “Giù le mani dal sacco”, una campagna di raccolta firme che, dopo i referendum dello scorso anno, restituisce la parola ai cittadini per costringere i partiti a dare un taglio agli sprechi e alle ruberie.  Continua a leggere →

Il ddl sui partiti firmato ABC è solo fumo negli occhi, serve una riforma seria o l’unica via è il referendum

aprile 12, 2012 in Politica

Il ddl di riforma dei partiti targato ABC serve solo a gettare fumo negli occhi dei cittadini e tenersi stretto l’arrosto dei rimborsi elettorali. Se questa strana maggioranza non sa proporre null’altro che un accordo al ribasso, l’unica via è quella di lasciar decidere agli italiani. Abbiamo già presentato in Cassazione sia un referendum che una proposta di legge popolare per tagliare la testa al toro. Continua a leggere →

Per i partiti una vera cura dimagrante. No a pasticcio all’italiana

aprile 12, 2012 in Comunicati Stampa, Italia dei Valori, Politica

“Rinunciare subito ai 100 milioni dell’ultima rata del finanziamento pubblico, ridurre al minimo i rimborsi elettorali, pagandoli a consuntivo dopo le elezioni, prevedere la piena tracciabilità dei finanziamenti privati e con un tetto massimo e, soprattutto, attuare l’articolo 49 della Costituzione e dando ai partiti una soggettività giuridica con statuti che assicurino anche una democrazia interna effettiva. Questa è la strada da percorrere per una vera cura dimagrante per i partiti, altrimenti tra sei mesi saremo punto e a capo”  A dichiararlo a TgCom24, questa mattina, il capogruppo dell’Italia dei Valori in Senato, Felice Belisario, che aggiunge: “dobbiamo evitare che siano solo i miliardari, le lobbies o le grosse società a condizionare la politica. Ma questo non significa che fiumi di denaro pubblico debbano andare ai partiti senza nemmeno i controlli necessari. Oggi finalmente i tre signori “A-B-C” hanno deciso che i rimborsi vanno certificati. Ben arrivati ultimi! Noi dell’IdV lo abbiamo sostenuto in tempi non sospetti. Non serve, però, un’Authority ad hoc, che altro non è che il classico pasticcio all’italiana. Esiste – conclude Belisario – già un organo di controllo contabile sui soldi pubblici, la Corte dei Conti. Non capiamo proprio la necessità di affrontare nuovi costi, soprattutto in tempi di crisi, per la creazione di un’altra struttura”.

Rosy Mauro si dimetta da vicepresidente del Senato, lo scandalo non può infangare le istituzioni

aprile 7, 2012 in Politica

I vertici leghisti assicurano che faranno pulizia e non vogliono che le Procure o la politica mettano il becco nei loro affari. Ma è in gioco la credibilità della politica italiana, mica quella della Padania che nessuno ha mai preso sul serio! La bufera che si è abbattuta sul Carroccio non può essere risolta nelle chiuse stanze di via Bellerio, dall’inchiesta emerge l’allegro sperpero di soldi pubblici concessi per esercitare un’essenziale funzione democratica, non per pagarsi diplomi e lauree. Beata ignoranza: Bossi assicura di non averne mai saputo niente, ma si è dimesso da segretario. Bene, faccia altrettanto anche Rosy Mauro e lasci la vicepresidenza del Senato, lo scandalo non può trascinare nel fango le istituzioni della Repubblica. La magistratura farà il suo corso, ma ragioni di opportunità impongono un passo indietro da parte di chi ricopre cariche così importanti ed è al centro di una vicenda gravissima, squallida e infamante. Continua a leggere →

La questione morale deve essere al centro dell’agenda politica

aprile 6, 2012 in Comunicati Stampa

“La questione morale dev’essere messa al centro dell’agenda politica. È dall’inizio della legislatura che chiediamo di riformare il sistema di finanziamento ai partiti, nella colpevole indifferenza della casta che ha sempre fatto orecchie da mercante. Ora anche le forze di maggioranza si accodano e annunciano di voler intervenire per evitare altri scandali, ma dalle chiacchiere si deve passare subito ai fatti. Il Parlamento può approvare la legge in due settimane, non accettiamo che si ricorra ad un decreto scritto su misura della triplice Pdl-Pd-Terzo polo: i partiti devono metterci la faccia e cancellare senza trucchi il finanziamento pubblico. L’Italia dei Valori è già mobilitata per raccogliere le firme dei cittadini e ridare trasparenza e credibilità alle istituzioni”. Lo dichiara il Presidente dei Senatori Idv, Felice Belisario.